Cronaca

Lite condominiale, tutti assolti

Erano accusati di aver malmenato la vicina di casa, provocandole lesioni giudicate guaribili in trenta giorni. Ma nel corso del processo emerge un'altra verità. I due imputati vengono assolti

CRONACA - Ai carabinieri accorsi dopo essere stati allertati, aveva raccontato di essere stata aggredita, in piena notte, da due vicini di casa.
Malconcia, si era recata al pronto soccorso dove, in effetti, i medici l'avevano medicata ed avevano refertato una prognosi di trenta giorni.
Così, a giudizio erano finiti A. P. e C.Y. (difesi rispettivamente dagli avvocati Manuela Moretto e Giuseppe Cormaio), residenti in due diversi appartamenti ma entrambe vicini di casa della donna, che si è costituita parte civile al processo, con l'avvocato Vittorio Gatti. 
Durante il processo, la presunta vittima controinterrogata dai difensori dei due imputati, "inciampa" però in una serie di contraddizioni: su chi abbia realmente allertato le Forze dell’Ordine, sul ruolo dei vicini di casa nella riferita aggressione, sulle esatte modalità con cui si sarebbe procurata le lesioni.

Nel corso del dibattimento i difensori degli imputati producono inoltre una querela sporta proprio pochi giorni dopo il fatto, in cui uno dei due accusati, C.Y, sotto giuramento (questa volta non in veste di imputato ma di querelante), illustra ai Carabinieri le modalità di svolgimento dell’episodio per cui è processo, querela sconosciuta sino ad allora nel dibattimento.
Vengono poi esaminati ulteriori testimoni, tutti vicini di casa, che descrivono l’episodio in maniera diversa da quanto riferito dalla signora asseritamente danneggiata e costituita parte civile e del tutto collimanti con le dichiarazioni degli imputati.
Esaminati gli atti, il tribunale ha pronunciato il 9 febbraio sentenza di assoluzione di entrambi gli imputati perché il fatto non sussiste.
12/02/2019







blog comments powered by Disqus


Capolinea (e ripartenza). Il punto sul fallimentare campionato dei Grigi

Materia Grigia | "Tre vittorie, quattordici pareggi e otto sconfitte, il bilancio fallimentare della gestione del tecnico siciliano, che con l'esonero ha pagato per tutti, anche se, con tutta evidenza, è solo uno (e forse non il principale) dei responsabili di questa stagione dell'Alessandria, che definire infelice è un eufemismo"

L’Ortopedia dell'ospedale all'avanguardia per le protesi dell'anca e del ginocchio

Alessandria | Lo staff dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria negli ultimi dieci anni è diventato uno dei reparti che può vantare in Italia maggiore esperienza in Italia in questo settore di attività

Niente bevande in contenitori di vetro durante il 'Carnevale al Cristo'

Alessandria | Per tutti gli esercizi commerciali di Corso Acqui e piazza Ceriana vigerà il divieto di somministrare e vendere bevande in contenitori di vetro per asporto

Piscina comunale: "non servono investimenti milionari? E' tutto distrutto e niente a norma"

Alessandria | Queste sono le parole critiche di "replica" del consigliere comunale di maggioranza Federico Guerci dopo l'annuncio attraverso i Social delle Piscine di Cassine di un "interesse" a trattare con il Comune per la gestione della piscina comunale scoperta. Guerci: "chi si propone è socio di chi ha contribuito a lasciare la struttura in condizioni disastrose. Niente è a norma, senza le autorizzazioni base e con edifici che andrebbero demoliti"

Bressan (Amag): "Investimenti da 210 milioni per un sistema integrato ed efficiente”

Alessandria | “Acqua bene prezioso e diritto di tutti: investimenti da 210 milioni di euro per un sistema integrato ed efficiente” dichiara Mauro Bressan, amministratore delegato di Amag Reti Idriche