Provincia

Suona la campanella, si torna a scuola tra "vecchi" problemi

Sono 46.202 gli studenti che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, ma mancano all'appello ancora circa 600 insegnanti che saranno nominati in due tornate, al 15 settembre e a metà mese

PROVINCIA - Sono 46.202 gli studenti in tutta la Provincia che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, dalla materna (oggi scuola dell'infanzia) alle superiori (scuola media secondaria).
Alla scuola dell’infanzia si sono iscritti  in 7.209; alle elementari sono 15.789 studenti. La popolazione scolastica alle medie, in netta diminuzione per il calo demografico, sono 8.400 mentre gli alunni delle superiori sono 14.804. 
Sono cambiati i nomi, ma i problemi restano quelli di sempre. In particolare quelli relativi alla mancanza cronica di insegnanti. 
Mancano all'appello circa 600 insegnati, secondo le stime dei sindacati, e non perchè manchino i laureati. Sono le risorse economiche a mancare e che impediscono di procedere con assunzioni a tempo indeterminato. Si "rimedia" con le supplenze. 

"Le nomine stanno creando qualche problema – ammette Carlo Cervi di Cisl scuola – una prima tornata di nomine per i supplenti sarà fatta solo venerdì. Una seconda, si spera, a fine mese".
E' il cosiddetto “organico di fatto” a non essere ancora definito. Le nomine saranno a termine, lasciate ai dirigenti scolastici dei diversi plessi.
"Avevamo chiesto al Ministero dell'istruzione di consentire nomine annuali, in modo da garantire la continuità educativa per gli alunni. - dice ancora Cervi - Invece sembra che sarà possibile nominare supplenti solo fino a maggio 2018. Questo significa che quasi in diritura d'arrivo, molte classi si vedranno cambiare il docente".
Eppure, secondo i sindacati, "non si tratta di sostituzioni di docenti in malattia o permesso, sono posti 'mancanti' in tutto e per tutto". 

Da punto di vista delle strutture, non si segnalano problemi particolari. La Provincia ha messo mano al bilancio per assicurare, nelle scuole medie superiori, investimenti di manutenzione per circa 500 mila euro. Pochi ma, pare, sufficienti almeno per le emergenze.
Preoccupa, in previsione, il calo della popolazione scolastica. A Novi, a causa del calo delle iscrizioni e dei costi di manutenzione, non riapre la scuola elementare Oneto, accorpata con le scuole Martiri. 
A breve, potrebbe non essere l'unico caso in provincia. 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone

In cammino | Diciasettesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

Prigionieri di chi e di cosa

Opinioni | Come si può ragionevolmente sostenere che in Alessandria o in altre città italiane si viva “prigionieri a casa nostra”? Come si può essere così accecati dalle proprie paure e dai propri pregiudizi per arrivare a inventare una realtà che non esiste, non è mai esistita e nemmeno mi sembra in procinto di esistere?

Prevenzione e cura del gioco d'azzardo patologico: al via il piano regionale

Torino | Ecco il piano della Regione per coordinare tutti gli interventi contro la ludopatia: si punta su formazione, campagne pubblicitarie mirate e potenziamento dei servizi sanitari

Le frontiere e l’Europa unita

Opinioni | Appare interessante la prospettiva di affidare il potere di controllo delle frontiere a un’autorità comune, che governi i flussi interni e soprattutto esterni al territorio europeo in modo coerente, adottando una condotta più inclusiva o più esclusiva a seconda delle necessità, delle emergenze e delle circostanze storiche

Lunedì ancora pioggia. Poi torna il sereno

Meteo | Una perturbazione atlantica porterà lunedì pomeriggio rovesci anche temporaleschi. Da martedì invece torna un cielo sereno o poco nuvoloso grazie al vento di Fon che spazzerà via le nubi