Alessandria

Laghetto del Fotovoltaico: "da habitat ittico a piccola discarica"

A denunciare la condizione di degrado e scarsa manutenzione del "laghetto" del Villaggio Fotovoltaico, nella zona residenziale 14 al Cristo sono i due capigruppo Sciaudone e Bianchini. Che con una interpellanza chiedono alla amministrazione comunale: "una pulizia del laghetto e di quell'area e poi la richiesta di installazione di una telecamera di videosorveglianza"

 ALESSANDRIA - Laghetto del Villaggio Fotovoltaico, nella zona residenziale 14, all’interno del quadrilatero delimitato dalle vie Nenni-Togliatti-Basso-della Palazzina al quartiere Cristo: “habitat ittico o piccola discarica?”. Oggi la risposta sarebbe la seconda definizione, viste le condizioni e lo stato di degrado in cui versa che viene portato all'attenzione da due capigruppo del Consiglio comunale, Maurizio Sciaudone e Giuseppe Bianchini. Il laghetto si trova in un'area ludico-ricreativa, che è un punto di aggregazione per i residenti di zona e soprattutto per i bambini che quando ancora si trovava in buone condizioni, rappresentava uno spazio per poter “ammirare” specie ittiche di acqua dolce.

Come sottolineano i due esponenti della maggioranza, “quel laghetto, affidato alle cure degli uffici comunali preposti ai parchi cittadini - ma soprattutto al senso civico dei visitatori - da habitat ittico si è progressivamente trasformato, ad opera di vandali mai individuati, in piccola discarica, in quanto, periodicamente, nel laghetto vengono gettate mattonelle divelte dalla pavimentazione del ponticello sul laghetto e traversine di legno del ponticello stesso, oltre a rifiuti vari”. E non è tutto perchè sembra che la zona sia diventata – anche se saltuariamente – luogo di piccolo spaccio di sostanze stupefacenti.


“Considerato che quel piccolo parco cittadino offre prospettive di svago, in quanto dotato, oltre che del laghetto, di un’area verde e di una pista di pattinaggio (con tribunetta), che potrebbe essere attivata d’inverno in concomitanza con la pista di ghiaccio di Piazza della Libertà e ritenuto che sia possibile ridare decoro a questa zona del Cristo con adeguati interventi di ripulitura del fondale melmoso e di ripristino dell’impianto idrico del laghetto - come già effettuato per il laghetto dei giardini di Viale della Repubblica – e con la messa in sicurezza della passerella, la sistemazione della pavimentazione e della pista pattinaggio” ecco cosa chiedono i due esponenti di Forza Italia e SiAmo Alessandria alla giunta di Palazzo Rosso.

“Oltre alla pulizia del laghetto e alla riattivazione dell’impianto idrico, alla sistemazione della pavimentazione, alla sostituzione delle traversine ammalorate del ponticello e di una rete protettiva sui due lati dello stesso, si chiede al sindaco e alla giunta di procedere per l'attivazione di una telecamera di controllo che consentirebbe di identificare i responsabili degli atti vandalici o comunque incivili compiuti nell’area controllata, oltre che i piccoli spacciatori”.

E sarebbe stato già identificato, previa richiesta e dialogo con la “Cooperativa 27 luglio” (caseggiato arancione) che è proprietarie e gestisce il complesso residenziale della zona di via Lelio Basso e che è dotata di pannelli solari che assicurano energia elettrica gratuita per il funzionamento dei suoi ascensori e della illuminazione delle scale, anche il luogo dove installarla e che la dovrebbe far funzionare. “La telecamera, rivolta verso il laghetto, potrebbe essere installata alla idonea altezza proprio su questo caseggiato, così da poter funzionare grazie alla energia dei pannelli solari” senza quindi costi di gestione a carico dell'ente e dei cittadini.

 
15/04/2018







blog comments powered by Disqus


Auto elettriche, nuova colonnina sul Lungo Tanaro

Alessandria | L'apparecchio installato al distributore del metano di Amag. Il presidente Paolo Arrobbio: “La mobilità elettrica è il futuro del trasporto su gomma, soprattutto a livello urbano, poiché consente di abbinare risparmio e rispetto dell’ambiente”

Città off limits per tre anni, ma lo hanno trovato davanti all'Ospedale

Alessandria | Fermato ed identificato da fuori l'Ospedale, si è visto che il 35enne non avrebbe dovuto trovarsi in quella via. E nemmeno in quella città. Se n'è tornato a casa con l'ennesima denuncia

Amag Ambiente guarda agli investimenti. "Tre proposte per la raccolta rifiuti"

Alessandria | Un'azienda “sana” che chiude il 2018 in utile. I problemi sono di liquidità, per i pagamenti sempre in ritardo. Ora si guarda agli investimenti, visto che i mezzi hanno in media 15 anni. Tre i progetti per la raccolta differenziata proposti alla giunta comunale, “tutti tra i 6 e i 7 milioni” come costi. Intanto si aggiungono due unità al lavoro di “ispettore ambientale”

Comune, una Consulta per le proposte degli under 35

Alessandria | I membri saranno 60: adesioni libere a partire da aprile. Un'iniziativa del consigliere comunale Lorenzo Iacovoni. La proposta è stata infatti approvata all'unanimità nel corso dell'ultimo Consiglio comunale

Deiezioni canine: prova del DNA "troppo costosa". Ma è importante "sanzionare"

Alessandria | La mozione del capogruppo di SiAmo Alessandria, Giuseppe Bianchini, sull'igiene delle aree verdi e delle strade, con l'aggiornamento dell'anagrafe canina e il progetto della banca dati del DNA obbligatoria come fatto in altri comuni "richiede risorse ingenti". Strada impraticabile per l'assessore Barosini. Ma dai 5 stelle così come da consiglieri della Lega arrivano proposte di strade alternative e più percorribili: "più controlli e sanzioni". E l'obbligo di acqua oltre che sacchetti per raccogliere gli escrementi