Alessandria

Rilanciare il commercio in città: "lo snodo fondamentale sarà piazza Garibaldi"

Dopo la manifestazione "Aperto per Cultura" è tempo di riflettere su quali siano le strategie dell'amministrazione comunale per rilanciare il maniera strutturale le attività economiche in centro. L'assessore Molinari spiega i piani di Palazzo Rosso su commercio, tasse, mercato, mobilità e logistica

ALESSANDRIA - La seconda edizione della manifestazione "Aperto per Cultura" si è appena conclusa, e già i commercianti del centro volgono la loro attenzione verso Gagliaudo fra i Mercanti, occasioni preziose per attirare alessandrini (e non solo) lungo le vie dello shopping. 

Riccardo Molinari, assessore al commercio della giunta guidata da Gianfranco Cuttica di Revigliasco, dopo il primo mese e mezzo di ambientamento, spiega su cosa intenda puntare l'amministrazione per sostenere i commercianti e rilanciare le attività produttive del centro: "nelle prime settimane abbiamo dovuto fare i conti con numerose emergenze, fra le quali le vicende giudiziarie legate ad Aral e la lotta ai topi, attività che hanno drenato energie. Questo non ci ha però impedito di lavorare a un'edizione di "Aperto per Cultura" rinnovata e più ricca di aspetti culturali e non solo gastronomici, con più servizi per i cittadini, come le navette verso il centro città e le visite guidate gratuite. Qual che è certo è che queste iniziative possono aiutare il commercio, ma non bastano per risolvere i problemi. Servono ovviamente interventi più strutturali, ai quali sto lavorando, e che conto di presentare in un unico pacchetto entro la fine dell'autunno". 

Fra le novità più significative potrebbe esserci la realizzazione del parcheggio sottorraneo in piazza Garibaldi, un'idea ferma da anni ma capace di cambiare in maniera decisiva l'approccio al centro degli alessandrini, almeno secondo i piani dell'amministrazione: "è un progetto che andrà affrontato, e bisognerà capire come gestirlo - conferma Molinari - e da quello dipendono molte delle strategie future per il rilancio del commercio. L'obiettivo è quello di lasciare lì il mercato, ma è chiaro che se un intervento andrà fatto per ricavare il parcheggio sotterraneo bisognerà spostarlo, almeno in maniera temporanea. Intanto ho in programma una serie di auduzioni con i mercatali e tutti gli operatori del settore, anche per capire se estita un margine di rinnovamento del mercato, rispetto a come lo conosciamo oggi. Potrebbero essere ripensati gli orari e magari anche le categorie merceologiche ospitate, ma è una decisione che verrà presa di concerto con gli operatori". 

Lo snodo di piazza Garibaldi potrebbe essere decisivo anche per i futuri piani di Ztl, da sempre messi in relazione con le capacità attrattive del centro e quindi con la possibilità per i commercianti di aumentare i propri ricavi. "Anche l'eventuale chiusura parziale del centro passa dal futuro del parcheggio di piazza Garibaldi, che comunque resta ancora da decidere - spiega l'assessore Molinari - perché la presenza o meno di tanti posti auto lì cambierà la conformazione dei flussi veicolari. E lo stesso varrà per l'eventuale parcheggio multipiano che potrebbe sorgere in piazzale Berlinguer, di fronte all'ospedale.
Quel che è certo è pensiamo a mettere maggiormente in sicurezza corso Roma, che sarà meno accessibile alle auto. Ci sono leggi che ci impongono di evitare il continuo passare delle auto dove transitano così tanti pedoni, non è solamente una strategia commerciale". 

Sul piano del sostegno al commercio, Riccardo Molinari riconosce il ruolo importante che possono avere le grandi manifestazioni, ma sottolinea come sia necessario razionalizzare il calendario degli eventi e dei patrocini offerti dal Comune: "ad oggi Palazzo Rosso è impegnato a sostenere in maniera 'alluvionale' una serie di eventi, dando il patrocinio e la propria collaborazione 'a pioggia' a tantissime iniziative. Non è detto però che debba essere sempre così, e che il Comune sia obbligato a  sostenere per forza tutto. Penso sia meglio concentrarsi su meno iniziative ma più curate, un po' come è avvenuto per Aperto per Cultura". 

Infine, un passaggio sull'azienda di riscossione tributi Ica, che in passato è stata al centro di numerose polemiche con i commercianti: "La scelta del suo incarico è stata fatta dall'amministrazione precedente e il contratto di riscossione scadrà nel 2018. Stiamo valutando diverse soluzioni, fra le quali anche la reinternalizzazione del servizio". 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Piazza Gobetti: al centro un percorso pedonale e parcheggi solo ai lati

Alessandria | Questo è il progetto di ristrutturazione di piazza Gobetti come reale collegamento tra il centro cittadino e la Cittadella inserito all'interno della strategia “Alessandria Torna al Centro”. Un intervento che non è oggetto di finanziamento Por-Fesr ma che da una nuova “visione” di quello spazio, arricchito da wifi, illuminazione e attraversamenti semaforici ad alta tecnologia

Chi paga per l'agibilità in Cittadella? Summit tecnico per nuove regole

Alessandria | A settembre due manifestazioni hanno chiesto le caserme nella fortezza. Il Comune ribadisce che le verifiche statiche (e la responsabilità legale) siano a spese degli organizzatori. Mercoledì 20 un tavolo tecnico potrebbe chiarire una volta per tutte

E' greco il primo acquisto dell'Alessandria: dal PAS Giannina ecco Zogkos

Serie C - girone A | Dal Pas Giannina, squadra del massimo campionato greco, è stato ingaggiato il difensore centrale classe '99 Vasileios Zogkos con la formula del prestito con opzione a favore della società di via Bellini

Se il carcere diventa una nave diretta in America...

Alessandria | Domenica si è tenuto presso la cappella-teatro della casa circondariale Catiello-Gaeta lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale "Arte espressione del Sé", organizzato dall'associazione "La Brezza Onlus" di Torino e ispirato al monologo "900" di Baricco: il risultato è stato un lavoro emozionante, ricco di buone storie da raccontare

Maturandi ai blocchi di partenza, mercoledì al via le prove per 2.622 studenti

Scuola | Sono 2.622 i maturandi che mercoledì affronteranno la prima delle tre prove scritte dell'esame di maturità. 964 sono gli studenti degli istituti tecnici, seguiti per numero dagli alunni dei licei scientifici