Provincia

Da Alessandria è partita la social protesta contro i sacchetti a pagamento

La polemica sui sacchetti compostabili a pagamento non ha risparmiato la nostra provincia: a poche ore dall'introduzione della novità era stata già aperta una pagina social contro. Boicottare o meglio i sacchetti di carta?

PROVINCIA -  “Andate in via Testore, in quel supermercato regalano i sacchetti di carta”, scrive una signora particolarmente infervorata. “Anche al discount di Ovada”, le fa eco un'altra. Sono i botta e risposta – perlopiù di rabbia ed indignazione – della pagina pubblica creata ad Alessandria “Guerilla Bags, Noi che non vogliamo le buste per alimenti”, che conta già 462 membri, a pochi giorni dalla sua apertura, ovvero da quando si pagano i biosacchetti di frutta e verdura. “Me l'hanno fatto pagare anche in farmacia”, si lamenta un'altra alessandrina che pubblica lo scontrino 'incriminato'.

Già, perché attorno al polverone sul pagamento di 1-2 centesimi per ogni busta superleggera, anche in provincia di Alessandria si è scatenata la bagarre incrociata con disinformazione e qualche legenda social-metropolitana.

L’obiettivo di dare un valore al sacchetto, prima solo apparentemente gratuito, per indurre il consumatore ad un suo uso più consapevole non è piaciuto a centinaia di alessandrini che appena è entrata in vigore la nuova norma hanno riversato la loro indignazione sui social, facendo rimbalzare su pagine e gruppi le ormai famose arance prezzate una ad una, senza sacchetto.

Nelle stesse ore in cui il Governo si affrettava a precisare che il saccheto bio si può portare da casa ma solo se è vergine – toccherà poi ai cassieri controllare se conforme – sempre su Guerrilla Bags si dà conto di quanto costano in base ai negozi: da 1 cent fino ai 4 di una catena solo di ortofrutta.

“Al mercato di Novi sono normali, dal fruttivendolo pure”, commenta Mary. Per tutti la soluzione è la carta, o come fanno in Svizzera: la retina riutilizzabile che ti porti e riporti da casa.

La polemica nazional poolare ha preso inevitabilmente una piega politica: “La legge è dell'agosto 2017”, piega il senatore Daniele Borioli, “Colpisce come non si comprenda che ogni passo avanti sul fronte ambientale e del riciclo produca benefici non solo per 'ecosistema e le persone, ma alla fine per la stessa saccoccia dei cittadini. Ciò ha un costo. Come le cinture di sicurezza, gli airbags, i caschi, ecc...”
5/01/2018







blog comments powered by Disqus


Ospedali, nessuna chiusura in vista. Ma in tanti vanno a farsi curare fuori

Alessandria | Smentita dall'assessore alla Sanità l'ipotesi di chiudere gli ospedali di Novi, Ovada, Acqui, Tortona e Casale per costruire un nuovo nosocomio provinciale. Ma aumentano gli alessandrini che decidono di farsi curare fuori regione

Ludi Aquaenses. Un abbraccio lungo venticinque secoli

Acqui Terme | Sabato 23 e domenica 24 la città termale festeggia la sua storia con un ricco calendario di eventi culturali e manifestazioni storico-ludiche che culmineranno con la Notte Romana

Archi’n Rock. Una settimana di musica live

Acqui Terme | Dal 24 al 30 giugno note e colori agli Archi Romani e nelle vie della zona Bagni. Sette giorni all’insegna della musica e del divertimento prodotto da musicisti che si esibiranno per la città. Il principio ispiratore è semplice: musica live, libera e gratuita, partecipazione aperta a tutti

Fallimento La Cuntrò S.R.L. (Tribunale di Alessandria – RG 34/2018)

Informazione dalle aziende | Il Curatore raccoglie, entro il 2 luglio 2018, offerte irrevocabili d’acquisto dei contratti d’affitto d’azienda relativi a due attività di ristorazione/pizzeria site in Acqui Terme (AL) e Bistagno (AL)

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”