MemoriALE

Oggi come ieri, passano i secoli, ma i problemi restano gli stessi

Ecco una carrellata di articoli di fine '800 e inizio '900: sembrano però scritti in questi giorni. Evidentemente ci sono problemi che la città cerca di risolvere, invano, già da un po'...

MEMORIALE - Dall’Osservatore Alessandrino un ampio ventaglio di fatti che accadevano nella nostra città lungo un arco temporale che va dal 1873 al 1915.

Avvenimenti oramai obsoleti nella società civile del terzo millennio!

Nell’articolo del 1873 si mettono in guardia le persone che frequentano luoghi affollati come la stazione ferroviaria di stare attenti a ladri e truffatori.

Nel 1903 ci si lamenta degli schiamazzi notturni in via Mazzini, mentre nel 1904 ce la si prende con i negozianti del centro che hanno serrande “indecenti” che il pubblico decoro vorrebbe più presentabili.

Sempre nel 1904 nasce la vigilanza notturna privata i cui appartenenti indossano la divisa per essere facilmente riconosciuti nelle ore notturne.

Nel 1906 il fenomeno delle "zingare" che sciamano in città a chiedere l’elemosina infastidisce non poco l’opinione pubblica, mentre nel 1915 con l’aumento di giovani soldatini sprovveduti causa il conflitto bellico, ci si allarma per i truffatori che in varie maniere più o meno lecite cercano di far quadrare il bilancio famigliare.

Però a guardare bene bene le problematiche del secondo millennio non sono state del tutto debellate ai giorni d’oggi; questuanti, truffatori, giocolieri, urlatori, taccheggiatori che prima si concentravano alla stazione all’arrivo dei treni ora si possono situare tutto il giorno alle decine di parcheggi. Allora come oggi si ricorre alla vigilanza uniformizzata affidata a privati cittadini.































































































































































































































































 

12/02/2018







blog comments powered by Disqus


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)

Alessandria | Un reportage per osservare cosa si trova oltre il muro che circonda la Casa Circondariale "Catiello e Gaeta", ormai diventata sul piano amministrativo un'unica realtà con il carcere di San Michele. Il nostro capoluogo è uno degli ultimi in Italia ad avere una struttura detentiva in pieno centro. Ecco come funziona la vita all'interno

Gig Economy: un "lavoretto" da 800 euro all'anno...e senza tutele

Economia e Lavoro | La ricerca sulla provincia di Alessandria realizzata dalla Uil e dall'Università del Piemonte Orientale, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha fatto emergere un “fenomeno in espansione, che fa riferimento soprattutto alla fascia di età 19-34, con un titolo di studio di media superiore o inferiore, ma che non da alcuna garanzia o tutela e che è mal retribuito con una media di poco più di 5 euro all'ora”. Un incentivo al lavoro sommerso, se non si “norma”

Torna lo spettacolo di Natale della Fondazione Uspidalet: grandi artisti e il 100% del ricavato alla Casa Amica

Alessandria | In collaborazione con Radio Rai, l'ormai tradizionale concerto di Natale, giunto all'ottava edizione, si terrà al teatro alessandrino venerdì 23 novembre. Di grande fascino gli artisti che parteciperanno, con l'obiettivo di unire più generazioni. Il ricavato servirà per migliorare il lavoro d'eccellenza finalizzato a percorsi di riabilitazione

Vendeva cannoli dicendo che erano di una nota pasticceria, negoziante in tribunale

Cronaca | Nel negozio di Litta Parodi aveva affisso un cartello in cui annunciava la vendita di pasticceria fresca della pasticceria Zoccola di Alessandria. Ora è a giudizio per frode in commercio

Arrestato due volte per furto, ha patteggiato la pena

Cronaca | Era stato arrestato per un furto nel negozio di giocattoli. Evaso dai domiciliari perchè non era arrivato il braccialetto elettronico, aveva commesso un altro furto ai danni di una panetteria. Ieri ha patteggiato la pena a due anni e nove mesi di carcere