Alessandria

Che fine farà l'ex Cangiassi? Una domanda che ci si pone da anni

Negata una nuova commissione sul tema, il destino dell'ex gelateria, ormai abbandonata da tempo e sempre più in stato di degrado, denunciano i 5 Stelle, appare segnato: "verrà presentato un nuovo bando, tanto simili al precedente da andare probabilmente di nuovo deserto. Occasione persa per creare un servizio alla città"

ALESSANDRIA - L'unico sopravviso dai 3 "mostri" dei Giardini Pubblici, vale a dire strutture ormai fatiscenti e dismesse da tempo, l'ex Gelateria Cangiassi, a differenza del Piccadilly e dello Zerbino, che sono stati abbattuti, pare sia destinato ancora alla vendita. L'obiettivo non è certo nuovo, ma un primo bando negli anni scorsi è andato deserto e la paura, almeno da parte del Movimento 5 Stelle, è che la storia si ripeta anche in futuro. 

La struttura, che ha "beneficiato" di un'opera di camouflage in passato costata 25 mila euro, è stata oggetto di più attenzioni, con diverse di impiego, tutte però scartate. Fra esse fece particolarmente discutere l'offerta della Comunità San Benedetto al porto, pronta a investire fino a centomila euro per riqualificare l'area dei giardini pubblici, facendono un locale multiservizi. La proposta venna lasciata cadere dalla precedente amministrazione, più interessata alla valorizzazione del locale attraverso la vendita. A distanza di anni però nessun acquirente si è presentato con una proposta concreta e la situazione dell'immobile è in continuo peggioramento. 

Il Movimento 5 Stelle torna ora con una alcune domande sul tema: "all'inizio del 2017 presentammo in Consiglio Comunale una proposta per la riqualificazione della struttura, con l'obiettivo che venisse resa una struttura polivalente, capace di convogliare servizi importanti per i cittadini, come ufficio della mobilità ed infopoint, anche per aiutare quei viaggiatori che usciti dalla stazione ad oggi si trovano spaesati, non sapendo dove poter chiedere informazioni sulla città e sui mezzi di trasporto, insieme a un presidio della Polizia Municipale e magari un biglietto da visita di Alessandria, con in mostra alcune delle eccellenze cittadine". 

"Oggi - denunciano i 5 Stelle - dopo molteplici rinvii della convocazione di una commissione sul tema, apprendiamo che non è più in programma alcuna commissione e non sono previsti ulteriori spazi di discussione, considerando la volontà di riaffidare il destino dell'ex gelateria a un nuovo bando, simili a quello precedente e che è facile immaginare che andrà nuovamente deserto. Che fine farà l'immobile? Proprio nell'anno dell'850esimo compleanno della città un polo multiservizi a beneficio dei cittadini e dei visitatori sarebbe stato un ottimo investimento e un bel benvenuto per chiunque giunga in città". 
17/01/2018







blog comments powered by Disqus


Fiamme nella discarica di Castelceriolo

Cronaca | Aggiornamento: incendio sotto controllo. Arpa: "nessuna criticità" Un incendio è divampato nella serata di venerdì 17 nell'impianto di rifiuti di Castelceriolo. Le fiamme sono sotto controllo ma i vigili del fuoco, insieme al personale Arpa, sono ancora al lavoro

Cuttica sugli stranieri in città: "proseguiremo con lo Sprar, meglio il Comune alle cooperative"

Alessandria | Il sindaco rinnova l'impegno della città a portare avanti il progetto di accoglienza già in corso, pur chiudendo la strada a nuovi arrivi: "Alessandria ha già fatto la sua parte". E i 210 mila euro del 'bonus gratitudine' potrebbero diventare vitali per la città, ecco perché...

"Nuovo Rinascimento": una rivoluzione pacifica per una società solidale

Alessandria | Questa è l'iniziativa messa in piedi dal presidente dell'associazione IDEA, Paolo Berta a partire da mercoledì 15 agosto e così ogni mattina alle ore 10 davanti la sede dell'associazione in viale Toscanini. "Con scope e ramazze si pulisce, si fanno due parole, ci si conosce e si prende un caffè". Hanno iniziato in 15, per diventare oltre 20 in due giorni: "una città più pulita e più solidale con tutti"

"Si al servizio obbligatorio per il Paese"

Società | Dall'associazione nazionale Alpini riceviamo un comunicato relativo al ripristino della leva obbligatoria. Per Ana "occorre colmare un vuoto educativo che sta toccando in maniera trasversale tutti gli ambiti della società, dalla scuola alla famiglia, dalla Chiesa alla politica" ed è quindi favorevole al "ripristino di un servizio obbligatorio per tutti i giovani, maschi e femmine"

Riscoprire l'anima agricola di Alessandria per puntare al futuro

Alessandria | A volte per guardare al futuro è necessario ripartire dalle proprie radici, che per il nostro capoluogo sono fatte di cultura contadina, grano e artigianato: "l'obiettivo è lavorare sulle nostre filiere prendendo esempio da Cuneo e Novara". L'assessore Roggero suona la carica: "la fiera di San Giorgio deve tornare grande"