Promozione - girone D

Acqui, Torino è ancora amara: 4 reti dal Cit

La doppietta di Massaro non basta: il Cit Turin rimonta e si porta a tre punti dai termali, a rete con una doppietta di Massaro

TORINO - Brutta sconfitta per l'Acqui di Merlo, rimontato e sconfitto per 4-2 in casa del CIT Turin e ora solamente a +3 in classifica dalla formazione allenata da mister Garau. Una partita a due facce per la formazione ospite, autrice, su un campo intriso d'acqua, di un ottimo primo tempo e di uno specularmente pessimo secondo tempo.

L'occasione del gol, dopo soli 5': Controverso ha sui piedi un pallone da rinviare rapidamente e su di lui si avventa Massaro. Il rilancio del portiere colpisce la coscia dell'attaccante e schizza all'indietro, così carica d'effetto da descrivere un arco attorno al palo della porta, concedendo a Massaro il tap-in in rete per l'1-0. Un vantaggio che l'Acqui legittima con un primo tempo autoritario, dove il Cit non è mai messo nelle condizioni di ripartire. Anche la ripresa inizia sulla falsariga, ma solo brevemente. Dall'altro lato mister Garau cambia la squadra, inserendo Salvador a sinistra per un assetto ultraoffensivo, che subito ripaga al 12': su rimessa laterale battuta tesa in area, torre di Cattaneo sul primo palo e sul secondo arriva Gagliardi che di piatto fa 1-1. Subire su fallo laterale non è indice di grande concentrazione, ma ora l'Acqui va proprio in bambola: passano 4' e Gallo su un traversone dalla trequarti mette in corner un pallone che poteva tranquillamente bloccare. Dalla bandierina, cross teso al centro, incornata di Moncalvo e siamo 2-1. Due gol in pochi minuti sono un colpo da ko: l'Acqui fatica a riprendersi, e il Cit quando riparte è sempre pericoloso. Chiude il conto al 25', con un capolavoro di Gagliardi, che sul vertice sinistro dell'area ha la palla sul destro, la sposta di esterno e la chude di interno “alla Del Piero”: pallone sotto l'incrocio, e ciao ciao Acqui. Restano venti minuti, in cui Merlo si gioca le carte Gai e Rossini, senza però grandi risultati. Solo al 47', su una punizione a due dai diciotto metri, Massaro insacca nell'angolino e riaccende un barlume di speranza, che però si spegne nel giro di trenta secondi: con l'Acqui tutto avanti, il Cit riparte due contro uno, il primo tiro di Gigante trova pronto Gallo, ma sulla respinta Salvador chiude i conti per il 4-2 finale. 


CIT TURIN - ACQUI 4-2
Reti: pt 5' Massaro; st 12' Gagliardi, 16' Moncalvo, 25' Gagliardi, 47' Massaro, 48' Salvador

Cit Turin (4-3-1-2): Controverso 5; Bonaveri 6, Cirillo 6.5, Moncalvo 6.5, Canta 5.5 (7' st Salvador 7) ; Cattaneo 6.5, Panarese 6.5, Sandiano 6; Gianarro 6.5 (40'st Guacchione ng); Manusia 6 (43' st Gigante ng), Gagliardi 7 (32'st Sega ng). A disp.: Comito, Sorrentino, Osson. All.: Garau
Acqui (4-3-3): Gallo 5; Perelli 6, Acossi 5.5, Morabito 6, Mirone 6; De Bernardi 6 (20'st Roveta 5.5), Rondinelli 5.5, Cavallotti 6.5; Campazzo 5.5 (25'st Rossini 6), Massaro 7, Motta 6 (20'st Gai 5.5). A disp.: Rovera, Bernardi, Aresca, Manno. All.: Art.Merlo

Arbitro: Carano di Torino 6.5 (Nuvoli e Mazzucchi di Torino)

 
12/03/2018







blog comments powered by Disqus


Don Giorgio saluta Ovada dopo 25 anni

Ovada | Parroco in città dal 2001 si occuperà della Cattedrale e di altre due realtà acquesi nell'ambito della riorganizzazione varata dal nuovo vescovo Luigi Testore

Maturandi ai blocchi di partenza, mercoledì al via le prove per 2.622 studenti

Scuola | Sono 2.622 i maturandi che mercoledì affronteranno la prima delle tre prove scritte dell'esame di maturità. 964 sono gli studenti degli istituti tecnici, seguiti per numero dagli alunni dei licei scientifici

Darwin Pastorin ad Acqui Terme per presentare la sua "Lettera ad un giovane calciatore"

Acqui Terme | Giovedì 21 alle 21 alla Biblioteca Civica “La Fabbrica dei Libri di Acqui Terme la presentazione del volume “Lettera a un giovane calciatore” del noto giornalista sportivo Darwin Pastorin

Gaudenzio Ferrari tra Vercelli, Novara e Varallo, una mostra “all’antica” che segue la storia

Cultura | Organizzata in senso cronologico, si tratta dell’esposizione dedicata allo straordinario pittore che oggi diremmo piemontese, architetto, plastificatore, musicista e poeta, che si dipana dalle prime prove fino alle ultime, prodotte a Milano per gli Sforza.

Basta morti sul lavoro, l'industria sciopera per quattro ore

Economia | I sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno confermato le quattro ore di sciopero, dalle 8 alle 12, il prossimo 19 giugno, tutto il comparto dell'industria per chiedere di "fermare la strage" delle morti sul lavoro