Acqui Terme

Villa Igea parlerà bergamasco, acquistata da Habilita

LA struttura sanitaria acquese passa al gruppo lombardo che gestisce già un centro analogo nel novarese. Villa Igea conta 170 dipendenti e un centinaio di medici

ACQUI TERME  - Il Gruppo Habilita incrementa la sua presenza in Piemonte. All’acquisizione della Casa di Cura “I Cedri” di Farà Novarese (No) risalente alla fine del 2016, si aggiunge ora Villa Igea, struttura con sede ad Acqui Terme.

Villa Igea conta oggi circa 170 dipendenti e un centinaio di medici, anche di fama nazionale.

Il gruppo bergamasco Habilita si posiziona così tra i primi 15 gruppi del settore ospedaliero, arrivando ad offrire 400 posti letto complessivi.
 
Tra dipendenti e collaboratori oggi Habilita si avvicina alle 1500 unità. Il suo fatturato tocca gli 80 milioni annui. Con l’inserimento di Villa Igea cresce anche l’attività delle sale operatorie, raggiungendo le 1700 protesi annue (soprattutto spalla, anca e ginocchio).
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Fra HSL Derthona ed Acqui finisce pari, ma le occasioni non sono mancate...

Promozione - girone D | Tre reti annullate per fuorigioco e tante occasioni da gol: si ferma la striscia di vittorie dell'HSL Derthona

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi

"Tartufi, un monopolio di pochi dopo la creazione dei consorzi"

Novi Ligure | Secondo l'Associazione dei liberi tartufai, i consorzi riservano a poche persone la raccolta dei tartufi nelle zone più produttive. Lorenzo Tornato: "Chiediamo una moratoria per evitare che la ricerca dei tartufi diventi solo un business"

Fucili e pistole antiche, anche modificate. Arrestato un 70enne

Acqui Terme | Un centinaio di munizioni non registrate, fucili rubati, armi modificate e una vecchia denuncia a dimostrare che il 'vizio' del cacciatore-armaiolo non era passato. Le lamentele dei compaesani hanno fatto scattare le indagini

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica