Cronaca

Agricoltori nei guai per il compost di Aral mai arrivato

Fondi regionali per circa 500 mila euro, incassati da una quarantina di agricoltori per l'utilizzo di compost, mai arrivato nei campi. La procura chiude le indagini. Il reato ipotizzato è di indebita percezione di erogazioni dallo Stato

CRONACA - Fondi regionali per circa 500 mila euro, incassati da una quarantina di agricoltori per l'utilizzo di compost, mai arrivato nei campi.
Trentasei imprenditori agricoli, un ex dipendente e il presidente della società Impresa Verde, partecipata di Coldiretti, rischiano il processo per un'inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza ed approdata in procura.
Nei giorni scorsi l'indagine è stata chiusa: l'accusa mossa dal pubblico ministero è di indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato. E ora si attende l'udienza davanti al Gup che deciderà se procedere con il rinvio a giudizio. 

Secondo la procura, gli agricoltori ricevettero tra il 2012 e il 2015 rimborsi erogati dalla Regione, nell'ambito del Psr europeo, Piano di Sviluppo Rurale, per circa 500 mila euro complessivi per l'utilizzo, come fertilizzante di compost fornito da Aral.
Il compost, però, ad un certo punto non è più stato consegnato, forse perchè la società non fu più in grado di fornirlo. E, in ogni caso, secondo quanto prevedano le disposizioni del bando, i destinatati avrebbero dovuto quanto meno, direttamente o tramite la società che gestiva le pratiche, "informare tempestivamente la Provincia" del mancato ricevimento del fertilizzante. Passaggio che, invece, non fu fatto.
Furono gli stessi uffici provinciali, invece, nell'ambito di un controllo, a scoprire che una cinquantina di fatture erano ugualmente arrivare ad Aral (sebbene gli agricoltori affermino di non saperne nulla).
I rimborsi alla Regione, vennero così chiesti e regolarmente erogati dagli uffici. 
Il reato ipotizzato, per la maggior parte, è quello di «indebita percezione di erogazioni dallo Stato», in concorso e con più azioni consecutive. Per tre di loro, è contestato solo la falsità ideologica in atto privato, ma le indagini, per questi ultimi, non sono ancora concluse. 
23/03/2018







blog comments powered by Disqus


Alessandria città universitaria? "Servono ancora passi in avanti per diventarlo"

Alessandria | Un Consiglio comunale tematico che si inserisce nell’ambito del programma celebrativo per l’850° anniversario della fondazione della Città di Alessandria: Alessandria da città con l'Università a città universitaria. Oltre ai membri del Consiglio comunale di oggi, anche i consiglieri ad honorem e i rappresentanti dell'Università del Piemonte Orientale. Con uno sguardo a quanto è stato fatto e a quanto c'è però ancora da fare...

Eccellenza della ricerca può significare sviluppo territoriale?

Provincia |  “Sanità, ambiente e ricerca scientifica”, cosa è stato fatto e cosa resta da fare. Sono i temi che saranno affrontati in un convegno organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, in collaborazione con l’Associazione Cultura e Sviluppo, Lamoro Agenzia di sviluppo del territorio e la Fondazione SolidAL Onlus, mercoledì 24 ottobre nella sala Conferenze Palatium Vetus in Piazza della Libertà, ad Alessandria

"Baratto amministrativo" fermo al palo. "Servono le coperture finanziarie"

Alessandria | Resta in sospeso per ora la mozione del Movimento 5 Stelle sulla possibilità di istituire anche nel comune di Alessandria il cosiddetto Baratto amministrativo, ovvero ore messe a disposizione per lavori di pubblica utilità da parte di quei cittadini che senza lavoro non riescono a pagare la Tari. "Servono coperture finanziarie a bilancio derivanti dal minor gettito in entrata". E poi ci sono diverse sentenze contrarie della Corte dei Conti....

Grigi in serale ad Olbia per il primo dei due match 'galluresi'. Domenica c'è l'Arzachena

Serie C - girone A | Questa sera, mercoledì 17, Alessandria di scena ad Olbia per l'infrasettimanale che precede la seconda sarda trasferta in quel di Arzachena (domenica 21 alle 15.30)

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica