Alessandria

“Bee My Job 2.0”: presto le "cassette" acquistabili con i frutti del lavoro dei migranti

Attivati 24 nuovi tirocini rivolti ai rifugiati e ai richiedenti asilo accolti dall’associazione Cambalache e inseriti nel progetto SPRAR del Comune di Alessandria, a cui da quest’anno hanno avuto accesso anche soggetti svantaggiati individuati dal CISSACA di Alessandria e dalla Cooperativa Sociale Coompany&.

ALESSANDRIA - Anche quest’anno, dopo un brusco arresto dovuto al calo inaspettato delle temperature, la stagione apistica è decollata. Mentre osserviamo affascinati la natura che esplode salutando una nuova estate, intorno a noi accade qualcosa di impercettibile e fondamentale.

Le api si posano sui fiori, si nutrono e, involontariamente, trasportano il polline da un fiore all’altro. L’effetto dell’impollinazione sull’ecosistema è quello di poter continuare a garantire un adeguato numero di specie di piante. Proteggendo le api tuteliamo la biodiversità, patrimonio del nostro Pianeta.

Se l’impollinazione, la contaminazione tra differenti specie, è una ricchezza per la natura, lo è anche di più per la costruzione delle relazioni tra gli esseri umani.

"L’arrivo sul nostro territorio di uomini e donne provenienti da Paesi lontani è una risorsa che Cambalache vuole valorizzare - raccontano gli operatori dell'associazione - promuovendo una cultura dell’accoglienza basata sull’inclusione e dando vita a progetti volti alla crescita individuale della persona.

Nasce sotto questi auspici la seconda edizione di “Bee My Job”, un progetto di apicoltura urbana e sociale rivolto ai rifugiati e ai richiedenti asilo accolti dall’associazione e inseriti nel progetto SPRAR del Comune di Alessandria, a cui da quest’anno hanno avuto accesso anche soggetti svantaggiati individuati dal CISSACA di Alessandria e dalla Cooperativa Sociale Coompany&.

Tra febbraio e marzo, i 25 beneficiari di “Bee my Job 2.0” e di “CRT – Iniziativa Lavoro” hanno seguito un corso di formazione specifico in apicoltura e agricoltura biologica che, grazie ad Aspromiele e Coldiretti, ha visto la collaborazione di esperti di entrambi i settori.

La seconda fase del progetto prevede l’inserimento dei tirocinanti in aziende apistiche e agricole che possono accedere a vantaggiosi contributi. Decine di aziende dalle province di Alessandria, Cuneo, Pavia, Genova per arrivare fino a Lecce hanno risposto alla chiamata, confermando l’interesse già manifestato nel corso della prima edizione del progetto.

Dieci i tirocini attivati nell’ambito di “Iniziativa Lavoro”, con il contributo della Fondazione CRT e undici con “Bee My Job 2.0”, grazie ai fondi erogati dalla Chiesa Valdese e dal progetto SPRAR del Comune di Alessandria. Alcuni di questi tirocini, grazie ai fondi del bando svantaggio della Regione Piemonte, vedono coinvolti anche beneficiari della formazione dell’edizione precedente.

Anche Cambalache, ha attivato come soggetto ospitante tre tirocini a seguito della formazione apistica/agricola, per la gestione dell’apiario urbano, incrementato di 10 arnie, e dell’orto allestito al Forte Acqui di Alessandria.

Il progetto ha avuto una forte eco sopratutto tra gli addetti del settore e nuove richieste, ancora in corso di attivazione, sono arrivate anche dal Friuli e dalla Campania.

I frutti di “Bee My Job” sono concreti: il miele, i prodotti dell’alveare, gli ortaggi biologici dell’orto che tra qualche settimana saranno pronti per finire sulle tavole degli alessandrini. Dalla sua prima edizione ad oggi, però, questo percorso ha fatto doni forse meno tangibili ma altrettanto preziosi: la scoperta di un’opportunità per il futuro, l’incontro e la costruzione di legami tra le persone, la possibilità di avvicinare la popolazione locale ai rifugiati e ai richiedenti asilo usando come pretesto quei piccoli e operosi insetti.

L’obiettivo è quello di continuare ad alimentare quei processi virtuosi, sia dal punto di vista ambientale che di costruzione di comunità inclusive e solidali, che sono valsi a “Bee My Job” la vittoria della seconda edizione del premio “Sterminata Bellezza”, promosso da Legambiente, Comieco, Consiglio degli Architetti e Symbola.
16/07/2017







blog comments powered by Disqus


Emessa la prima ordinanza di Cuttica: ma è diretta a chi "non è molesto"

Alessandria | L'Ordinanza per la tutela della vivibilità urbana e del decoro del centro abitato stabilisce multe per chi in alcune piazze chiede l'elemosina anche senza disturbare nessuno. La mossa è per colpire i parcheggiatori abusivi, ma in realtà nulla cambia rispetto alle regole già in vigore con il sindaco Rossa

CULTura Estiva: torna il cineforum all'aperto di Tessere le Identità

Alessandria | Ecco tutte le date e i titoli dei film in programma alla Ristorazione Sociale per il cineforum curato dall'Associazione Tessere le Identità, che da anni si batte per la tutela dei diritti della comunità LGBTQI

Claudia Marchisa, la 'prof' del mezzofondo alessandrino

Alessandria | Come i due talenti d'Africa Abdessalam Machmach e Mamadou Yally, anche Claudia Marchisa è allenata da Francesco Labate. Campionessa provinciale di corsa campestre ("preferisco i collinari e le lunghe distanze, ma con la pista impari a correre") sta preparando i 10 mila per gli 'Italiani' di Bergamo del 9 settembre

Obbligo dei vaccini a scuola: in arrivo tremila lettere

Sanità | La Regione annuncia una semplificazione delle procedure in collaborazione con le Asl. Chi riceverà la comunicazione e chi no. Ecco cosa fare

L'amministrazione cerca "gli innamorati del lucchetto sul Meier. L'abbiamo tolto ma lo vogliamo rendere"

Alessandria | Tolleranza zero della nuova giunta sui lucchetti appesi ai ponti cittadini dagli innamorati, per una questione di decoro urbano e di costi di manutenzione. Per questo ne sono già stati rimossi alcuni, compresa una grossa catena. "Nessuna sanzione per questa volta, anzi vorremmo restituirne uno ai proprietari..."