Acqui Terme

Acqui Terme entra nel servizio digitale dell'Anagrafe Nazionale

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in Anpr e non più esclusivamente in quello di residenza

ACQUI TERME - Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, il Comune di Acqui Terme, grazie al supporto di ApKappa, annuncia un importante risultato nel percorso di Innovazione Digitale che vede impegnata l’Amministrazione Comunale: la città della Bollente è uno dei Comuni alessandrini a concretizzare il passaggio ad ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente), che accorperà i dati delle oltre ottomila anagrafi dei Comuni italiani, costituendo un riferimento unico per la Pubblica Amministrazione, le società partecipate e i gestori di servizi pubblici. 

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in ANPR e non più esclusivamente in quello di residenza; in futuro i cittadini potranno inoltre collegarsi direttamente on line ad ANPR per richiedere certificati e informative.

Alla banca dati di ANPR possono fare riferimento non solo i Comuni, ma l'intera Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, nel rispetto assoluto della tutela dei dati personali. ANPR rappresenta uno dei passi fondamentali nell’ambizioso progetto, promosso dall’AgID, che guida la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione: ridisegnare i processi attraverso cui essa si relaziona con i cittadini partendo da un patrimonio informativo condiviso, di qualità e sempre aggiornato, con cui realizzare concretamente la data driven administration. 

"Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, è un grande passo – sottolinea il sindaco Lorenzo Lucchini – per il Comune di Acqui Terme, che procede nell’ambito dell'informatizzazione in maniera spedita. Attualmente sono solo quattro i Comuni alessandrini che sono passati all’ANPR. Traghettare da una anagrafe locale a una banca dati unica nazionale rappresenta un delicato passaggio strategico per il nostro ente. La creazione di una banca dati unica è fondamentale, poiché permetterà i passaggi anagrafici in maniera più puntuale e semplice. È ovvio che solo quando tutti i Comuni italiani faranno questo passaggio capiremo la portata e i benefici di tale progetto. Fondamentale è, come sempre, la collaborazione, l'operatività e l'esperienza delle risorse comunali, che permettono di raggiungere sempre nuovi e importanti risultati. Siamo orgogliosi che Acqui Terme sia uno dei primi Comuni dell’alessandrino. Ci muoviamo sempre verso il cambiamento, innovando il modo di lavorare e offrendo servizi avanzati ai cittadini".
10/10/2018







blog comments powered by Disqus


Fra HSL Derthona ed Acqui finisce pari, ma le occasioni non sono mancate...

Promozione - girone D | Tre reti annullate per fuorigioco e tante occasioni da gol: si ferma la striscia di vittorie dell'HSL Derthona

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi

"Tartufi, un monopolio di pochi dopo la creazione dei consorzi"

Novi Ligure | Secondo l'Associazione dei liberi tartufai, i consorzi riservano a poche persone la raccolta dei tartufi nelle zone più produttive. Lorenzo Tornato: "Chiediamo una moratoria per evitare che la ricerca dei tartufi diventi solo un business"

Fucili e pistole antiche, anche modificate. Arrestato un 70enne

Acqui Terme | Un centinaio di munizioni non registrate, fucili rubati, armi modificate e una vecchia denuncia a dimostrare che il 'vizio' del cacciatore-armaiolo non era passato. Le lamentele dei compaesani hanno fatto scattare le indagini

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica