Cronaca

Dirigente delle autostrade sotto accusa per l'incidente di 9 anni fa

Era stato rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio colposo, per un incidente avvenuto nel 2009 sull'autostrada A7 resa scivolosa dalla pioggia gelata. Secondo il pubblico ministero l'autostrada avrebbe dovuto essere chiusa. Chiesti 6 mesi di reclusione. Il giudice deciderà a marzo

CRONACA – Ci fu negligenza nella condotta di un dirigente della concessionaria autostradale del tratto Serravalle Milano la sera del 23 dicembre 2009? Lo stabilirà il giudice che ha fissato la lettura della sentenza per il prossimo 8 marzo. Per quel fatto è finito a processo Claudio Palastanga, 63 anni, di Gravedona. Aveva nevicato ma sull'autostrada era stato gettato il sale, “in quantità superiore a quello necessario”, per non fare gelare la neve. Arrivò però il gelicidio, la pioggia gelata, evento non prevedibile o, per lo meno, non si può prevedere dove esattamente colpirà.
Secondo il pubblico ministero che sostiene l'accusa, però, nel tardo pomeriggio di quel giorno, iniziarono ad arrivare segnalazioni di auto che perdevano il controllo, che uscivano di strada. E l'autostrada rimase aperta. L'incidente nel quale rimase ferito un automobilista di Milano fu segnalato verso le 18,15. Quindi dopo che erano già arrivate altre chiamate ai centralini della polizia stradale, la quale, secondo quanto sostenuto in aula da Pm, avrebbe avvisato di conseguenza anche gli uffici della concessionaria.
L'automobilista venne ricoverato all'ospedale di Pavia e morì dopo qualche tempo. Secondo la procura, però, ci potrebbe essere una responsabilità di chi aveva la facoltà di chiudere il tratto autostradale, tra Castelnuovo e Pavia. Una errata valutazione della situazione? L'accusa è di omicidio colposo.
Per questo chiede che il dirigente venga condannato a 6 mesi di reclusione. La difesa, sostenuta da dagli avvocati Roberto Cavallone e Fausto Bellato chiede invece l'assoluzione per non aver commesso il fatto.
13/02/2018







blog comments powered by Disqus


Bando Wecare: alle realtà del nostro territorio interessa davvero?

Alessandria | Lunedì si terrà un convegno per illustrare e discutere la prima fase della strategia "Wecare", insieme di bandi regionali che invitano i soggetti locali a creare sinergia per potenziare il welfare territoriale, anche attraverso strategie innovative. Saranno stanziati 20 milioni di euro: è un'occasione fondamentale, sapremo coglierla?

Mense: "nessuna apertura e rassicurazione". Dal Comune due giorni di tempo per alcune "verifiche"

Alessandria | Tamburi e fischietti hanno accompagnato in coro lo slogan “Noi non ci arrendiamo”: nuovo presidio dei lavoratori e dei sindacati sotto il Comune. E anche nuovo incontro con una parte dell'amministrazione comunale: "nessuna apertura sulla clausola sociale - ha spiegato Maura Settimo della UilTucs - Nessuna rassicurazione sui lavoratori del trasporto e dello scodellamento, ma precisazioni. Con un paio di giorni presi per qualche 'verifica'"

Al 'Mocca' per chiudere la pratica Feralpi. Marcolini: “Siamo in vantaggio, ma loro sempre pericolosi”

Serie C - Play off | Forti del 2-3 maturato a Salò i Grigi possono mettere il sigillo sulla qualificazione ai quarti dei play off di C. Giosa out, recupera Gazzi. Toscani: "Nel calcio niente è impossibile. Si gioca questa sera, mercoledì 23, alle 20.30

Borsalino, possibile società di dipendenti? "La produzione deve continuare"

Alessandria | Per l’assessora Pentenro bisognerà mettere in campo tutto ciò che sarà possibile in vista del 31 maggio quando scadrà il contratto d’affitto del ramo d'azienda. Una delle possibili vie da percorrere quella del workers buyout, un’operazione di acquisto di una società realizzata dai dipendenti dell’impresa stessa

Alla Cisl con Anteas un incontro sul testamento biologico

Csvaa Informa | L’Associazione Anteas e la Cisl Pensionati Asti-Alessandria, in collaborazione con Coordinamento Donne e con il supporto del CSVAA, propongono, ad Alessandria, un incontro dal titolo “Testamento Biologico: come, dove, perché”