Provincia

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

LAVORO – Mancano circa 30 portalettere in provincia di Alessandria, ma l'azienda sembra non sia intenzionata a procedere con nuove assunzioni o a stabilizzare i precari. A dirlo sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil in una nota unitaria in cui chiedono a Poste Italiane come intenda “garantire il servizio, considerato essenziale, a tutta la popolazione”.
E' infatti da poco terminato l'introduzione del nuovo modello, che prevede il recapito della posta a giorni alterni. Ma il numero dei dipendenti è ancora sotto organico. “La copertura lorda si assesta intorno al 98% mentre il nuovo modello organizzativo stabilisce una percentuale lorda del 110%.(cioè il 10% di scorte). Ciononostante, unica provincia in tutto il Piemonte, malgrado l’accordo nazionale sulle Politiche Attive del Lavoro, non sono previste da parte aziendale né trasformazioni da part time a full time per il personale che ha questa tipologia di contratto, né stabilizzazioni a tempo indeterminato del personale assunto negli anni precedenti con contratti a termine”, dicono i sindacati.
In una audizione alla Camera, l'amministratore delegato Matteo Del Fante ha affermato che gli uffici nei piccoli comuni non chiuderanno, poiché si tratta di un servizio essenziale. Ma in molti paesi, agli sportelli è presente un solo addetto, il direttore, mentre manca quasi sempre lo sportellista. In quelli di poco più grandi (Cluster A2, si chiamano tecnicamente) oltre al direttore è presente un impiegato, anziché due. Negli uffici centrali, poi, “il servizio viene garantito solamente attraverso il ricorso allo straordinario, programmato strutturalmente di settimana in settimana. Il personale di sportelleria viene sistematicamente comandato in trasferta e distaccato in sedi di lavoro diverse da quelle di applicazione Ma anche in questo caso non è prevista in provincia alcuna immissione di personale”
In definitiva, i sindacati chiedono “a Poste Italiane quali provvedimenti organizzativi intende adottare e alle istituzioni locali quali iniziative intendano mettere in campo affinchè un servizio, che rimane comunque sociale, venga garantito in termini soddisfacenti da un punto di vista quali qualitativo a tutta la popolazione”.
25/09/2018







blog comments powered by Disqus


Quei buoni consigli

Società | Simona era stata aggredita dall'ex compagno che, dopo averla picchiata, ha tentato di darle fuoco. E' accaduto non lontano da qui, a Vercelli. Una vicenda che ha colpito, così come i commenti, postati anche sul nostro giornale on line: “si però è anche colpa delle donne... vanno in giro vestite come prostitute...”

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti