Provincia

Suona la campanella, si torna a scuola tra "vecchi" problemi

Sono 46.202 gli studenti che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, ma mancano all'appello ancora circa 600 insegnanti che saranno nominati in due tornate, al 15 settembre e a metà mese

PROVINCIA - Sono 46.202 gli studenti in tutta la Provincia che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, dalla materna (oggi scuola dell'infanzia) alle superiori (scuola media secondaria).
Alla scuola dell’infanzia si sono iscritti  in 7.209; alle elementari sono 15.789 studenti. La popolazione scolastica alle medie, in netta diminuzione per il calo demografico, sono 8.400 mentre gli alunni delle superiori sono 14.804. 
Sono cambiati i nomi, ma i problemi restano quelli di sempre. In particolare quelli relativi alla mancanza cronica di insegnanti. 
Mancano all'appello circa 600 insegnati, secondo le stime dei sindacati, e non perchè manchino i laureati. Sono le risorse economiche a mancare e che impediscono di procedere con assunzioni a tempo indeterminato. Si "rimedia" con le supplenze. 

"Le nomine stanno creando qualche problema – ammette Carlo Cervi di Cisl scuola – una prima tornata di nomine per i supplenti sarà fatta solo venerdì. Una seconda, si spera, a fine mese".
E' il cosiddetto “organico di fatto” a non essere ancora definito. Le nomine saranno a termine, lasciate ai dirigenti scolastici dei diversi plessi.
"Avevamo chiesto al Ministero dell'istruzione di consentire nomine annuali, in modo da garantire la continuità educativa per gli alunni. - dice ancora Cervi - Invece sembra che sarà possibile nominare supplenti solo fino a maggio 2018. Questo significa che quasi in diritura d'arrivo, molte classi si vedranno cambiare il docente".
Eppure, secondo i sindacati, "non si tratta di sostituzioni di docenti in malattia o permesso, sono posti 'mancanti' in tutto e per tutto". 

Da punto di vista delle strutture, non si segnalano problemi particolari. La Provincia ha messo mano al bilancio per assicurare, nelle scuole medie superiori, investimenti di manutenzione per circa 500 mila euro. Pochi ma, pare, sufficienti almeno per le emergenze.
Preoccupa, in previsione, il calo della popolazione scolastica. A Novi, a causa del calo delle iscrizioni e dei costi di manutenzione, non riapre la scuola elementare Oneto, accorpata con le scuole Martiri. 
A breve, potrebbe non essere l'unico caso in provincia. 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Con Acqui e Sapori l'enogastronomia in piazza

Acqui Terme | Sabato 25 e domenica 26 novembre la mostra mercato delle tipicità enogastronomiche del territorio e la Mostra regionale del tartufo

Acciughe, aglio e fujot: scatta il Bagna Cauda Day. I locali in provincia

Provincia | Nato ad Asti, l'evento ha preso subito piede anche qui, grazie alla tradizione comune contadina. Molti i locali aderenti, che la servono come Dio comanda, eretica e atea (in base alla quantità d'aglio)

La storia della diocesi di Acqui in mostra alla Parrocchia

Ovada  | La mostra sarà poi visitabile fino al prossimo 4 dicembre. A occuparsene, in qualità di relatore, sarà il professor Vittorio Rapetti. La presentazione della rassegna “Testimoni di una comunità sempre in costruzione" è in programma stasera

Impazza il Black Friday, ma ad Alessandria lo shopping si fa sabato

Alessandria | Nel capoluogo sconti sia venerdì sia sabato da iniziativa dei commercianti: manca la 'regia' comunale. "L'importante è che le giornate di shopping non siano distratte da eventi collaterali", commentano da Confesercenti

Alessandro Fullin: da Zelig al Teatro Soms

Bistagno | Sabato 25 novembre a “Bistagno in palcoscenico” il pubblico potrà incontrare, chiacchierare e bere un bicchiere di vino con il comico Alessandro Fullin, esilarante professoressa di tuscolano in Zelig e ora divertente Mrs March in “Piccole Gonne”, rilettura tagliente e ironica del classico di Louisa May Alcott