Economia

Bonus ristrutturazioni: entro il 19 febbraio l'invio all'Enea

Non sarà più sufficiente conservare fatture e bonifici per garantirsi il diritto al Bonus, ma vi sarà anche l'obbligo di spedire telematicamente all'Enea entro i 90 giorni successivi all’ultimazione del lavoro, la cosiddetta "scheda informativa" dove vanno inseriti i dati dell'intervento svolto

ECONOMIA - Entro il 19 febbraio 2019 andranno inviate all’Enea le comunicazioni contenenti i dati dei lavori detraibili con il Bonus ristrutturazioni con effetti di efficientamento energetico effettuati tra il 1° gennaio e il 21 novembre 2018. Per chi avesse già effettuato nel 2018, o effettuerà di qui in avanti, interventi che implichino un miglioramento delle performance di consumo energetico dell’appartamento (ad esempio la sostituzione degli infissi, o anche semplicemente la sostituzione della vecchia caldaia con una più performante) non sarà più sufficiente (come è stato previsto fino al 2017) conservare fatture e bonifici per garantirsi il diritto al Bonus, ma vi sarà anche l’obbligo di spedire telematicamente all’Enea entro i 90 giorni successivi all’ultimazione del lavoro, la cosiddetta “scheda informativa” dove vanno inseriti i dati dell’intervento svolto.

Nello specifico gli interventi detraibili con la formula del 50% per cui – a partire dal 1° gennaio 2018 – vi è anche l’obbligo di comunicazione all’Enea sono i seguenti:

  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;

  • riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;

  • riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;

  • riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;

  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;

  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;

  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto;

  • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;

  • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;

  • microcogeneratori (Pe<50kWe);

  • scaldacqua a pompa di calore;

  • generatori di calore a biomassa;

  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;

  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation;

  • installazione di impianti fotovoltaici.

L’invio telematico è stato attivato sul sito dell’Enea solo da 22 novembre 2018 quindi per i lavori effettuati nell’anno 2018 la documentazione deve essere inviata entro il 19 febbraio, nel caso in cui non si inviasse la comunicazione, per i lavori del 2018, entro tale data si perderà il diritto alla detrazione del 50% nel Modello 730.

Per i lavori effettuati dal 2019 in poi la trasmissione telematica all’Enea deve essere effettuata entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori il cosiddetto “collaudo”.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato Acli presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di Alessandria
Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Casale Monferrato
Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di Tortona
Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Novi Ligure
Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di Valenza
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di Acqui Terme
Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687
9/02/2019







blog comments powered by Disqus


Capolinea (e ripartenza). Il punto sul fallimentare campionato dei Grigi

Materia Grigia | "Tre vittorie, quattordici pareggi e otto sconfitte, il bilancio fallimentare della gestione del tecnico siciliano, che con l'esonero ha pagato per tutti, anche se, con tutta evidenza, è solo uno (e forse non il principale) dei responsabili di questa stagione dell'Alessandria, che definire infelice è un eufemismo"

L’Ortopedia dell'ospedale all'avanguardia per le protesi dell'anca e del ginocchio

Alessandria | Lo staff dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria negli ultimi dieci anni è diventato uno dei reparti che può vantare in Italia maggiore esperienza in Italia in questo settore di attività

Niente bevande in contenitori di vetro durante il 'Carnevale al Cristo'

Alessandria | Per tutti gli esercizi commerciali di Corso Acqui e piazza Ceriana vigerà il divieto di somministrare e vendere bevande in contenitori di vetro per asporto

Piscina comunale: "non servono investimenti milionari? E' tutto distrutto e niente a norma"

Alessandria | Queste sono le parole critiche di "replica" del consigliere comunale di maggioranza Federico Guerci dopo l'annuncio attraverso i Social delle Piscine di Cassine di un "interesse" a trattare con il Comune per la gestione della piscina comunale scoperta. Guerci: "chi si propone è socio di chi ha contribuito a lasciare la struttura in condizioni disastrose. Niente è a norma, senza le autorizzazioni base e con edifici che andrebbero demoliti"

Bressan (Amag): "Investimenti da 210 milioni per un sistema integrato ed efficiente”

Alessandria | “Acqua bene prezioso e diritto di tutti: investimenti da 210 milioni di euro per un sistema integrato ed efficiente” dichiara Mauro Bressan, amministratore delegato di Amag Reti Idriche