Novi Ligure

Accusata di stalking per le lettere anonime inviate all'ex compagno e ai familiari

Un medico di Novi è a processo davanti al tribunale di Alessandria con l'accusa di stalking e diffamazione per una serie di lettere inviate al termine della relazione all'uomo, ai familiari e ai superiori

CRONACA – La relazione tra un medico di Novi, A. M. 60 anni e un militare all'epoca di fatti nella guardia di Finanza è finito davanti al tribunale di Alessandria, dove si sta svolgendo il processo per stalking e diffamazione. Sul banco degli imputati c'è la donna, medico appunto, autrice, secondo l'accusa, di una serie di lettere anonime inviate all'indirizzo dell'uomo, dei parenti di lui e dei superiori. La donna, assistita dall'avvocato Domenico Ghio, smentisce che le lettere siano state scritte di suo pugno.

Parole pesanti sono contenute nelle missive: “lurido schifoso, ha sporcato tutto quello che hai toccato”, tra le altre frasi. Ai superiori scriveva invece che “le mele marce vanno isolate”, ipotizzando per lui, che si è costituito parte civile, il “congedo con disonore dall'arma”.

Di mezzo c'è finita anche la relazione che lo stesso uomo aveva avuto, o aveva, con un'altra donna e persino il rapporto con una signora all'epoca ottantenne, che si rivolse al militare, tramite un amico comune, per un favore, lo spostamento dell'urna funeraria del marito dell'anziana. Da qui l'illazione che l'uomo avesse rapporti “a pagamento” con la ottantenne. “Mantenuto, corrotto” e altri termini simili sono contenute in quelle missive di cui il processo dovrà stabilire se furono o meno scritte da A.M.

Ieri, in aula, l'uomo ha ripercorso quella storia, portando tutte le lettere e e-mail che, secondo lui, collegherebbero il nome del medico a quello della stalker. I fatti risalgono al periodo 2008-2012. A. M. sostiene, invece che la relazione fosse finita, per sua scelta, nel 2010.
Il processo va avanti da diversi anni. Si cercarono anche impronte digitali e tracce di saliva nella busta, per un esame del Dna. Ma non emerse nulla. Ci fu anche una perizia calligrafica che mise a confronto la scritta della donna novese con quella delle buste. Ma anche il quel caso la perizia non riuscì a dare una risposta precisa. Il perito parlò di “verosimiglianza” che non equivale ad una prova schiacciante.
Il giudice Seddaiu, che ieri ha condotto l'interrogatorio non facile, ha rinviato l'udienza al 13 febbraio, quando saranno sentiti altri testimoni.
17/01/2018







blog comments powered by Disqus


Fiamme nella discarica di Castelceriolo

Cronaca | Aggiornamento: incendio sotto controllo. Arpa: "nessuna criticità" Un incendio è divampato nella serata di venerdì 17 nell'impianto di rifiuti di Castelceriolo. Le fiamme sono sotto controllo ma i vigili del fuoco, insieme al personale Arpa, sono ancora al lavoro

Cuttica sugli stranieri in città: "proseguiremo con lo Sprar, meglio il Comune alle cooperative"

Alessandria | Il sindaco rinnova l'impegno della città a portare avanti il progetto di accoglienza già in corso, pur chiudendo la strada a nuovi arrivi: "Alessandria ha già fatto la sua parte". E i 210 mila euro del 'bonus gratitudine' potrebbero diventare vitali per la città, ecco perché...

"Nuovo Rinascimento": una rivoluzione pacifica per una società solidale

Alessandria | Questa è l'iniziativa messa in piedi dal presidente dell'associazione IDEA, Paolo Berta a partire da mercoledì 15 agosto e così ogni mattina alle ore 10 davanti la sede dell'associazione in viale Toscanini. "Con scope e ramazze si pulisce, si fanno due parole, ci si conosce e si prende un caffè". Hanno iniziato in 15, per diventare oltre 20 in due giorni: "una città più pulita e più solidale con tutti"

"Si al servizio obbligatorio per il Paese"

Società | Dall'associazione nazionale Alpini riceviamo un comunicato relativo al ripristino della leva obbligatoria. Per Ana "occorre colmare un vuoto educativo che sta toccando in maniera trasversale tutti gli ambiti della società, dalla scuola alla famiglia, dalla Chiesa alla politica" ed è quindi favorevole al "ripristino di un servizio obbligatorio per tutti i giovani, maschi e femmine"

Riscoprire l'anima agricola di Alessandria per puntare al futuro

Alessandria | A volte per guardare al futuro è necessario ripartire dalle proprie radici, che per il nostro capoluogo sono fatte di cultura contadina, grano e artigianato: "l'obiettivo è lavorare sulle nostre filiere prendendo esempio da Cuneo e Novara". L'assessore Roggero suona la carica: "la fiera di San Giorgio deve tornare grande"