Lo scaffale

Umberto Boccioni Arte - Vita

Un testo ricco di spunti e riferimenti storiografici che ristabilisce i corretti riferimenti della morte, avvenuta a Chievo all’età di 33 anni dovuta a una caduta da cavallo, dettaglia la distruzione dolosa di gran pare delle sue sculture, analizza gli aspetti della sua complessa personalità e i rapporti conflittuali con gli altri artisti, la madre e le amanti

LO SCAFFALE - Umberto Boccioni Arte - Vita di Roberto Floreani - BibliotecaElecta 2017 Mondadori Electa s.p.a. Milano.

Roberto Floreani (Venezia, 1956) laureatosi a Padova nel 1980 è un pittore, scrittore, e performer. Dai primi anni ’80 a oggi ha tenuto quasi settanta personali, fino a rappresentare l’Italia alla 53° edizione della Biennale di Venezia, nel 2009. Negli ultimi vent’anni ha realizzato diciotto progetti per strutture museali in Italia e all’estero – ultimo dei quali “Ricordare Boccioni” presso i Musei Civici di Padova nel 2016. Confermatosi come uno degli artisti di riferimento della sua generazione, è, da oltre quarant’anni, un appassionato di Futurismo. Collabora con Università e Accademie ed è autore di numerosi saggi tematici fra cui “I Futuristi e la Grande guerra” finalista al Premio Acqui Storia 2015. Organizzatore di eventi espositivi, è meritorio ricordare la prima indagine sui Gruppi Futuristi (Boccioni e Savarè) nel 1999 mentre nel 2009 fu curatore di un’ampia ricognizione sulla scultura, omaggio a Mino Rosso. Da oltre quindici anni realizza “serata futuriste” e reading nei principali teatri di tutta Italia. Vive e lavora tra Vicenza e Padova.

Dotato di un’intelligenza fulminea, Boccioni fu l’assoluto protagonista delle arti all’interno del Futurismo, movimento essenzialmente rivoluzionario, il cui programma, pubblicato a Parigi sul “Figaro” nel 1909, rompe i ponti con le vecchie forme, combatte il quietismo borghese, propone di esprimere con immediatezza ed impeto di sensazioni la civiltà delle macchine, della guerra, dell’imperialismo e il dinamismo dell’uomo “moderno”.

A seguito del lancio dei Manifesti teorici relativi alla pittura, alla scultura e all’architettura, Boccioni si eleva pertanto a figura “catalizzante” e coscienza delle potenzialità multidisciplinari, autentica novità della prima avanguardia del Novecento e che tanta influenza ha avuto su artisti quali Andy Warhol, Lucio Fontana, Carmelo Bene, Mario Schifano e i protagonisti dell’Arte Povera, elaborando le ragioni di un nuovo modo di concepire l’arte facendo coincidere la natura dell’uomo con la sua espressione artistica.
Umberto Boccioni Arte – Vita, omaggio dell’Artista Roberto Floreani all’Artista nato a Reggio Calabria nel 1882, è un testo ricco di spunti e riferimenti storiografici che ristabilisce i corretti riferimenti della morte, avvenuta a Chievo all’età di 33 anni dovuta a una caduta da cavallo, dettaglia la distruzione dolosa di gran pare delle sue sculture, analizza gli aspetti della sua complessa personalità e i rapporti conflittuali con gli altri artisti, la madre e le amanti.
Il tutto con la sintetica rivelazione di Umberto Boccioni “L’Arte deve diventare una funzione della Vita”.
2/10/2018







blog comments powered by Disqus


Quei buoni consigli

Società | Simona era stata aggredita dall'ex compagno che, dopo averla picchiata, ha tentato di darle fuoco. E' accaduto non lontano da qui, a Vercelli. Una vicenda che ha colpito, così come i commenti, postati anche sul nostro giornale on line: “si però è anche colpa delle donne... vanno in giro vestite come prostitute...”

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti