Alessandria

Piano del verde pubblico da rivedere? "Il tempo non aiuta... e le risorse nemmeno"

Una commissione consiliare Territorio convocata per affrontare alcune problematiche sul sobborgo di Spinetta Marengo, soprattutto riguardanti aree verdi e giochini dei bambini che ha poi spaziato sul piano e la cura del verde di tutta la città di Alessandria. "Le piogge fanno crescere l'erba più velocemente e abbiamo già quasi esaurito gli interventi di taglio a disposizione". E poi sul diserbo strade e marciapiedi affidati ad Amag Ambiente qualche insoddisfazione....

 ALESSANDRIA - La commissione consiliare Territorio del 7 di agosto era stata convocata per trattare alcune questioni aperte portate all'attenzione dal capogruppo di minoranza Vincenzo Demarte relative al sobborgo di Spinetta Marengo. Al centro del dibattito la cura e manutenzione delle aree verdi, la potatura delle piante, la pulizia e i giochini dei bambini. “Alcuni interventi sa dire il vero sono già iniziati” ha ammesso il consigliere comunale rivolgendosi all'assessore Giovanni Barosini presente insieme ai tecnici degli uffici comunali, il dottor Sacchi per il Verde Pubblico e l'ingegner Baretta.

Tutte problematiche che non si rilevano solo a Spinetta e che hanno quindi allargato il raggio di discussione a tutta la città di Alessandria. E quello che è emerso come messaggio chiaro dell'assessore è che “il piano del verde pubblico, forse, è da rivedere nel suo complesso”. Una piccola critica rivolta a chi oggi ha in mano il servizio, ad esempio del diserbo di marciapiedi e strade, ovvero Amag Ambiente. “Non siamo molto soddisfatti” sono state le parole di Barosini. Che ha però giustificato con la imminente “riorganizzazione” dell'azienda, dalla quale “ci si aspetta una ripartenza a breve a pieno ritmo, dopo la riorganizzazione, per svolgere al meglio il proprio lavoro, specie in termini di pulizia della città”.

Piante e verde: un “ever green” che non può mai mancare. Ma che come molti altri settori deve fare i conti, sempre, con il tempo e le condizioni climatiche della zona e anche con le risorse messe a bilancio dall'amministrazione. Così “l'erba in questo periodo di continue piogge cresce molto più velocemente – ha spiegato il dottor Sacchi – e noi per contratto abbiamo a disposizione in base alle zone dai 4 ai 5 interventi di taglio. Ne abbiamo già fatti 3-4...quindi siamo già oltre il limite considerando che siamo ad agosto e che si deve arrivare ad ottobre, più o meno”. E questo “nonostante qualche risorsa aggiuntiva per poter sforare di uno o due tagli....”.

Una “volontà” dell'amministrazione di cercare di implementare le risorse su questo capitolo, “che sono l'unica possibilità di implementare anche l'attività e l'azione sul verde” ha risposto Barosini. Sempre e comunque bilancio di Palazzo Rosso permettendo.

Ma l'affermazione “un piano da rivedere” nasce anche dall'appunto di alcuni consiglieri comunali (tanto di maggioranza quanto di opposizione) sulle scelte di piantumazione di aiuole o alberi. “Le aiuole delle rose sono tutte secche, morte....forse non sono la specie adatta a questo clima. Magari prima di ripiantumare in quegli spazi, pensiamo a cosa può sopravvivere con il clima alessandrino e senza necessità di troppa manutenzione” è stato il consiglio di Ravazzi della Lega Nord. “Certamente, quelle ormai ci sono. E dove non esistono più, non ci sono ad oggi i soldi per piantumarne di nuove”.

Infine aree verdi significa per molti punti della città e dei sobborghi spazi dove poter portare a giocare i bambini. “Dove i giochini non sono distrutti o pericolosi. Perché non sostituirli con quelli fermi in deposito Amag?”. Un lavoro già fatto in buona parte, come confermato dall'assessore e dai tecnici degli uffici. “Restano solo una decina di panchine da sostituire. I giochini sono stati rimossi e installati di nuovi dove c'era priorità....”. E comunque come dice sempre sui social Barosini #uncentimetroallavolta.
8/08/2018







blog comments powered by Disqus


L'Alessandria si sveglia nella ripresa: tre reti al Calcio Derthona

Calcio | Nel primo tempo molte occasioni ma reti bianche, poi mister D'Agostino cambia modulo ed interpreti e vanno a segno Russini e Usel con due tiri da lontano prima del gol di Gazzi allo scadere

Il Pilomat di piazza Libertà? "Resterà su per quasi tutto il tempo"

Alessandria | L'intervento per ripristinare la possibilità di transitare con l'auto di fronte a Palazzo Rosso continua a far discutere, anche per il rapporto costi-benefici dell'intervento. Il sindaco chiarisce però la ratio dell'opera. Ecco quando verrà abbassato il pilomat che blocca la possibilità di svolta

“Emergenza umido”: riprende la raccolta, mentre Amag Ambiente cerca la ditta per lo smaltimento

Alessandria | La soluzione per permettere ad Alessandria e agli altri comuni che fanno parte del Consorzio di Bacino di riprendere la raccolta dell'umido è stata trovata. O quasi. Alle 12 di oggi si chiude la “mini gara” indetta da Amag Ambiente su indicazione del Consorzio per cercare la ditta che per questa settimana effettuerà il servizio di smaltimento dell'umido, al minor costo. Che sarà comunque superiore a quello di Srt che non ha ancora risolto i problemi all'impianto

Uffici via San Giovanni Bosco: "non un affare averli acquistati. Ora facciamo il possibile"

Alessandria | Dopo la notizia dei “lavori urgenti” affidati dal Comune per gli uffici di via San Giovanni Bosco, l'assessore Giovanni Barosini spiega – relazione tecnica alla mano – quali saranno i primissimi interventi per permettere la riapertura al pubblico il 3 settembre. Di non facile e immediata realizzazione la soluzione contro i piccioni

Ricattano un uomo, arrestate due persone

Cronaca | I due erano riusciti a estorcere 16 mila in pochi giorni a un uomo di Como