Opinioni

Qualità dell’aria: emergenza o cronicità?

In generale c’è poca propensione a studiare i dati in maniera complessa anche dei decisori politici. Sono proposte solo soluzioni estemporanee e puntuali come le fioriere o la chiusura al traffico di mezza via, senza una vera politica a livello di bacino padano o di pianificazione urbana complessa

OPINIONI - Se analizziamo I dati dei primi tre mesi dell’anno della centralina d’Annunzio e la confrontiamo (al netto dei giorni senza dati) con gli ultimi quattro anni precedenti possiamo dare alcune considerazioni. Quest’anno, come il 2014, è stato l’anno con la qualità dell’aria migliore (o meno peggio), essenzialmente legato alle condizioni meteo con molti periodi piovosi e poche periodi di inversione termica. L’andamento di pm10 e NO2 non è strettamente collegato, segno delle differenti origini comportamento in funzione del meteo dei due inquinati così come anche descritto dalle relazioni Arpa.

In questi cinque anni non è cambiato molto in tema di mobilità urbana, salvo la rotonda di “Lodola” che potrebbe avere avuto un effetto locale di riduzione degli inquinanti. Pertanto il trend che vede una diminuzione soprattutto delle pm10 è legato molto probabilmente ad una maggiore efficienza di veicoli e impianti di riscaldamento. L’ NO2 legato al traffico presenta un trend più stabile negli ultimi anni.

Spesso le notizie sull’inquinamento sono legate solo al pm10, mentre non si tiene conto di tutti gli altri inquinanti (che sono molti non solo NO2). Un po’ come le classifiche delle città più inquinante che si basano su parametro di una sola centralina e Cremona ad Alessandria appaiono più inquinate dell’area metropolitana di Milano.

Da qui una riflessione su come i dati sono gestiti dall’informazione: un problema cronico diventa emergenza e notizia di apertura solo quando capita un periodo di continui sforamenti dei limiti. L’importanza di sensibilizzare su un problema reale è giusta, però il rischio è quello di raccontare un realtà deformata per sensazionalismo da click.

In generale c’è poca propensione a studiare i dati in maniera complessa anche dei decisori politici: cause e andamenti storici degli inquinanti, nonostante ci siano vari studi a riguardo anche di Arpa Piemonte. Di conseguenza sono proposte solo soluzioni estemporanee e puntuali come le fioriere o la chiusura al traffico di mezza via, senza una vera politica a livello di bacino padano o di pianificazione urbana complessa.
Fig . 1 A) % di Giorni (su giorni con dato) con superamento soglie (50 ppm per pm 10 giornaliera ; 40 per NO2 annuale)
B) Valore medio concertazione di pm10 e NO2
C) Giorni senza dato per pm10 ed NO2

Fonti di NO2 e Pm10 da Relazione Arpa 2016
14/04/2018







blog comments powered by Disqus


Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

Sui social “non bisogna solo esserci, ma starci bene”

Alessandria | “Comunicazione e trasparenza per il cittadino: un nuovo modello di PA” è stato al centro del convegno promosso dall'Azienda Ospedaliera in occasione degli eventi per la settimana del Santo Patrono. Centini: “Noi viviamo di reputazione. Utilizzare i canali adeguati per dare informazioni e ricevere dalla cittadinanza feedback deve essere l'aspirazione superiore su cui puntare”. E la riorganizzazione per la comunicazione deve “partire dal front office”

Braccianti prima sfruttati poi accusati di diffamazione, presidio davanti al tribunale

Cronaca | Gli attivisti del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia hanno manifestato ieri davanti al tribunale di Alessandria mentre era in corso la prima udienza, sezione civile, a seguito della denuncia di due imprenditori che chiedono un risarcimento milionario per danni morali e materiali ai braccianti che scioperarono contro lo sfruttamento. Per lo sfruttamento gli imprenditori patteggiarono la pena ad un anno e 7 mesi

“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"