Provincia

Acciughe, aglio e fujot: scatta il Bagna Cauda Day. I locali in provincia

Nato ad Asti, l'evento ha preso subito piede anche qui, grazie alla tradizione comune contadina. Molti i locali aderenti, che la servono come Dio comanda, eretica e atea (in base alla quantità d'aglio)

PROVINCIA -  Dal Monferrato casalese alle falde degli Appennini, passando per Alessandria e Tortona. Anche la provincia di Alessandria si è fatta trasportare dal profumo di aglio e acciughe e partecipa al Bagna Cauda Day, rito collettivo per celebrare uno dei piatti poveri della tradizione contadina, ma che in questi anni è stato riscoperto e reso persino trendy con una sapiente azione di marketing.

La Bagna Cauda è vista nella sua vera natura: non una pietanza, ma un momento di aggregazione attorno al tavolo, tipico della ruralità langarola e monferrina. A dispetto del nome l'evento dura tre giorni, dal 24 al 26 novembre. Durante i quali si cena e si brinda col Barbera e l'Asti secco. Ci si bacia a mezzanotte con il coraggio di chi si è fatto una scorpacciata 'all'aglio' (si può 'barare' ed usare prima il kit del dopo bagnacauda con dentifricio “Baciami subito”, magnesia, cola, grappa, cioccolato).

E si premia la Testa d’aj, il personaggio pubblico che nella vita ha dimostrato di saper andare con tenacia e fantasia controcorrente e di non temere di ritrovarsi “fuori dal coro”. Quest'anno andrà ad Antonio Ricci,  l'autore tv papà di Striscia la Notizia e altri programmi di successo.

Ecco i locali in provincia di Alessandria aderenti al Bagna Cauda Day: 

Bar di Sotto – Fubine, Billy Bau – Camino, Bricco Gallo – Tigliole, Cà San Sebastiano – Camino, Cascina Gasparda – Olivola, Crea Ristorante – Serralunga di Crea, Crealto – Alfiano Natta, Il Grappolo – Alessandria, Infernot La Cantina del Paradiso – Serralunga di Crea, Infernot Zavattaro – Ozzano Monferrato, Mezzo Litro – Alessandria, Pro Loco Giarole – Giarole, Rocca di Camagna – Camagna Monferrato, Serra – Odalengo Piccolo, Trapella – Casale Monferrato.

OVADESE/ACQUESE:
Ar dou veje – Silvano d’Orba, Grimalda – Rocca Grimalda, Casa vinicola Marenco – Strevi, Mirepuà – Rivalta Bormida, Montecarlo – Tortona, Nebbioli – Gavi, Osteria Piemontemare – Gavi, Pignatta in enoteca – Ovada, Quartino Divino – Ovada, Trattoria dei Tacconotti – Frascaro, Del Pallone – Bistagno.

Ogni ristorante può fornire più varianti, con o meno aglio, a seconda dei gusti. C'è la versione “Come Dio comanda”, ovvero con la quantità d'aglio giusta, la versione "Eretica", un pochino stemperata, e quella senza del tutto, chiamata "Atea".

www.bagnacaudaday.it
24/11/2017







blog comments powered by Disqus


Concorso internazionale di poesia “Città di Acqui Terme”: oltre mille le opere inviate

Cultura | Il Concorso di poesia è suddiviso in sei diverse sezioni e comprende opere di autori giovanissimi che frequentano le scuole primaria, secondaria inferiore e superiore, di adulti a tema libero, a tema e la sezione libro edito. La premiazione a settembre ad Acqui Terme con la lectio magistralis e il Premio alla Carriera a Luciano Canfora

Ad “Acqui in palcoscenico” la danza dalla Spagna

Acqui Terme | Domenica 22 luglio al Teatro Verdi appuntamento con il XXV festival internazionale di danza. Il programma inizia con una parte dedicata alla chitarra flamenca da concerto, per poi concentrarsi sul “cante y baile” e concludersi con il Fin de Fiesta, in cui l’improvvisazione e il divertimento si fondono in un finale travolgente ed appassionato

Il protocollo "Viola" esteso a tutta la Provincia

Provincia | Il protocollo contro la violenza sulla donne, partito in via sperimentale nel 2014, è stato sottoscritto ieri, in Prefettura, da tutti gli enti e le istituzioni del territorio

Carceri pretorie e rifugio antiaereo: visite guidate con i “Ciceroni in erba”

Acqui Terme | Dal 21 luglio quattro sabati per scoprire o rivedere le Carceri Pretorie progettate nel 1789 da Giovanni Battista Feroggio ed il rifugio antiaereo realizzato nel 1943 da Venanzio Guerci

Alessandria, un territorio compatto sull'accoglienza migranti. Orgoglio riemerso

Provincia | Accoglienza diffusa, tavoli di confronto e la ricerca della coesione istituzionale e sociale: il Prefetto Romilda Tafuri, che a breve lascerà la Provincia, fa un bilancio dei sei anni di permanenza a palazzo Ghilini in questa intervista esclusiva