Novi Ligure

Accusata di stalking per le lettere anonime inviate all'ex compagno e ai familiari

Un medico di Novi è a processo davanti al tribunale di Alessandria con l'accusa di stalking e diffamazione per una serie di lettere inviate al termine della relazione all'uomo, ai familiari e ai superiori

CRONACA – La relazione tra un medico di Novi, A. M. 60 anni e un militare all'epoca di fatti nella guardia di Finanza è finito davanti al tribunale di Alessandria, dove si sta svolgendo il processo per stalking e diffamazione. Sul banco degli imputati c'è la donna, medico appunto, autrice, secondo l'accusa, di una serie di lettere anonime inviate all'indirizzo dell'uomo, dei parenti di lui e dei superiori. La donna, assistita dall'avvocato Domenico Ghio, smentisce che le lettere siano state scritte di suo pugno.

Parole pesanti sono contenute nelle missive: “lurido schifoso, ha sporcato tutto quello che hai toccato”, tra le altre frasi. Ai superiori scriveva invece che “le mele marce vanno isolate”, ipotizzando per lui, che si è costituito parte civile, il “congedo con disonore dall'arma”.

Di mezzo c'è finita anche la relazione che lo stesso uomo aveva avuto, o aveva, con un'altra donna e persino il rapporto con una signora all'epoca ottantenne, che si rivolse al militare, tramite un amico comune, per un favore, lo spostamento dell'urna funeraria del marito dell'anziana. Da qui l'illazione che l'uomo avesse rapporti “a pagamento” con la ottantenne. “Mantenuto, corrotto” e altri termini simili sono contenute in quelle missive di cui il processo dovrà stabilire se furono o meno scritte da A.M.

Ieri, in aula, l'uomo ha ripercorso quella storia, portando tutte le lettere e e-mail che, secondo lui, collegherebbero il nome del medico a quello della stalker. I fatti risalgono al periodo 2008-2012. A. M. sostiene, invece che la relazione fosse finita, per sua scelta, nel 2010.
Il processo va avanti da diversi anni. Si cercarono anche impronte digitali e tracce di saliva nella busta, per un esame del Dna. Ma non emerse nulla. Ci fu anche una perizia calligrafica che mise a confronto la scritta della donna novese con quella delle buste. Ma anche il quel caso la perizia non riuscì a dare una risposta precisa. Il perito parlò di “verosimiglianza” che non equivale ad una prova schiacciante.
Il giudice Seddaiu, che ieri ha condotto l'interrogatorio non facile, ha rinviato l'udienza al 13 febbraio, quando saranno sentiti altri testimoni.
17/01/2018







blog comments powered by Disqus


Arrestate in Grecia due donne latitanti coinvolte nell'operazione "Blue Night"

Alessandria | Erano le ultime due pedine mancanti per chiudere l'operazione di Polizia iniziata nel 2014 e denominata “Blue Night” che aveva smantellato un'organizzazione a delinquere dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, falsificazione di documenti validi per l'espatrio e sfruttamento della prostituzione in 5 locali notturni tra Alessandria e Tortona. Due donne russe sono state arrestate dopo serrate indagini durate anni in Grecia, dove avevano aperto un B&B

"Responsabilità per le parole che si utilizzano": tanti alessandrini sul Meier contro l'omofobia

Alessandria | Sono stati tanti gli cittadini che hanno colto l'appello di Tessere le Identità per manifestare sul nuovo ponte testimoniando l'importanza di mantenere il rispetto per tutte le persone e stigmatizzando le parole omofobe utilizzate da Vittorio Sgarbi durante un intervento in città

Insieme per sempre

MemoriALE | Dalle cronache di un tempo riscopriamo una pagina di amore e scelte estreme

Cittadella: "cambiare ora idea vuol dire avere un progetto monco"

Alessandria | Dal Pd un appello a non rivedere il progetto per il recupero della fortezza da parte della maggioranza, intenzionata a utilizzare una parte dei fondi regionali Por Fesr, destinati alla Cittadella dalla precedente Giunta, sul complesso dell'ex Ospedale Militale

Carnevale alessandrino: trionfa "Sezzadio ’n tla giungla"

Alessandria | Nell'edizione degli 850 anni della città a vincere, incoronato dalla giuria e da una grande affluenza di pubblico, è stato il carro di Sezzadio, che bissa il successo dell'anno passato. Subito dietro si piazza “Frugarolo all’Opera” mentre il terzo gradino del podio se lo aggiudica “L’osteria dei ‘dui ciuc’”, di Castelnuovo Belbo