Acqui Terme

Acqui Terme entra nel servizio digitale dell'Anagrafe Nazionale

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in Anpr e non più esclusivamente in quello di residenza

ACQUI TERME - Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, il Comune di Acqui Terme, grazie al supporto di ApKappa, annuncia un importante risultato nel percorso di Innovazione Digitale che vede impegnata l’Amministrazione Comunale: la città della Bollente è uno dei Comuni alessandrini a concretizzare il passaggio ad ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente), che accorperà i dati delle oltre ottomila anagrafi dei Comuni italiani, costituendo un riferimento unico per la Pubblica Amministrazione, le società partecipate e i gestori di servizi pubblici. 

Grazie a un'unica Anagrafe nazionale sarà possibile ottenere certificati anagrafici in qualsiasi Comune italiano già presente in ANPR e non più esclusivamente in quello di residenza; in futuro i cittadini potranno inoltre collegarsi direttamente on line ad ANPR per richiedere certificati e informative.

Alla banca dati di ANPR possono fare riferimento non solo i Comuni, ma l'intera Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, nel rispetto assoluto della tutela dei dati personali. ANPR rappresenta uno dei passi fondamentali nell’ambizioso progetto, promosso dall’AgID, che guida la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione: ridisegnare i processi attraverso cui essa si relaziona con i cittadini partendo da un patrimonio informativo condiviso, di qualità e sempre aggiornato, con cui realizzare concretamente la data driven administration. 

"Dopo l'attivazione della carta d'identità elettronica, è un grande passo – sottolinea il sindaco Lorenzo Lucchini – per il Comune di Acqui Terme, che procede nell’ambito dell'informatizzazione in maniera spedita. Attualmente sono solo quattro i Comuni alessandrini che sono passati all’ANPR. Traghettare da una anagrafe locale a una banca dati unica nazionale rappresenta un delicato passaggio strategico per il nostro ente. La creazione di una banca dati unica è fondamentale, poiché permetterà i passaggi anagrafici in maniera più puntuale e semplice. È ovvio che solo quando tutti i Comuni italiani faranno questo passaggio capiremo la portata e i benefici di tale progetto. Fondamentale è, come sempre, la collaborazione, l'operatività e l'esperienza delle risorse comunali, che permettono di raggiungere sempre nuovi e importanti risultati. Siamo orgogliosi che Acqui Terme sia uno dei primi Comuni dell’alessandrino. Ci muoviamo sempre verso il cambiamento, innovando il modo di lavorare e offrendo servizi avanzati ai cittadini".
10/10/2018







blog comments powered by Disqus


Vino, gioielli e prodotti bio dalla provincia a “Fa' la cosa giusta!”

Life | Da Castelletto Monferrato una novità nella sezione dedicata al mondo del fashion, da San Giorgio Monferrato accessori in plexiglass e legno, da Cartosio il vino della Cascina Roccabianca, impresa agricola eco-sostenibile e da Novi Ligure Portanatura, l'ente che raggruppa una rete di produttori e gestisce gli ordini dei consumatori, permettendo così anche a chi vive in città di avere prodotti biologici e freschi

Da Doppio sogno a Eyes Wide Shut: il doppio labirinto

Cinema | “Destituita la città di tutto il suo potere fantasmagorico, Kubrick rimette al centro della vita dell’uomo il cuore di tenebra, o di luce, che è irraggiungibile ed eternamente presente: per vedere bene bisogna chiudere gli occhi, come diceva Kafka a Janouch”

Premio Acqui Storia: pubblicato il bando 2019

Cultura | Le Case editrici possono inviare le opere concorrenti entro il 31 maggio 2019; fra queste i giurati individueranno entro il mese di luglio i 5 finalisti per ogni sezione e per l’autunno i vincitori delle tre sezioni a cui andrà un premio di 6500 euro cadauno

Danni ungulati, dopo Torino gli agricoltori puntano a Roma

Economia | Una delegazione di agricoltori della Cia, confederazione agricoltori Italiani, è stata ricevuta in consiglio regionale per discutere delle misure per arginare i danni alle colture provocate da cinghiali e caprioli. Anche Cia Alessandria era presente. Secondo l'assessore Ferrero i limiti di intervento sono fissati dalle legge nazionali

Vendono magliette “taroccate” a loro insaputa, assolti in tribunale

Cronaca | Due commercianti di Acqui sono stati assolti dall'accusa di commercializzazione di merce contraffatta e ricettazione: in un banco del mercato di Ovada esponevano maglie e felpe con i 7 nani non originali. Per il tribunale il fatto non sussiste