Novi Ligure

Andrea tradito dalla montagna che amava di più

E' morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure precipitato durante una scalata sul Monte Bianco. L'ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto cadere e finire in un crepaccio

COURMAYEUR – È morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure che nella notte tra giovedì 7 e venerdì 8 settembre è precipitato durante la salita della via Major al Monte Bianco, sul versante della Brenva. Era la montagna che amava di più, c'era già stato ad agosto per festeggiare lassù in solitaria il proprio 21esimo compleanno.

Andrea, 21 anni, era partito da solo verso l’una di notte, l’ora adeguata per affrontare una via impegnativa come la Major. Stando alla ricostruzione degli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Entrèves, operata sulla base delle foto scattate dall’alpinista stesso durante l’ascesa, l’incidente si è verificato dopo le tre del mattino, quando la salita era iniziata da poco più di due ore.

L’ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto precipitare per quasi trecento metri, finendo in un crepaccio terminale ai piedi della parete d’inizio via. Nel tardo pomeriggio di venerdì, quando Andrea non è ritornato a valle e il suo cellulare risultava muto, è scattato l’allarme: un elicottero si è alzato in volo è ha individuato il corpo ormai senza vita del ragazzo.

La salita al Monte Bianco per la via Major è uno degli itinerari più classici, ma in questo periodo le insidie sono tante: il lungo periodo di siccità e le alte temperature di questa estate hanno determinato condizioni non ottimali per l’alpinismo. Il crepaccio ha inghiottito il corpo di Andrea proprio a causa della scarsa copertura nevosa.

Il recupero del cadavere è stato complesso. Le condizioni meteo erano cattive e la zona è sotto la minaccia costante di seracchi: gli uomini del soccorso alpino si sono calati con un verricello mentre l’elicottero è rimasto in volo stazionario a quindici metri di altezza. L’operazione di recupero si è conclusa all’imbrunire. La salma è stata composta alla camera mortuaria di Courmayeur.

Andrea abitava in viale della Rimembranza a Novi Ligure con il padre Yonny e la madre Patrizia Marchesotti, molto nota per il suo impegno nel volontariato: è presidente dell’Aism, l’associazione per i malati di sclerosi multipla. Ancora da fissare la data delle esequie.
10/09/2017







blog comments powered by Disqus


Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone

In cammino | Diciasettesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

Prigionieri di chi e di cosa

Opinioni | Come si può ragionevolmente sostenere che in Alessandria o in altre città italiane si viva “prigionieri a casa nostra”? Come si può essere così accecati dalle proprie paure e dai propri pregiudizi per arrivare a inventare una realtà che non esiste, non è mai esistita e nemmeno mi sembra in procinto di esistere?

Prevenzione e cura del gioco d'azzardo patologico: al via il piano regionale

Torino | Ecco il piano della Regione per coordinare tutti gli interventi contro la ludopatia: si punta su formazione, campagne pubblicitarie mirate e potenziamento dei servizi sanitari

Le frontiere e l’Europa unita

Opinioni | Appare interessante la prospettiva di affidare il potere di controllo delle frontiere a un’autorità comune, che governi i flussi interni e soprattutto esterni al territorio europeo in modo coerente, adottando una condotta più inclusiva o più esclusiva a seconda delle necessità, delle emergenze e delle circostanze storiche

Lunedì ancora pioggia. Poi torna il sereno

Meteo | Una perturbazione atlantica porterà lunedì pomeriggio rovesci anche temporaleschi. Da martedì invece torna un cielo sereno o poco nuvoloso grazie al vento di Fon che spazzerà via le nubi