Alessandria

"Fare proposte in Cittadella con cognizione"

Il capogruppo di Forza Italia, Maurizio Sciaudone, torna sul tema della Cittadella e sull'idea della Giunta di utilizzare la Caserma Beleno per ospitare parte del patrimonio museale del Comune. Ecco perché, detto da chi ha vissuto in quel luogo, potrebbe non essere una buona idea...

ALESSANDRIA - "Ogni volta che intervengo su temi legati alla Cittadella e al suo futuro chi mi critica si dimentica che nella fortezza ho vissuto una parte rilevante ed importante della mia vita, un periodo durante il quale ho visto e conosciuto tutti i risvolti positivi e negativi della struttura e dei suoi spazi. Proprio come il Sindaco conosce l’Ospedale Militare per averlo frequentato durante gli anni della sua riscoperta come luogo d’arte e di cultura, anche io conosco Cittadella per averci lavorato e vissuto ogni giorno lavorativo per 28 anni.
Ecco perché, se avessi bisogno di sapere quale potrebbe essere lo spazio migliore dell’Ex Ospedale Militare per farci qualche cosa, non esiterei a chiedere a Gianfranco Cuttica di Revigliasco un parere che sarebbe per me vincolante.
Fatta questa premessa voglio spiegare il perché delle mie perplessità sull’utilizzo della Caserma Beleno, secondo me impropriamente preferita ad altre più idonee per gli scopi del Comune".

A parlare è Maurizio Sciaudone, capogruppo di Forza Italia e infaticabile 'difensore' della fortezza, ormai da almeno tre amministrazioni impegnato a battagliare con le diverse Giunte per veder salvaguardata e valorizzata la Cittadella, dove ha prestato servizi per anni come militare. 

"Ricordo molto bene che, all’indomani dell’infausta alluvione del 1994 i sotterranei di quella palazzina erano invasi dal fango del Tanaro - sottolinea Sciaudone - Quel fango è rimasto là dove lo vidi io nel ’94 in attesa di essere prelevato e smaltito secondo i parametri di legge (è un rifiuto speciale). Una bonifica di tale tenore implicherebbe una spesa considerevole, tale da gravare pesantemente su un futuro budget di ristrutturazione e di messa a norma. A questo proposito riscontro anche che sono state fatte opere murarie recenti, a mia notizia non autorizzate dalla Sovrintendenza e quindi in pendenza di atti a sanatoria".

"La Beleno (caserma che oggi ospita la mostra delle divise e l'associazione Bersaglieri ndr) è inadatta sia come sede museale sia come dimora della mostra storica permanente delle Divise dell’Esercito, - prosegue il capogruppo di Forza Italia, in una lettere aperta alla Giunta guidata da Gianfranco Cuttica di Revigliasco - proprio per gli alti costi che si dovrebbero sostenere per rendere a norma la struttura. Vista da un’altra ottica la Caserma Beleno resta adatta ad un utilizzo come sede di Circolo Privato, che può ospitare conferenze ed eventi. Alla caserma Beleno c'è invece l'opportunità di restaurare il Sacrario e le lapidi che ricordano i Soldati italiani, partiti da Cittadella e Caduti nell’adempimento del dovere in terra d’Africa. Questo dovrebbe essere il primo intervento per il suo recupero".

"Di interesse storico (vi sono studi e progetti in tal senso, in altre città) sarebbe anche il censimento e il restauro delle scritte facenti parte della cultura militare di un’epoca che, insieme ai motti dei reparti, sono riportate sui muri interni al primo piano della palazzina. Sicuramente, sempre in base alla mia esperienza, ritengo più conveniente economicamente utilizzare la palazzina ex Forni quale sede dell’ Ufficio Turismo e sala conferenze  - conclude Sciaudone - mentre nella Caserma Montesanto può trovare sede appropriata un vero Museo di Storia e Cultura Militare Italiana. E ribadisco che parlo, esattamente come farebbe il mio Sindaco per l’ospedale militare, con cognizione di causa!"
20/03/2018







blog comments powered by Disqus


Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

Sui social “non bisogna solo esserci, ma starci bene”

Alessandria | “Comunicazione e trasparenza per il cittadino: un nuovo modello di PA” è stato al centro del convegno promosso dall'Azienda Ospedaliera in occasione degli eventi per la settimana del Santo Patrono. Centini: “Noi viviamo di reputazione. Utilizzare i canali adeguati per dare informazioni e ricevere dalla cittadinanza feedback deve essere l'aspirazione superiore su cui puntare”. E la riorganizzazione per la comunicazione deve “partire dal front office”

Braccianti prima sfruttati poi accusati di diffamazione, presidio davanti al tribunale

Cronaca | Gli attivisti del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia hanno manifestato ieri davanti al tribunale di Alessandria mentre era in corso la prima udienza, sezione civile, a seguito della denuncia di due imprenditori che chiedono un risarcimento milionario per danni morali e materiali ai braccianti che scioperarono contro lo sfruttamento. Per lo sfruttamento gli imprenditori patteggiarono la pena ad un anno e 7 mesi

“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"