Alessandria

Housing Sociale San Michele: lavori fermi. Il rischio è dover restituire i soldi alla Regione

La storia travagliata del cantiere aperto a San Michele di Housing Sociale non sembra aver fine. La commissione Politiche Sociali è andata in sopralluogo: "i lavori sono fermi" come conferma la ditta che ha preso in mano i lavori da ottobre 2017. Assente l'Atc. Il rischio se non si fa avanzare il progetto è che la Regione voglia indietro i soldi....visto che si tratta finanziamenti europei già scaduti (teoricamente)

 ALESSANDRIA - E' davvero una “storia infinita” quella che ha per protagonista l'Housing Sociale di San Michele, struttura destinata a persone in difficoltà, con diverse destinazioni di utilizzo, in parte del Comune e in parte dell'Atc. Che ne ha le redini dei lavori, oggi fermi (da novembre 2017) come ha potuto constatare la commissione Politiche Sociali che si è riunita in sopralluogo in quello che è a tutti gli effetti ancora un cantiere a cielo aperto.

Era fine settembre 2017 quando la nuova amministrazione in visita al cantiere sosteneva di aver superato la serie di ritardi su ritardi che si sono avvicendati nel tempo, negli anni, e parlava di “lavori quasi ultimati” come era stato assicurato dai tecnici. Peccato che ad avvicendarsi nel progetto di Housing Sociale sono state diverse ditte, da ultima la Pancot Fratelli Srl che ha preso in mano l'appalto da ottobre. “Abbiamo lavorato per 15 giorni....poi ci siano dovuti fermare perché non sono chiare alcune cose”. Tra cui il fatto che la nuova impresa non viglia certificare “alla cieca” i lavori di altri. Così è stato fatto uno scavo a perimetro di quello che dovrebbe essere il parcheggio davanti alla struttura, “che ora sembra essere più ampio, quindi non abbiamo tirato su il muro”. Poi c'è il problema di “coibentazione” verso il tetto....e tutti gli impianti che ancora sono inesistenti.

Quindi lavori di nuovo fermi, “in attesa di una variante da parte dell'Atc”. Assente tra l'altro in commissione. “Riconvochiamoli in Comune in una nuova seduta – chiede il Movimento 5 Stelle – Visto che è il soggetto che deve dare risposte, indicazioni...con il quale avere un confronto”. Visto che il tour nel cantiere è stato invece portato avanti dall'architetto Silvia Fasolo, che è la responsabile di progettazione ma della parte di Don Ivo di questa struttura....che è ben più avanti con i lavori e con il futuro di quello spazio. Lo stesso assessore Ciccaglioni, ha parlato di un nuovo incontro la prossima settimana in Regione proprio per questo progetto.

Perché inutile negare che lì è tutto fermo. E anche quel poco che c'era è stato oggetto di atti di vandalismo. E che si è davvero indietro. E si parla di un progetto che ha davvero origini ormai preistoriche, con un rischio però ben più grande ora: non solo che non si riescano ad avere le risorse rimanenti per finire la struttura, ma che si debbano restituire i soldi già presi alla Regione (si tratta di circa 800 mila euro). Perché è un progetto che si basa su fondi europei ancora dello scorso settennato e per cui la Regione ha già concesso una proroga. Entro fine 2017 era da consegnare finito. Ora alcune richieste di Regolamento per la destinazione, come risposta ai bisogni, sono state mandate da Atc e Cissaca. Ma solo un mese fa il vicepresidente Atc Santi parlava di consegna a marzo della struttura.....”se ce la si fa per l'estate è un miracolo” sostengono alcuni esponenti di minoranza in commissione. Anche perché l'ultima tranche dalla Regione è prevista solo nel momento in cui entrano le persone e la struttura è funzionante. E lì si apre anche tutta un'altra partita, quella del personale che dovrebbe essere selezionato dal Cissaca, ma pagato da chi? Tanti problemi....da affrontare uno alla volta per portare a casa il risultato. E non rischiare di “andare a perderci”.
10/02/2018







blog comments powered by Disqus


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno

Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

Alessandria | In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Arrestato due volte per furto, ha patteggiato la pena

Cronaca | Era stato arrestato per un furto nel negozio di giocattoli. Evaso dai domiciliari perchè non era arrivato il braccialetto elettronico, aveva commesso un altro furto ai danni di una panetteria. Ieri ha patteggiato la pena a due anni e nove mesi di carcere