Alessandria

Nuovo regolamento sulla privacy: cosa cambia per cittadini e aziende?

Giovedì 22 marzo a Palazzo Monferrato, la Confederazione Esaarco introduce il nuovo regolamento europeo sulla privacy. Cosa cambia per la salvaguardia dei dati, dal punto di vista di cittadino europeo e delle aziende

ALESSANDRIA - Giovedì 22 marzo alle 14 a Palazzo Monferrato (via S. Lorenzo 21), si terrà il convegno dal titolo Gdpr 679/16, Il nuovo regolamento europeo patrocinato dal Comune, dalla Provincia e dagli Ordini Professionali, con la partecipazione delle principali autorità cittadine sul tema attuale e delicato della protezione dei dati personali. Interverranno Andrea Chiozzi, esperto di privacy e sicurezza dei dati, docente ed esaminatore per lo schema TÜV Italia e Enrico Corradini, avvocato del Foro di Reggio Emilia, con grande esperienza nel campo della privacy.

Il 24 maggio 2018 il Regolamento Europeo prenderà il posto dell’attuale normativa D.lgs. 196/04 abrogandola definitivamente. Il nuovo Regolamento Europeo è stato introdotto per proteggere i cittadini comunitari dalla eccessiva circolazione delle informazioni a livello globale. Ma cosa cambia per i cittadini, quali sono i maggiori diritti? Ma soprattutto cosa cambia per tutte le imprese comunitarie, cosa dovranno fare per adeguarsi? Le aziende dovranno garantire una maggiore protezione in un'ottica anglosassone, accountability e dovranno dimostrare di avere attuato tutte le misure necessarie per proteggere i nostri dati e non più dimostrare di aver fatto ciò che la legge chiede. Una burocrazia più snella per le aziende, che vedono incrementare le sanzioni al 2% del fatturato lordo ma soprattutto maggiori diritti per i cittadini, una vera e propria rivoluzione

L’evento è promosso dalla sede zonale di Alessandria della confederazione Esaarco e organizzato da Dgp servizi, agenzia formativa accreditata dalla Regione Piemonte. L’evento è aperto a tutti previo registrazione online su www.esaarcoalessandria.it.
20/03/2018







blog comments powered by Disqus


Alessandria città universitaria? "Servono ancora passi in avanti per diventarlo"

Alessandria | Un Consiglio comunale tematico che si inserisce nell’ambito del programma celebrativo per l’850° anniversario della fondazione della Città di Alessandria: Alessandria da città con l'Università a città universitaria. Oltre ai membri del Consiglio comunale di oggi, anche i consiglieri ad honorem e i rappresentanti dell'Università del Piemonte Orientale. Con uno sguardo a quanto è stato fatto e a quanto c'è però ancora da fare...

Eccellenza della ricerca può significare sviluppo territoriale?

Provincia |  “Sanità, ambiente e ricerca scientifica”, cosa è stato fatto e cosa resta da fare. Sono i temi che saranno affrontati in un convegno organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, in collaborazione con l’Associazione Cultura e Sviluppo, Lamoro Agenzia di sviluppo del territorio e la Fondazione SolidAL Onlus, mercoledì 24 ottobre nella sala Conferenze Palatium Vetus in Piazza della Libertà, ad Alessandria

"Baratto amministrativo" fermo al palo. "Servono le coperture finanziarie"

Alessandria | Resta in sospeso per ora la mozione del Movimento 5 Stelle sulla possibilità di istituire anche nel comune di Alessandria il cosiddetto Baratto amministrativo, ovvero ore messe a disposizione per lavori di pubblica utilità da parte di quei cittadini che senza lavoro non riescono a pagare la Tari. "Servono coperture finanziarie a bilancio derivanti dal minor gettito in entrata". E poi ci sono diverse sentenze contrarie della Corte dei Conti....

Grigi in serale ad Olbia per il primo dei due match 'galluresi'. Domenica c'è l'Arzachena

Serie C - girone A | Questa sera, mercoledì 17, Alessandria di scena ad Olbia per l'infrasettimanale che precede la seconda sarda trasferta in quel di Arzachena (domenica 21 alle 15.30)

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica