Torino

Prevenzione e cura del gioco d'azzardo patologico: al via il piano regionale

Ecco il piano della Regione per coordinare tutti gli interventi contro la ludopatia: si punta su formazione, campagne pubblicitarie mirate e potenziamento dei servizi sanitari

TORINO - Un piano per la prevenzione e la cura del gioco d’azzardo patologico, attraverso il potenziamento dei servizi sanitari dedicati alle dipendenze, la formazione di operatori e professionisti, l’avvio di campagne di informazione mirate.

Lo prevede la delibera presentata dagli assessori all’Istruzione Gianna Pentenero e alla Sanità Antonio Saitta e approvata lunedì mattina dalla Giunta regionale.

L’adozione del piano, che ora passerà all’esame del Consiglio regionale, è prevista dalla legge contro il gioco d’azzardo varata dalla Regione Piemonte. Il finanziamento complessivo è di 6,8 milioni di euro: i 3,7 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero della Salute si aggiungono ai 3,1 milioni già stanziati annualmente dalla Regione. Nel dettaglio, 2,1 milioni saranno impiegati per l’attività di prevenzione e 4,7 per la cura.

“Il nostro obiettivo è quello di contrastare il gioco patologico, informando sui pericoli della dipendenza e allo stesso tempo contenendone l’impatto negativo sulle persone più a rischio e sulle famiglie, che in Piemonte continua a essere significativo – sottolinea l’assessore Saitta -. In ogni caso, conforta vedere che nella nostra regione si possono vedere i primi effetti positivi della legge, che ha consentito a molti comuni, a cominciare da Torino, di dotarsi di misure limitative del gioco d’azzardo e di vincere i ricorsi amministrativi. Nel 2016, inoltre, il Piemonte è l’unica regione italiana ad aver diminuito il volume delle giocate con gli apparecchi da gioco”.

“Non posso che esprimere soddisfazione - aggiunge l’assessora Pentenero - per l’approvazione del piano, che ora mi auguro riceva in tempi rapidi il via libera del Consiglio regionale. Il documento attribuisce grande importanza al tema della prevenzione e a quelli, strettamente correlati, della sensibilizzazione dei soggetti a rischio, attraverso ad esempio il coinvolgimento delle scuole, e della formazione e aggiornamento professionale degli operatori dei servizi socio-sanitari, dei gestori dei locali e del personale impiegato nelle sale gioco e nelle sale scommesse. L’approvazione del documento rappresenta un ulteriore passo in avanti per contrastare un fenomeno che ha potenzialmente conseguenze molto gravi sulle fasce della popolazione più deboli e vulnerabili, come giovani e anziani”.

Lo scorso anno la raccolta per il gioco d’azzardo in Piemonte è stata di 5,1 miliardi di euro e il 60% di questa somma è stata giocata agli apparecchi automatici. Si stima inoltre che almeno altri 1,3 miliardi di euro siano stati spesi per il gioco via Internet.

I pazienti in cura presso i Servizi delle dipendenze delle Asl piemontesi sono circa 1.400.
19/09/2017







blog comments powered by Disqus


Breast Unit: quanto ne sanno le donne? Ecco cosa sta facendo la Regione

Torino | Il Piemonte è a metà dei lavori: 8 Breast Unit su 17. Solo l’8% delle donne italiane tra i 40 e i 70 anni sa bene cosa siano i Centri di Senologia Multidisciplinari. Ma sono fondamentali perché possono salvare la vita...

Fine settimana freddo ma discreto

Meteo | La nebbia tenderà a dissolversi per lasciare spazio al sole grazie al vento di Fohn sia sabato che domenica

Venti di Natale con la Banda di Cassine

Cassine | Domenica 17 dicembre nella Chiesa di Santa Caterina la XX edizione del Concerto di Natale: la Cromatika Junior Band e il Corpo Bandistico Cassinese

Scuola: entro 20 dicembre domande di cessazione

Economia e Lavoro | Il termine deve essere rispettato da chi intende accedere alla pensione dal 1 settembre 2018, da chi intende cessare - anche senza i requiziti per la pensione - al 31 agosto 2018, da chi intende presentare istanze

Scatta l'operazione Natale Sicuro: pattugliamenti anche ai mercatini

Cronaca  | Centri commerciali, vie centrali dello shopping, stazione e giardini. Persino le casette di legno in piazza della Libertà sono state inserite nei controlli natalizi, intensificati perché dove c'è tanta gente, molto facilmente si aggirano più malviventi