Alessandria

Curve e piercing, Rita Rossa 'osa' in vacanza prima di tornare a scuola

La foto delle vacanze postata su Instagram con décolleté in primo piano e piercing all'ombelico mostrano l'ex sindaco in una nuova (s)veste, quella di una professoressa "rigorosa ma disponibile al dialogo".

ALESSANDRIA - Niente politica in classe, solo italiano e latino. Primi giorni di scuola anche per l'ex sindaco di Alessandria, Rita Rossa, che dopo dodici anni di vita amministrativa in primo piano (Provincia e Comune), torna a farsi chiamare professoressa al Liceo Saluzzo-Plana. Dice di essere stata accolta bene tra i nuovi colleghi e di non aver accusato la differenza fino a qualche mese fa, quando le interrogazioni e la vita tra i banchi erano quelle del consiglio comunale. “La politica resta una passione e un impegno diretto, ma l'insegnamento è il mio lavoro, e lo devo svolgere con professionalità e dedizione, come sempre in tutte le cose”.
Un po' di 'vuoto' resta, inevitabile, ma si va avanti: “Sono un'insegnante disponibile ma rigorosa. Invito sempre i miei studenti a studiare per se stessi, per accrescimento personale e per maturare uno spirito critico”. Libertà, no omologazione. Il problema su come conciliare tutti gli impegni resta: “Se le Commissioni continueranno ad essere convocate solo al mattino, purtroppo non potrò parteciparvi spesso. Non è giusto farsi sostituire dai colleghi o abbandonare gli allievi”.

Se tra un anno si votasse per il Parlamento? “Dipende da tanti fattori, non sappiamo neppure con che legge elettorale”. Già, Roma: “Se non avessi accettato di fare il Sindaco, forse ci sarei già arrivata...”

Social piercing. Uno dei lati positivi di non avere più ruoli di massima rappresentanza è quello di non dover sempre stare attenti a come ci si comporta in pubblico, e poter essere un po' più 'normali'. Il massimo della trasgressione che Rossa si concedeva da sindaco era un selfie con il Vescovo. Forse proprio per questo le foto delle vacanze con le amiche hanno fatto il giro del web. Soprattutto una, in cui non si vede la faccia. Niente di scandaloso, solo un gossip di fine estate: “Sarò molto più accorta in futuro”, ride minimizzando il fatto di essersi dimenticata di essere comunque un personaggio pubblico (evidentemente seguito sui social network), “ero in vacanza...”. dalla foto postata su Instagram i più attenti hanno notato il piercing all'ombelico: “Ce l'ho da tantissimo tempo”, confessa tra l'imbarazzato e il divertito “Avevo vinto una scommessa: se avessi raggiunto un certo risultato...”.
13/09/2017







blog comments powered by Disqus


Arrestate in Grecia due donne latitanti coinvolte nell'operazione "Blue Night"

Alessandria | Erano le ultime due pedine mancanti per chiudere l'operazione di Polizia iniziata nel 2014 e denominata “Blue Night” che aveva smantellato un'organizzazione a delinquere dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, falsificazione di documenti validi per l'espatrio e sfruttamento della prostituzione in 5 locali notturni tra Alessandria e Tortona. Due donne russe sono state arrestate dopo serrate indagini durate anni in Grecia, dove avevano aperto un B&B

"Responsabilità per le parole che si utilizzano": tanti alessandrini sul Meier contro l'omofobia

Alessandria | Sono stati tanti gli cittadini che hanno colto l'appello di Tessere le Identità per manifestare sul nuovo ponte testimoniando l'importanza di mantenere il rispetto per tutte le persone e stigmatizzando le parole omofobe utilizzate da Vittorio Sgarbi durante un intervento in città

Insieme per sempre

MemoriALE | Dalle cronache di un tempo riscopriamo una pagina di amore e scelte estreme

Cittadella: "cambiare ora idea vuol dire avere un progetto monco"

Alessandria | Dal Pd un appello a non rivedere il progetto per il recupero della fortezza da parte della maggioranza, intenzionata a utilizzare una parte dei fondi regionali Por Fesr, destinati alla Cittadella dalla precedente Giunta, sul complesso dell'ex Ospedale Militale

Carnevale alessandrino: trionfa "Sezzadio ’n tla giungla"

Alessandria | Nell'edizione degli 850 anni della città a vincere, incoronato dalla giuria e da una grande affluenza di pubblico, è stato il carro di Sezzadio, che bissa il successo dell'anno passato. Subito dietro si piazza “Frugarolo all’Opera” mentre il terzo gradino del podio se lo aggiudica “L’osteria dei ‘dui ciuc’”, di Castelnuovo Belbo