Cronaca

Aggrediscono richiedente asilo e si filmano, denunciati due minorenni

Un minorenne acquese ha aggredito un giovane richiedente asilo: dopo averlo spintonato, lo ha buttato a terra, provocandogli un trauma cranico, l'amico lo incitava, davanti all'indifferenza dei presenti. La scena è stata filmata con un cellulare e diffusa su Facebook. I due sono stati individuati e denunciati. Il sindaco: "chiedo scusa a nome della città" [AGGIORNAMENTO]

CRONACA – Hanno cercato di provocarlo:“Levati da c...” Lui ha cercato di non reagire: “don't touch me, non toccatemi”, chiedeva.
Stava guardando un reperto archeologico, nei pressi di palazzo Levi, in pieno centro ad Acqui, un giovane richiedente asilo. Non chiedeva elemosina, non faceva il parcheggiatore. Guardava e basta. E' stato avvicinato da un gruppetto di italiani. Hanno iniziato a provocarlo e spintonarlo. Lui, il richiedente asilo di colore, non reagisce, cerca di fare finta di nulla. Le provocazioni non finiscono. Uno del gruppo riprende la scena, ridacchia, incita: “ora dà la carica al destro..”.

Non mollano.. “vai via, perchè non te ne vai?”. Il bullo continua a spintonarlo, fino a farlo cadere a terra. Passano auto e nessuno si ferma. Un altro giovane è seduto sulla panchina, si alza e si allontana. Il richiedente asilo finisce all'ospedale, con un trauma cranico. I bulli completano l'opera: pubblicano il video della loro impresa su Facebook.

Il video viene segnalato ai carabinieri di Acqui che, in poche ore, individuano gli autori dell'aggressione. Il bullo è un acquese di 17 anni, con qualche precedente per reati contro il patrimonio. L'incitatore, anch'egli italiano e già noto alle forze dell'ordine, è di un paese nei dintorni. Per il primo è scattatala denuncia per lesioni; per il secondo l'istigazione a delinquere. Il fascicolo è ora in mano alla procura della Repubblica dei minorenni di Torino.

L'episodio è avvenuto lo scorso 8 agosto. Le indagini proseguiranno per giungere all’identificazione degli altri soggetti presenti, tra cui l’autore del video.

Il sindaco Lucchini: "chiedo scusa a nome della città"

"È un atto vergognoso – ha affermato il Sindaco Lorenzo Lucchini - e ritengo che accostare Acqui Terme a questo gesto costituisca un danno di immagine notevole. Non nascondo di essere molto irritato. Azioni di questo genere mi feriscono personalmente. Provo imbarazzo, sia come cittadino sia come amministratore, dover commentare le immagini di questa aggressione. Sono atti gravi che rigetto e che non hanno nulla da spartire con Acqui Terme. Mi sento in dovere di chiedere scusa a nome di tutta la città. Intendiamo, come amministrazione, costituirci parte civile nel processo e stiamo verificando le procedure con i nostri legali. In tempi brevi vogliamo incontrare la persona che ha subito l’aggressione per mostrargli la nostra vicinanza e ringraziare il giovane ragazzo che è intervenuto per allontanare l’aggressore".

Sul tema è intervenuto anche l'europarlamentare del Pd Daniele Viotti, che commenta: "Fatti come quelli che hanno visto oggi un giovane richiedente asilo picchiato ad Acqui sono gravissimi e si commentano da soli.
Ricordiamoci però che tutto questo è diretta conseguenza di un dibattito isterico, portato all'eccesso da una politica allarmista che soffia sulla paura e genera nemici ad hoc da neutralizzare ad ogni costo e con ogni mezzo.
Dobbiamo darci tutti quanti una calmata. Lo dico anche a quanti nel mio partito continuano a pensare che il pugno di ferro sia la strategia migliore per risolvere situazioni che sono, soprattutto, drammi umani". 

(immagine generica di repertorio)


31/08/2017







blog comments powered by Disqus


Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone

In cammino | Diciasettesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

Prigionieri di chi e di cosa

Opinioni | Come si può ragionevolmente sostenere che in Alessandria o in altre città italiane si viva “prigionieri a casa nostra”? Come si può essere così accecati dalle proprie paure e dai propri pregiudizi per arrivare a inventare una realtà che non esiste, non è mai esistita e nemmeno mi sembra in procinto di esistere?

Prevenzione e cura del gioco d'azzardo patologico: al via il piano regionale

Torino | Ecco il piano della Regione per coordinare tutti gli interventi contro la ludopatia: si punta su formazione, campagne pubblicitarie mirate e potenziamento dei servizi sanitari

Le frontiere e l’Europa unita

Opinioni | Appare interessante la prospettiva di affidare il potere di controllo delle frontiere a un’autorità comune, che governi i flussi interni e soprattutto esterni al territorio europeo in modo coerente, adottando una condotta più inclusiva o più esclusiva a seconda delle necessità, delle emergenze e delle circostanze storiche

Lunedì ancora pioggia. Poi torna il sereno

Meteo | Una perturbazione atlantica porterà lunedì pomeriggio rovesci anche temporaleschi. Da martedì invece torna un cielo sereno o poco nuvoloso grazie al vento di Fon che spazzerà via le nubi