Società

Pubblicato il Bando SociAL 2017. 550mila euro per il Terzo Settore

Online il bando rivolto associazioni, cooperative, imprese sociali, fondazioni che hanno sede e/o intervengono sul territorio delle province di Asti e Alessandria. Fino al 30 settembre potranno registrarsi alla nuova piattaforma online e presentare un proprio progetto che risponda ai bisogni sociali e/o culturali del territorio

SOCIETA' - Dal 1 settembre è online sul sito www.fondazionesocial.it il Bando 2017 della Fondazione SociAL
Le realtà del Terzo Settore, che hanno sede e/o intervengono sul territorio delle province di Asti e Alessandria, potranno registrarsi alla nuova piattaforma online, compilare con i propri dati anagrafici la scheda ente e presentare un proprio progetto che risponda ai bisogni sociali e/o culturali del territorio.

Ogni ente capofila avrà la possibilità di presentare un solo progetto a cui spetterà, in caso di valutazione positiva da parte della Commissione di valutazione, un contributo del valore massimo di 30mila euro.

La Fondazione SociAL, con la pubblicazione del Bando 2017, intende sostenere progetti che si fondano su partnership virtuose instaurate tra istituzioni pubbliche, soggetti del privato sociale e del mondo for profit.
E’ per questo che, con l’obiettivo di creare dei sistemi di sostenibilità e di cooperazione territoriale che affrontino congiuntamente le situazioni di maggiore difficoltà e fragilità, la Fondazione valuterà positivamente i progetti che favoriscono la collaborazione tra organizzazioni del Terzo Settore e incentivano la capacità di nonprofit, profit e istituzioni di lavorare in rete.
Con la nuova procedura online gli enti proponenti, inoltre, avranno modo di fornire indicazioni puntuali inerenti l’apporto di ciascun partner: attività, competenze, risorse messe a disposizione e eventuale quota del contributo della Fondazione SociAL ad essi assegnata.

Da anni, inoltre, la Fondazione SociAL riserva particolare attenzione alla promozione di forme di impresa sociale e alla valorizzazione di processi di innovazione e di sostenibilità all’interno del Terzo Settore.
Con la quinta edizione del Bando, la Fondazione intende valorizzare i progetti che:
- tenteranno di realizzare e/o replicare modelli e processi innovativi per il territorio locale
- favoriranno interventi orientati ad un’autonomia organizzativa ed economica e ad una concreta sostenibilità futura
- denoteranno un orientamento chiaro verso un modello organizzativo di impresa sociale.

Mercoledì 6 settembre, alle 17.30, nella sede della Fondazione, in Piazza Fabrizio De Andrè 76 ad Alessandria, il Bando 2017 sarà presentato al pubblico e sarà illustrata la nuova piattaforma per l’invio della richiesta di contributo.

Per ulteriori informazioni, oltre che far riferimento al portale della Fondazione www.fondazionesocial.it, è possibile rivolgersi alla Segreteria della Fondazione scrivendo a info@fondazionesocial.it o chiamando il numero 0131.225087.
2/09/2017







blog comments powered by Disqus


Frane, si 'sposta' la provinciale per Montechiaro

Pareto | A breve verrà riaperta parzialmente la SP 215 verso Spigno. Sulla SP 220 invece si procederà con un intervento più drastico: spostare a monte la strada colpita dallo smottamento. Per questo tipo di intervento urgente la Provincia stima venti giorni di lavoro

Con "Iniziativa Lavoro", opportunità di lavoro per persone disoccupate

Economia e Lavoro | L'avviso del consorzio "Idea Agenzia per il Lavoro" per la raccolta delle adesioni al progetto "Iniziativa lavoro" finanziato con il contributo della Fondazione CrT

Le offerte di lavoro del Centro per l'impiego di Ovada

Economia e Lavoro | Gli annunci di lavoro dello sportello territoriale di Ovada del Centro per l'Impiego

Borsalino: orgoglio e pregiudizio

Opinioni | Che si sia di botto rinfocolato l’orgoglio della città per il secolare fenomeno Borsalino, è cosa buona, giusta e perfino inaspettata. Qualche e non piccolo problema rimane invece in zona pregiudizio...

Coldiretti Alessandria: al via la petizione #Stopcibofalso

Economia  | Oggi metà carrello della spesa resta anonimo. Una raccolta firme per chiedere all’Europa l’etichettatura obbligatoria d’origine per gli alimenti