Società

Da Alessandria al Chiapas: “è il secolo della rivoluzione delle donne”

Un gruppo di donne alessandrine è partito nei giorni scorsi per raggiungere il Chiapas dove si è tenuto il "Primo Incontro Internazionale Politico Artistico Sportivo e Culturale delle Donne che Lottano" al quale hanno partecipato circa 10 mila donne da tutto il mondo

SOCIETA' – In quattro sono partite da Alessandria per raggiungere la regione del Chiapas, in Messico, per partecipare al "Primo Incontro Internazionale Politico Artistico Sportivo e Culturale delle Donne che Lottano". Diecimila persone da tutto il mondo che hanno discusso, tra l'8 e il 10 marzo, sul senso dell'essere “dalla parte delle donne” nel ventunesimo secolo. Non solo “femministe” e neppure solo “rivoluzionarie”: l'obiettivo che il movimento collettivo mondiale si è posto è quello di “decostruire i ruoli di genere imposti dal sistema patriarcale nella società e nei nostri spazi di vita quotidiani”.
Termini e parole che, nella società occidentale, possono forse apparire anacronistici. Possono anche fare sorridere. Ma per tante donne nel mondo, dalle curde a quelle nate e vissute in zone in cui esistono ancora spose bambine, società patriarcali, discriminazioni e violenze quotidiane, queste parole hanno un significato ancora più profondo.

Marta, Lucia, Giulia, Chiara hanno condiviso con altre 10 mila donne momenti di confronto e progetti, che riporteranno in Italia, al loro ritorno.
“Ancora prima del 1994, anno del Levantamiento dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, le donne indigene hanno iniziato a incontrarsi, confrontarsi e discutere, spesso clandestinamente, per acquisire protagonismo all'interno del processo di lotta. Oggi quelle donne hanno imposto la loro presenza attiva nei luoghi di decisione politica, sperimentando forme di autonomia e riorganizzazione delle loro comunità”, raccontano.
Un modello “esportabile” anche in Europa? Basta chiedersi se è terminata, in Europa, l'epoca delle violenze e delle diseguaglianze, dello sfruttamento e della denigrazione delle donne. “Anche noi abbiamo storie, modalità, tempi e luoghi diversi, ma un unico denominatore comune: ai femminicidi, alla violenza istituzionale, al continuo innalzamento di muri e frontiere e alla devastazione dei territori, rispondiamo con forme di resistenza attiva, consapevoli che solo da noi può partire la costruzione di un'alternativa”.
Tra le donne di tutti i continenti, in Chiapas, è stato stretto un patto: “restare vive. L'unico modo per farlo è continuare a lottare”.
Questo e' il secolo della rivoluzione delle donne - concludono Questo e' il momento di camminare insieme tra uguali e differenti per ridefinire non solo i rapporti tra i generi, ma anche per portare nella società quel cambiamento necessario ad arginare ogni forma di razzismo, sopruso, disuguaglianza, devastazione”.





20/03/2018







blog comments powered by Disqus


Sequestrato un esemplare protetto di tartaruga

Alessandria | I Carabinieri del Gruppo Forestale di Alessandria hanno sequestrato un esemplare di specie protetta di tartaruga e deferito l'uomo di 50 anni che la deteneva. La tartaruga è stata affidata alle cure del “Parco Safari delle Langhe” di Murazzano nel cuneese

Piscina comunale scoperta: "serve un project financing. E in due anni si potrebbe riaprire"

Alessandria | Un'analisi e idee ben chiare sul da farsi che potrebbero diventare un progetto vero da depositare negli uffici di Palazzo Rosso. Questa è la proposta del consigliere comunale di maggioranza Federico Guerci che della piscina comunale di Lungo Tanaro ha fatto il proprio cavallo di battaglia. "La soluzione migliore, con buona gestione, innovazione tecnologica, praticabile in un paio di anni è quella del progetto di collaborazione con società private"

Marco Patuano nel CdA del Milan

Alessandria | Il manager alessandrino è tra i consiglieri di amministrazione della squadra rossonera. Rientra nelle nuove nomine decise dai proprietari del fondo Elliot. Scaroni presidente e amministratore ad interim

Un lavoro nel bar del carcere per Mirko, Beppe, Pietro e Michela "per dar loro dignità"

Alessandria | Sono i primi quattro ragazzi del Centro Down a sperimentare il progetto di "Work Habilitation e Inserimento Lavorativo" promosso dall'associazione grazie alla collaborazione di diversi soggetti. "Una opportunità per apprendere abilità lavorative che potranno permettergli una volta acquisita sicurezza e competenza di provare a lavorare fuori dal luogo protetto che è ora il bar della casa di reclusione di San Michele"

Palazzo Rosso d'accordo: "Si insegni di nuovo l'educazione civica"

Alessandria | E' attiva la sottoscrizione nazionale per chiedere la reintroduzione di un'ora di educazione alla cittadinanza nelle scuole. Il Comune di Alessandria è favorevole: "Aumenterebbe il senso di appartenenza e la consapevolezza ai beni comuni"