Provincia

Suona la campanella, si torna a scuola tra "vecchi" problemi

Sono 46.202 gli studenti che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, ma mancano all'appello ancora circa 600 insegnanti che saranno nominati in due tornate, al 15 settembre e a metą mese

PROVINCIA - Sono 46.202 gli studenti in tutta la Provincia che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, dalla materna (oggi scuola dell'infanzia) alle superiori (scuola media secondaria).
Alla scuola dell’infanzia si sono iscritti  in 7.209; alle elementari sono 15.789 studenti. La popolazione scolastica alle medie, in netta diminuzione per il calo demografico, sono 8.400 mentre gli alunni delle superiori sono 14.804. 
Sono cambiati i nomi, ma i problemi restano quelli di sempre. In particolare quelli relativi alla mancanza cronica di insegnanti. 
Mancano all'appello circa 600 insegnati, secondo le stime dei sindacati, e non perchè manchino i laureati. Sono le risorse economiche a mancare e che impediscono di procedere con assunzioni a tempo indeterminato. Si "rimedia" con le supplenze. 

"Le nomine stanno creando qualche problema – ammette Carlo Cervi di Cisl scuola – una prima tornata di nomine per i supplenti sarà fatta solo venerdì. Una seconda, si spera, a fine mese".
E' il cosiddetto “organico di fatto” a non essere ancora definito. Le nomine saranno a termine, lasciate ai dirigenti scolastici dei diversi plessi.
"Avevamo chiesto al Ministero dell'istruzione di consentire nomine annuali, in modo da garantire la continuità educativa per gli alunni. - dice ancora Cervi - Invece sembra che sarà possibile nominare supplenti solo fino a maggio 2018. Questo significa che quasi in diritura d'arrivo, molte classi si vedranno cambiare il docente".
Eppure, secondo i sindacati, "non si tratta di sostituzioni di docenti in malattia o permesso, sono posti 'mancanti' in tutto e per tutto". 

Da punto di vista delle strutture, non si segnalano problemi particolari. La Provincia ha messo mano al bilancio per assicurare, nelle scuole medie superiori, investimenti di manutenzione per circa 500 mila euro. Pochi ma, pare, sufficienti almeno per le emergenze.
Preoccupa, in previsione, il calo della popolazione scolastica. A Novi, a causa del calo delle iscrizioni e dei costi di manutenzione, non riapre la scuola elementare Oneto, accorpata con le scuole Martiri. 
A breve, potrebbe non essere l'unico caso in provincia. 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Al 'Garilli' fa tutto il Piacenza, e alla fine vince. Grigi sempre pił incomprensibili

Serie C - girone A | Dopo essersi ritrovati sul doppio vantaggio solo grazie a due erroracci di Morosini e Fumagalli, i grigi vengono spazzati via nel giro di 20' un Piacenza che riesce a ritrovare la bussola e a portare a casa tre punti meritati: 3-2 il finale

Insultano la badante della madre, due condannate

Cronaca | Parole pesanti, rivolte alla giovane badante straniera della madre, hanno portato alla condanna di due donne per lesioni e violenza. Riconosciuta dal giudice anche l'aggravante dell'odio razziale

Nel weekend pioggia e vento freddo

Meteo | Sabato il passaggio di una debole perturbazione atlantica porterą debole pioggia in esaurimento dalla tarda mattinata. Domenica la medesima perturbazione atlantica sarą seguita da aria fredda. Il tutto in attesa di una futura "dama bianca"....

Il camper contro la violenza sulle donne si ferma in piazzetta

Alessandria | Sabato 25 novembre dalle 14 la Polizia sarą ancora pił vicina ai cittadini per parlare di violenza di genere ed eventualmente a disposizione, con esperte del settore, per raccogliere denunce e segnalazioni

Contro la violenza sulle donne: Palazzo Rosso si illumina di arancione

Alessandria | Facciata del palazzo comunale illuminata di arancione e uno striscione dal balcone del sindaco "Basta alla violenza sulle donne": sabato 25 novembre in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne