Csvaa Informa

“Match it now!”: solo 1 su 100.000 è compatibile con chi aspetta il trapianto

Quelle cellule che possono salvare la vita a chi ha una grave leucemia. Incontri ad Alessandria, Casale Monferrato, Acqui Terme, Novi Ligure e Tortona

CSVAA INFORMA - Al via Campagna Nazionale Match it now!, che quest’anno vedrà anche il sostegno della Lega Serie A, che consentirà la promozione del progetto dedicato al tema della donazione del midollo osseo anche sui campi di calcio.

Il trapianto di midollo rimane ancora oggi, molto spesso, l’unica terapia, con risultati clinici in continuo miglioramento, in grado di permettere la guarigione di numerose malattie, neoplastiche e non, del midollo osseo. Di questo importante tema, se ne è parlato spesso nelle ultime settimane sul web: l’appello per la ricerca di un donatore lanciato su Facebook dal papà della piccola Elisa di Pordenone [cfr. Salviamo Elisa] ha scatenato una scia di appelli solidali diffusi da Nord a Sud Italia.

In provincia di Alessandria l’evento sarà realizzato dai volontari Admo, con il supporto di Avis, Fidas, Vip Italia Onlus, Csvaa e con il personale medico sanitario degli ospedali di zona per illustrare le modalità dell’iscrizione e della donazione in caso di compatibilità, e permettere agli interessati di iscriversi al Registro con tre passi: la compilazione di un questionario anamnestico, il colloquio per la verifica dei criteri di idoneità ed un prelievo di sangue. Se poi, nel tempo, si risulterà compatibili, la donazione potrà avvenire in modo meno invasivo rispetto al passato: in circa il 70% dei casi le cellule vengono infatti oggi prelevate dal sangue in circolo, negli altri casi invece si ricorre al metodo tradizionale con prelievo, in anestesia dall’osso del bacino.

Secondo i dati ufficiali del Registro Nazionale, sono 380.000 gli Italiani che hanno dato la possibilità di donare (e 30 milioni nel mondo) ma solo la metà dei pazienti è sottoposto a trapianto, per via della bassissima possibilità (1:100.000) di trovare il giusto abbinamento genetico. È perciò solo attraverso l’inserimento di tanti nuovi donatori giovani che si può garantire a sempre più pazienti di trovare il giusto “match”.

Gli eventi in provincia si terranno:
il 16 settembre ad Alessandria in via Martiri e a Casale Monferrato in piazza Mazzini
il 23 settembre ad Acqui Terme in piazza Italia
il 30 settembre a Novi Ligure in piazzale Saffi (Viale Indipendenza)
il 7 ottobre a Tortona in via Carducci

Info: www.matchitnow.it
www.admopiemonte.it
Admo Regionale: 0121-315.666, admopiemonte@admo.it
13/09/2017







blog comments powered by Disqus


Ospedali, nessuna chiusura in vista. Ma in tanti vanno a farsi curare fuori

Alessandria | Smentita dall'assessore alla Sanità l'ipotesi di chiudere gli ospedali di Novi, Ovada, Acqui, Tortona e Casale per costruire un nuovo nosocomio provinciale. Ma aumentano gli alessandrini che decidono di farsi curare fuori regione

Ludi Aquaenses. Un abbraccio lungo venticinque secoli

Acqui Terme | Sabato 23 e domenica 24 la città termale festeggia la sua storia con un ricco calendario di eventi culturali e manifestazioni storico-ludiche che culmineranno con la Notte Romana

Archi’n Rock. Una settimana di musica live

Acqui Terme | Dal 24 al 30 giugno note e colori agli Archi Romani e nelle vie della zona Bagni. Sette giorni all’insegna della musica e del divertimento prodotto da musicisti che si esibiranno per la città. Il principio ispiratore è semplice: musica live, libera e gratuita, partecipazione aperta a tutti

Fallimento La Cuntrò S.R.L. (Tribunale di Alessandria – RG 34/2018)

Informazione dalle aziende | Il Curatore raccoglie, entro il 2 luglio 2018, offerte irrevocabili d’acquisto dei contratti d’affitto d’azienda relativi a due attività di ristorazione/pizzeria site in Acqui Terme (AL) e Bistagno (AL)

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”