Alessandria

Al Caffè Scienza la sicurezza alimentare “dal campo alla tavola”

L’Unione Europea e l’Oms hanno messo in evidenza come “la sicurezza alimentare sia una responsabilità condivisa dal campo alla tavola”. In quest’ottica sono fondamentali la rintracciabilità e la tracciabilità delle produzioni. Appuntamento lunedì 15 ottobre a Cultura e Sviluppo

ALESSANDRIA - In occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione lunedì 15 ottobre alle 17,30 nella sede di Cultura e Sviluppo (piazza De André 76) si terrà il Caffè Scienza La sicurezza alimentare “dal campo alla tavola”. Il concetto di sicurezza alimentare è in evoluzione da quando, nel 1975, fu introdotto dalla Fao; questo include sia l’accesso alle risorse alimentari sia la qualità degli alimenti e l’assenza di elementi nocivi alla salute. Per garantire la sicurezza degli alimenti nei confronti dei consumatori, l’Unione Europea ha adottato la strategia globale di intervento “sicurezza dai campi alla tavola”. L’impianto normativo comunitario in materia di sicurezza alimentare è stato recepito nel cosiddetto “Pacchetto Igiene” del 2006 per il quale tutti gli Stati Membri hanno gli stessi criteri riguardo l’igiene della produzione degli alimenti e quindi i controlli di natura sanitaria. I principi generali sui quali verte la legislazione comunitaria sono basati sull’analisi del rischio, sulla responsabilità primaria dell’operatore di settore, sulla rintracciabilità di filiera e sul coinvolgimento del consumatore come parte attiva della sicurezza alimentare stessa. Tanto l’Unione Europea quanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno messo in evidenza come “la sicurezza alimentare sia una responsabilità condivisa dal campo alla tavola”.

In quest’ottica il concetto di rintracciabilità, fondato sulla necessità di poter risalire a monte nella filiera produttiva e di distribuzione dell’alimento, risulta fondamentale. Altrettanto importante è la tracciabilità delle produzioni, intesa come mantenimento delle informazioni sulla storia del prodotto attraverso opportuna etichettatura. La rintracciabilità delle produzioni, oltre che una valenza in termini di sicurezza agro-alimentare, ha una valenza commerciale notevole per il Made in Italy. Il sistema agro-alimentare italiano è infatti un settore strategico in termini economici e sociali, nel quale le produzioni italiane sono da sempre un riferimento di eccellenza riconosciuto a livello mondiale. La qualità delle nostre produzioni si basa sulla nostra tradizione e risulta fortemente legata al territorio. L’elevato standard dei nostri prodotti è ammirato sia in Italia sia all’estero ma ha sicuramente un costo economico, tanto che le frodi alimentari o il fenomeno dell’”Italian sounding” (richiamare, in modo meno esplicito, alle produzioni nazionali) diventano sempre più frequenti. In questo contesto, la rintracciabilità offre una tutela sia nei confronti dei consumatori che verso l’industria alimentare che fa vere politiche di qualità.

Relatore dell'incontro sarà Luigi Lucini, professore associato di Biochimica all’Università Cattolica del Sacro Cuore, responsabile della piattaforma di metabolomica, si occupa di tematiche legate alla sicurezza e qualità in ricerche attinenti all’alimentazione, le tecnologie alimentari e le produzioni primarie. Dal 2017 è vicepresidente del gruppo di ricerca italiano fitofarmaci ed ambiente.

Al termine dell’incontro sarà offerto un aperitivo grazie a Nova Coop – Presidio Soci di Alessandria.
13/10/2018
Cultura e Sviluppo







blog comments powered by Disqus


Auto elettriche, nuova colonnina sul Lungo Tanaro

Alessandria | L'apparecchio installato al distributore del metano di Amag. Il presidente Paolo Arrobbio: “La mobilità elettrica è il futuro del trasporto su gomma, soprattutto a livello urbano, poiché consente di abbinare risparmio e rispetto dell’ambiente”

Città off limits per tre anni, ma lo hanno trovato davanti all'Ospedale

Alessandria | Fermato ed identificato da fuori l'Ospedale, si è visto che il 35enne non avrebbe dovuto trovarsi in quella via. E nemmeno in quella città. Se n'è tornato a casa con l'ennesima denuncia

Amag Ambiente guarda agli investimenti. "Tre proposte per la raccolta rifiuti"

Alessandria | Un'azienda “sana” che chiude il 2018 in utile. I problemi sono di liquidità, per i pagamenti sempre in ritardo. Ora si guarda agli investimenti, visto che i mezzi hanno in media 15 anni. Tre i progetti per la raccolta differenziata proposti alla giunta comunale, “tutti tra i 6 e i 7 milioni” come costi. Intanto si aggiungono due unità al lavoro di “ispettore ambientale”

Comune, una Consulta per le proposte degli under 35

Alessandria | I membri saranno 60: adesioni libere a partire da aprile. Un'iniziativa del consigliere comunale Lorenzo Iacovoni. La proposta è stata infatti approvata all'unanimità nel corso dell'ultimo Consiglio comunale

Deiezioni canine: prova del DNA "troppo costosa". Ma è importante "sanzionare"

Alessandria | La mozione del capogruppo di SiAmo Alessandria, Giuseppe Bianchini, sull'igiene delle aree verdi e delle strade, con l'aggiornamento dell'anagrafe canina e il progetto della banca dati del DNA obbligatoria come fatto in altri comuni "richiede risorse ingenti". Strada impraticabile per l'assessore Barosini. Ma dai 5 stelle così come da consiglieri della Lega arrivano proposte di strade alternative e più percorribili: "più controlli e sanzioni". E l'obbligo di acqua oltre che sacchetti per raccogliere gli escrementi