Alessandria

Officina Mirone e De Marco: la tua vettura in buone mani

E' una delle più longeve ad Alessandria, perché ha saputo conquistare la fiducia dei clienti con professionalità, onestà e con una vasta gamma di servizi: dalle revisioni ai pneumatici, elettrauto, cristalli. Autorizzato Fiat e Fiat Professional

 ALESSANDRIA - Nella storica officina Mirone e De Marco ciò che si percepisce appena entrati è la passione che da generazioni anima quest'impresa famigliare che dal 1975 è al servizio degli Alessandrini.
 
L'officina è una delle più longeve nel capoluogo - è stata fondata dai cognati Pietro Carlo Mirone e Pasquale De Marco - proprio perché, alla base di tutto, vivono impegno e cura per il cliente difficili da trovare altrove.

Mirone e De Marco è officina autorizzata Fiat e Fiat Professional, ma ogni vettura è la benvenuta, anche quelle d'epoca che necessitano di più cura, conoscenza della meccanica, abilità nel risolvere i problemi oltre alla mera sostituzione del pezzo.

La gamma di servizi si è nel tempo allargata per venire incontro alle esigenze del mercato e alle richieste degli automobilisti di avere un solo punto di riferimento affidabile per la propria auto: sostituzione pneumatici, centro revisione autorizzato, elettrauto, convenzione con noleggi, cristalli. Servizio di presa e riconsegna veicolo in Alessandria, con vettura sostitutiva gratuita.

Insomma, uno staff competente e disponibile per ogni tipo di guasto, cambio o problema. Correttezza ed onestà da più di 40 anni sono i punti fermi di un servizio a 360 gradi che fanno davvero la differenza.

Il servizio clienti è affidato ad Alessia e Loredana, che con competenza e gentilezza si occuperanno di tutte le pratiche e degli appuntamenti, organizzando e velocizzandole attività degli uomini in tuta blu: Teresio, Nicola, Matteo, Fabio e Nico.


Mirone e De Marco è in
via Pisacane 31/35 - Alessandria
0131/221080 – 339/4994727 (anche Whattsapp)

Facebook @mironedemarcoofficina
off.mironedemarco@gmail.com

 
16/04/2018
DAI NOSTRI PARTNERS







blog comments powered by Disqus


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno

Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

Alessandria | In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Arrestato due volte per furto, ha patteggiato la pena

Cronaca | Era stato arrestato per un furto nel negozio di giocattoli. Evaso dai domiciliari perchè non era arrivato il braccialetto elettronico, aveva commesso un altro furto ai danni di una panetteria. Ieri ha patteggiato la pena a due anni e nove mesi di carcere