Alessandria

Housing sociale San Michele: altro slittamento. Lavori conclusi per luglio?

"A che punto siamo? Riusciremo a non perdere i fondi dalla Regione Piemonte e a quando è prevista la fine lavori con l'ingresso degli utenti?". Queste alcune delle domande poste dal Movimento 5 Stelle per mezzo di una interpellanza. A rispondere è l'assessore Ciccaglioni, che parla di "luglio"

 ALESSANDRIA - Solo qualche settimana fa c'è stato il sopralluogo a Cascina Vescova, la struttura destinata ad Housing sociale a San Michele, cui ha fatto seguito una commissione consiliare per capire “ a che punto stiamo”, vista la storia infinita che c'è dietro a questo progetto gestito dal comune di Alessandria e Atc, con fondi dalla Compagnia di San Paolo e dalla Regione Piemonte.

Un nuovo aggiornato sullo stato di fatto dei lavori e del confronto con tutte le realtà coinvolte è arrivato dall'assessore Ciccaglioni come risposta ad una interpellanza del Movimento 5 Stelle. E' il presidente Michelangelo Serra a chiedere “come si sta procedendo? Ce la si farà in tempo ( e quando) per evitare che la Regione chieda indietro milioni di euro e di questo progetto non se ne faccia nulla?”.

Sul fronte temporale, a distanza di meno di un mese, già si è passati da una speranza in “giugno” alla possibilità di consegnare appartamenti e quindi di far entrare l'utenza a “luglio”. Questa è una speranza per il Comune e una “convinzione” come l'ha definita lo stesso Ciccaglioni della Regione. Che aveva anche già rassicurato sulla possibilità di non perdere i soldi: quelli almeno sembrano salvi, se si riuscirà a portare a casa il lavoro.

Intanto si sono fatti i primi incontri con Atc e Cissaca per delineare i criteri alla base di un Regolamento che gestiscano “chi entra in questa struttura” e chi la gestisce. Insomma non nomi e cognomi, ma almeno che tipologia di utenza dovrebbe beneficiare di questo aiuto. “Persone per un periodo di 18 mesi con l'obiettivo di un loro reinserimento nel mondo del lavoro” spiega l'assessore. Ma ci vorranno dei “criteri” per stabilire cosa succede dopo questo periodo di un anno e mezzo.
Il “censimento” dell'utenza avverrà con il coinvolgimento nella scelta di associazioni che hanno specificità e competenza in materia di Housing sociale.

Altra questione ancora in sospeso era quella che vedeva il coinvolgimento economico della Compagnia di San Paolo. 30 mila euro ancora da confermare che dovevano servire per alcuni interventi a piano terra, negli spazi comuni. “Questo lotto sarà accantonato – ha spiegato Ciccaglioni, preannunciando un incontro nei prossimi giorni a Torino proprio con la Compagnia di San Paolo – Non più utilizzati per quei lavori, ma riversati per completare gli arredamenti interni”.


11/03/2018







blog comments powered by Disqus


Solvay e Ausimont, pene ridotte in appello per disastro ambientale

Cronaca | La corte d'Assise d'Appello ha ridotto ad 1 anno e 8 mesi le pene per tre dei manager di Solvay ed Ausimont per disastro ambientale colposo. Assolti gli altri cinque imputati. Solvay annuncia il ricorso il Cassazione. In primo grado la condanna era stata di 2 anni e mezzo

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Fabbio farà volontariato per evitare il carcere

Alessandria | Il tribunale di sorveglianza di Torino ha preso in esame la richiesta dell'ex sindaco di Alessandria di svolgere servizi socialmente utili al posto della pena detentiva. Era stato condannato in terzo grado a tre anni di carcere per falso ideologico. Dovrà comunque risarcire il Comune

Operazione Triangolo, le prime testimonianze sull'inchiesta rifiuti

Cronaca | Diciannove indagati, tra i quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria. In aula, ieri, i primi tre testimoni: funzionari e dipendenti della Provincia che hanno effettuato sopralluoghi nei siti oggetto di indagine