Cronaca

Allerta meteo, possibili forti temporali nel basso alessandrino

Allerta meteo "gialla" per le prossime 36 ore: sono attese precipitazioni forti anche a carattere temporalesco, in particolare nella mattinata di domani sul basso alessandrino

ALESSANDRIA – Allerta meteo “gialla” per le prossime 36 ore in provincia di Alessandria. L’ha proclamata l’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, con il bollettino diramato alle 13.00 di oggi, mercoledì 10 ottobre. Si tratta del primo e più basso livello di allerta. Il bollettino dell’Arpa riguarda le valli Borbera, Scrivia, Lemme, Orba e Bormida, in pratica tutta la zona sud della provincia di Alessandria. Sulla vicina Liguria è stata invece diramata l’allerta meteo “arancione”, quindi di secondo livello.

Il possibile pericolo arriva dalle precipitazioni – piogge e temporali – che potrebbero colpire il Piemonte nelle prossime ore. Sono attese precipitazioni forti anche a carattere temporalesco, in particolare nella mattinata di domani sul basso alessandrino. I fenomeni saranno particolarmente persistenti sul settore appenninico. Nel pomeriggio di domani le precipitazioni si attenueranno progressivamente, ma rimarranno deboli diffuse con residui rovesci localmente forti sull’Appennino.
10/10/2018







blog comments powered by Disqus


Fra HSL Derthona ed Acqui finisce pari, ma le occasioni non sono mancate...

Promozione - girone D | Tre reti annullate per fuorigioco e tante occasioni da gol: si ferma la striscia di vittorie dell'HSL Derthona

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi

"Tartufi, un monopolio di pochi dopo la creazione dei consorzi"

Novi Ligure | Secondo l'Associazione dei liberi tartufai, i consorzi riservano a poche persone la raccolta dei tartufi nelle zone più produttive. Lorenzo Tornato: "Chiediamo una moratoria per evitare che la ricerca dei tartufi diventi solo un business"

Fucili e pistole antiche, anche modificate. Arrestato un 70enne

Acqui Terme | Un centinaio di munizioni non registrate, fucili rubati, armi modificate e una vecchia denuncia a dimostrare che il 'vizio' del cacciatore-armaiolo non era passato. Le lamentele dei compaesani hanno fatto scattare le indagini

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica