Piemonte

Azzardo ed economia: le tasche dei nostri cittadini bruciate dalle slot

Ecco la situazione comparata fra i diversi centri zoni in provincia, accompagnata dall'ennesimo allarme. E' presto per stimare quanto la legge nuova regionale potrà incidere, ma le cifre attuali fanno paura. In Piemonte nel 2016 giocati d'azzardo 6 miliardi e mezzo di euro. In provincia giocati più di 700 mila euro

PIEMONTE - L'azzardo brucia l'economia Piemontese. Nel 2016 la cifra giocata dai cittadini piemontesi alle slot machines e nei giochi d'azzardo si aggira intorno ai 6 miliardi e mezzo di euro. Una spesa pro capite che raggiunge circa gli 850€ l'anno: cioè quasi il 15% delle spese sostenute dalle famiglie piemontesi per il settore alimentare equivalenti a 521€ mensili a famiglia, 260€ per componente (circa 6256€ l'anno per nucleo famigliare).

L'ultima denuncia al riguardo è del Movimento 5 Stelle, che punta l'attenzione sugli ultimi dati diffusi, assolutamente drammatici. 

"Se si considerano i dati forniti dall’Istat sul 2016 - spiega il gruppo regionale del M5S piemontese - si deduce che il 3% del portafoglio familiare piemontese viene bruciato nel ‘tentar la sorte’! Nella sola provincia di Alessandria, nel 2016, sono stati giocati 708.356.483 €, di cui 466.557.509,12 alle slot e alle VLT (videolottery) per una spesa pro-capite annuale ( slot+vlt) di 1097euro".

In realtà ovviamente la distribuzione delle giocate non è così ampia, perciò un numero minore di persone si trova a giocare cifre ben più alte, devastando completamente la propria vita. Nel tentativo di porre un freno la Regione Piemonte ha varato a fine 2016 una legge particolarmente restrittiva, in grado di bloccare la possibilità di giocare con facilità specie nel centro città, ma tante realtà più in periferia restano aperte e per chi può accedere al gioco online, da pc a smartphone, la possibilità di rovinarsi non termina mai. 

Nel 2016 questa è stata situazione dei diversi centri zona della Provincia di Alessandria, monitorata grazie a un'inchiesta del gruppo Espresso, che ha messo a disposizione un calcolatore in grado di restituire le cifre giocate da ogni comune. 

Alessandria, nel corso dell'ultimo anno, ha giocato più di 145 milioni di euro in slot e videolottery, grazie agli oltre mille apparecchi presenti in città (vale a dire 11,6 ogni mille abitanti). E' come se ogni singolo alessandrino avesse giocato 1553 euro. 
A Novi Ligure la situazione non è molto diversa, considerato che la cifra pro capite è di 1406 euro, frutto di giocate complessive per poco meno di 40 milioni di euro. A Casale Monferrato i cittadini hanno giocato nel 2016 circa 1165 euro a testa, ancora una volta un dato non dissimile dai precedenti, sintomo di quanto il problema sia diffuso in tutta la popolazione. Anche in questo caso la cifra complessiva è di poco inferiore ai 40 milioni. Ad Acqui Terme i cittadini hanno investito 1244 euro a testa (più di 24 milioni di euro complessivi  in un anno), a Valenza 1030 euro (poco meno di 20 milioni in totale), mentre a Ovada la cifra è stata addirittura di 1629 euro a persona, per una cifra che supera i 18,5 milioni complessivi. Il dato nettamente peggio fra i centri zona provinciale spetta però a Tortona, con poco meno di 3 mila euro pro capite spesi (per la precisione 2984 euro), con una spesa complessiva in città che ha superato gli 81 milioni di euro nel solo 2016. 
11/01/2018







blog comments powered by Disqus


Sull'illuminazione pubblica Barosini "bacchetta" Enel Sole

Alessandria | "Nonostante i ripetuti solleciti scritti e orali alla società Enel Sole il servizio di gestione dell’illuminazione pubblica è da qualche tempo reso al di sotto degli standard contrattuali". Queste le parole dure che l'assessore Giovanni Barosini rivolge alla società che gestisce l'illuminazione pubblica, dopo le segnalazioni di problematiche in alcune vie della città

Mense: da lunedì "tutti a tavola". E per i lavoratori (e i loro contratti)?

Alessandria | Il servizio di refezione scolastica parte lunedì 24 settembre: a fare il punto sulla questione "mense" che ha (sur)riscaldato i mesi estivi è l'assessore Straneo in occasione della presentazione del Documento unico di programmazione 2019-2021. A chiedere informazioni sulla possibilità di riduzione delle tariffe è il M5S. E sul fronte occupazionale? "Quasi tutti i contratti arrivati a buon fine, per alcuni con migliorie rispetto alle indicazioni iniziali"

Ciccaglioni: "Non tollereremo più occupazioni abusive, pronti a far intervenire le Forze dell'Ordine"

Alessandria | L'assessore al welfare fa il punto in commissione sull'emergenza abitativa in città, che è purtroppo lontana dall'essere risolta. Ciccaglioni fa una distinzione netta fra chi è moroso incolpevole, "non sfratteremo nessuno se prima non avremo una soluzione alternativa da offrire" e chi occupa senza averne diritto "pronti a fermare il fenomeno"

Estorsione a due professionisti: arrestate cinque persone

Cronaca | Una duplice estorsione ai danni di due professionisti del pavese costretti, con violenza e minacce, a rinunciare a una parte del credito vantato per consulenze tecniche. Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile della Questura e dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Alessandria. I nomi degli arrestati [AGGIORNAMENTO]

Bike to WorK: al lavoro in bici

Alessandria | Venerdì 21 settembre viene promosso l'uso della bicicletta per andare al lavoro come gesto simbolico per una città meno inquinata e con meno traffico, con la speranza che le buone pratiche diventino un'abitudine consolidata. Il Comune e il gruppo Amag aderiscono all’iniziativa