Provincia

Fino a quando siamo giovani? Province e Regione non si mettono d'accordo

Una volta arrivare a 30 anni voleva dire diventare adulti. Oggi? Neppure gli enti pubblici hanno una direttiva precisa, l'essere giovani va un po' a discrezione. Forse anche per questo si rimane tali fino a 40 anni...

PROVINCIA - Il concetto di 'giovani' si è più che mai annacquato nel corso dei decenni, e nell'anno domini 2017 c'è qualcuno che azzarda dire 'un giovane di 40 anni'.

Senza scomodare la sociologia e l'antropologia sul sentirsi giovani ed esserlo per la società – vale lo stesso anche per i cosiddetti anziani – se almeno la burocrazia non si mette d'accordo sulla fascia d'età da considerare non del tutto adulta, allora si rischia davvero di fare confusione.

L'Informagiovani di Alessandria offre gratuitamente una 'carta giovani' per fare acquisti nei negozi convenzionati con un po' di sconto. Basta passare in Biblioteca ed avere dai 14 ai 32 anni. Tutti d'accordo? Neanche per idea: nella provincia cugina, stesso ufficio, l'Informagiovani di Asti di rivolge ai giovani dai 15 ai 35 anni. Anno più, anno meno, si dirà, c'è poca differenza. La cara regionale Pyou che unisce trasporti, cultura e sport non supera gli 'enta', giusto per segnare un confine un po' più preciso e universale. Si va dai 15 ai 29 anni. E se andiamo a cercare e carte internazionali 'giovani', per l'Europa e per tanti altri Stati dentro e fuori l'UE la soglia per essere considerato giovane agli occhi delle amministrazioni e delle compagnie di viaggio è ancora più bassa: 26 anni.

Se ci aggiungiamo che il Dipartimento della gioventù del Ministero degli Interni, per certi progetti sui giovani non bisogna superare i 22 anni, la confusione è totale.

Almeno in Piemonte ci si potrebbe mettere d'accordo: altrimenti davvero si continuerà a dire giovane di 40 anni...
11/02/2018







blog comments powered by Disqus


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno

Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

Alessandria | In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Arrestato due volte per furto, ha patteggiato la pena

Cronaca | Era stato arrestato per un furto nel negozio di giocattoli. Evaso dai domiciliari perchè non era arrivato il braccialetto elettronico, aveva commesso un altro furto ai danni di una panetteria. Ieri ha patteggiato la pena a due anni e nove mesi di carcere