Cronaca

Agricoltori nei guai per il compost di Aral mai arrivato

Fondi regionali per circa 500 mila euro, incassati da una quarantina di agricoltori per l'utilizzo di compost, mai arrivato nei campi. La procura chiude le indagini. Il reato ipotizzato è di indebita percezione di erogazioni dallo Stato

CRONACA - Fondi regionali per circa 500 mila euro, incassati da una quarantina di agricoltori per l'utilizzo di compost, mai arrivato nei campi.
Trentasei imprenditori agricoli, un ex dipendente e il presidente della società Impresa Verde, partecipata di Coldiretti, rischiano il processo per un'inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza ed approdata in procura.
Nei giorni scorsi l'indagine è stata chiusa: l'accusa mossa dal pubblico ministero è di indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato. E ora si attende l'udienza davanti al Gup che deciderà se procedere con il rinvio a giudizio. 

Secondo la procura, gli agricoltori ricevettero tra il 2012 e il 2015 rimborsi erogati dalla Regione, nell'ambito del Psr europeo, Piano di Sviluppo Rurale, per circa 500 mila euro complessivi per l'utilizzo, come fertilizzante di compost fornito da Aral.
Il compost, però, ad un certo punto non è più stato consegnato, forse perchè la società non fu più in grado di fornirlo. E, in ogni caso, secondo quanto prevedano le disposizioni del bando, i destinatati avrebbero dovuto quanto meno, direttamente o tramite la società che gestiva le pratiche, "informare tempestivamente la Provincia" del mancato ricevimento del fertilizzante. Passaggio che, invece, non fu fatto.
Furono gli stessi uffici provinciali, invece, nell'ambito di un controllo, a scoprire che una cinquantina di fatture erano ugualmente arrivare ad Aral (sebbene gli agricoltori affermino di non saperne nulla).
I rimborsi alla Regione, vennero così chiesti e regolarmente erogati dagli uffici. 
Il reato ipotizzato, per la maggior parte, è quello di «indebita percezione di erogazioni dallo Stato», in concorso e con più azioni consecutive. Per tre di loro, è contestato solo la falsità ideologica in atto privato, ma le indagini, per questi ultimi, non sono ancora concluse. 
23/03/2018







blog comments powered by Disqus


Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

Sui social “non bisogna solo esserci, ma starci bene”

Alessandria | “Comunicazione e trasparenza per il cittadino: un nuovo modello di PA” è stato al centro del convegno promosso dall'Azienda Ospedaliera in occasione degli eventi per la settimana del Santo Patrono. Centini: “Noi viviamo di reputazione. Utilizzare i canali adeguati per dare informazioni e ricevere dalla cittadinanza feedback deve essere l'aspirazione superiore su cui puntare”. E la riorganizzazione per la comunicazione deve “partire dal front office”

Braccianti prima sfruttati poi accusati di diffamazione, presidio davanti al tribunale

Cronaca | Gli attivisti del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia hanno manifestato ieri davanti al tribunale di Alessandria mentre era in corso la prima udienza, sezione civile, a seguito della denuncia di due imprenditori che chiedono un risarcimento milionario per danni morali e materiali ai braccianti che scioperarono contro lo sfruttamento. Per lo sfruttamento gli imprenditori patteggiarono la pena ad un anno e 7 mesi

“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"