Alessandria

Raccolta rifiuti: si interpellano i cittadini, per guardare alla soluzione migliore per il futuro?

Gli abitanti dei sobborghi del Comune di Alessandria sono complessivamente soddisfatti del servizio di raccolta rifiuti effettuato da Amag Ambiente: a scoprirlo è la stessa azienda che ha raccolto il parere di 800 utenti dei sobborghi, attraverso un sondaggio telefonico. Anche questo servirà per tracciare quale "metodo" di raccolta dovrà essere sviluppato ad Alessandria, vista la richiesta di "proposte" da parte dell'amministrazione comunale?

 ALESSANDRIA - Gli abitanti dei sobborghi del Comune di Alessandria sono complessivamente soddisfatti del servizio di raccolta rifiuti effettuato da Amag Ambiente, e la raccolta 'porta a porta' dei rifiuti piace più di quella 'stradale', con i tradizionali cassonetti, sia pur differenziati. La scoperta è dell'azienda stessa che si occupa della raccolta rifiuti che ha interpellato contattando con un sondaggio telefonico un campione di 800 utenti nel periodo compreso fra ottobre e dicembre 2018. Un primo step cui ne seguirà un altro, così da avere “entro fine aprile – come ha spiegato l'ingegner Fiorenzo Borlasta, amministratore unico di Amag Ambiente - concluso la raccolta telefonica delle valutazioni di un campione di 1.200 alessandrini residenti in città. Sarà interessante vedere se e come diverge la 'percezione' della qualità dei servizi, e quali saranno le criticità segnalate dai cittadini. Per poi naturalmente attivarci, e cercare di risolverle”. E magari utilizzare le preziose indicazioni che arrivano direttamente dall'utenza per stilare quel documento con tutta una serie di proposte sulle modalità alternative di raccolta da applicare in città, richiesto dall'amministrazione comunale di Alessandria per poter arrivare a giugno ad avere una strada da percorrere e mettere ordine nel sistema di raccolta dei rifiuti.

Ma cosa emerge nel dettaglio dal questionario condotto nei mesi scorsi in 15 sobborghi del comune di Alessandria, nei quali risiedono quasi 20mila persone? "Precisiamo prima di tutto - sottolinea Serena Trentin, responsabile Qualità di Amag Ambiente che ha coordinato il sondaggio - che in 3 sobborghi, ossia Castelceriolo, Lobbi e San Giuliano Nuovo esiste il “porta a porta”, mentre negli altri sobborghi la raccolta è ancora di tipo stradale”. Il risultato è stato però chiaro: il porta a porta piace. “Nei tre sobborghi dove già viene messa in pratica la raccolta al singolo domicilio, il livello di apprezzamento è molto elevato. Non solo: la netta maggioranza di chi oggi non ha il ‘porta a porta’ dichiara che lo preferirebbe alla raccolta stradale. Ovviamente se realizzato in maniera adeguata, con forte personalizzazione rispetto alle esigente delle singole micro-comunità”.

Ma questa difficilmente potrà essere la soluzione per Alessandria per il futuro, dopo l'addio al bando regionale per la mancanza di risorse a compensazione rispetto a quanto messo sul piatto dalla Regione Piemonte. “Sono in corso sul tema valutazioni accurate – precisa Borlasta - con inevitabile attenzione anche ai costi, e ogni decisione verrà presa, in tempi credo non lunghi, dagli azionisti di Amag Ambiente. Da tecnico, mi sento di dire che non esiste la metodologia perfetta e migliore in assoluto: tutto va rapportato alle esigenze dei cittadini, agli obiettivi dell’azienda, e anche alla morfologia del territorio. I cassonetti nelle strade del centro, per fare un esempio, mi pare evidente che non siano soluzione adeguata. Al contempo però oggi esistono formule di raccolta stradale molto evolute, con cassonetti ‘intelligenti’, ad utilizzo personalizzato tramite scheda e codice: il che consente peraltro di misurare i consumi dei singoli nuclei famigliari, e di muoversi nella direzione di una tariffa ‘puntuale’, ossia appunto a consumo”.

Mentre per la “criticità” per eccellenza, ovvero il “fuori cassonetto” le soluzioni che Amag Ambiente sta adottando sono drastiche: “ci sono tre squadre che girano costantemente in città e nei sobborghi, intervenendo tempestivamente là dove riceviamo segnalazioni, ma anche con metodo su tutto il territorio. Esiste però chiaramente anche un problema di cultura di rispetto dell'ambiente, e del prossimo, che non possiamo imporre per decreto: fondamentale è che i cittadini comprendano che la città e gli spazi pubblici sono di tutti noi, e che ognuno deve fare la sua parte per tenerli in ordine”.

L'obiettivo primario del questionario era comprendere quale fosse il gradimento del servizio di raccolta rifiuti, senza però tralasciare anche lo spazzamento, la comunicazione fra la nostra azienda e l'utenza, e il conferimento ai centri di raccolta. “E' emerso che la soddisfazione nei confronti dell'operato del nostro personale 'sul campo' nei sobborghi è mediamente molto alto (gli insoddisfatti sono poco più dell'1%), mentre qualche criticità in più emerge sulla tempistica di intervento. Lì c'è un 11,88% di poco soddisfatti, e un 13,13% di non soddisfatti. Ma siamo già al lavoro per fare in modo che i soddisfatti passino dal 75% al 100%, o quasi”.
16/02/2019







blog comments powered by Disqus


Incendio in una cella di San Michele, tre agenti intossicati

Alessandria | La protesta di un detenuto che ha dato alle fiamme il suo materasso è stata fermata prima che le conseguenze potessero essere ben peggiori. Tre agenti sono finiti all'ospedale, però. Il SAPPE denuncia carenze di organico e la novità della 'vigilanza dinamica'

Il Commissario a fumetti entra nelle scuole per insegnare la legalità

Alessandria | Concorso tra gli studenti della provincia per disegnare o realizzare un video ispirato al protagonista di un fumetto tutto 'poliziesco', nel senso che è nato sulla rivista ufficiale della Polizia. L'iniziativa serve per incontrare i ragazzi e spiegare loro il senso della legalità

E' l'anno del rilancio del parcheggio di via Parma? Ma le tariffe non piacciono a tutti

Alessandria | Secondo Amag Mobilità il parcheggio di via Parma ha iniziato il suo percorso rilancio: aumentano gli utenti e si tenta di collocare sul mercato delle locazioni gli uffici. Ma le tariffe, secondo alcuni, sono troppo elevate. L'azienda: “sono in linea con le tariffe degli stalli in centro. Sono disponibili inoltre abbonamenti convenienti”

Auto elettriche, nuova colonnina sul Lungo Tanaro

Alessandria | L'apparecchio installato al distributore del metano di Amag. Il presidente Paolo Arrobbio: “La mobilità elettrica è il futuro del trasporto su gomma, soprattutto a livello urbano, poiché consente di abbinare risparmio e rispetto dell’ambiente”

E' boom di processionaria in alcune zone della città: "non è stata fatta prevenzione"

Alessandria | L'ammissione in commissione dell'assessore Giovanni Barosini. "Non è stata fatta prevenzione lo scorso inverno e il clima ha fatto esplodere la situazione. Siamo corsi ai ripari chiedendo subito l'intervento di una ditta specializzata". Cosa è e cosa "non bisogna fare"?