Provincia

Suona la campanella, si torna a scuola tra "vecchi" problemi

Sono 46.202 gli studenti che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, ma mancano all'appello ancora circa 600 insegnanti che saranno nominati in due tornate, al 15 settembre e a metà mese

PROVINCIA - Sono 46.202 gli studenti in tutta la Provincia che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, dalla materna (oggi scuola dell'infanzia) alle superiori (scuola media secondaria).
Alla scuola dell’infanzia si sono iscritti  in 7.209; alle elementari sono 15.789 studenti. La popolazione scolastica alle medie, in netta diminuzione per il calo demografico, sono 8.400 mentre gli alunni delle superiori sono 14.804. 
Sono cambiati i nomi, ma i problemi restano quelli di sempre. In particolare quelli relativi alla mancanza cronica di insegnanti. 
Mancano all'appello circa 600 insegnati, secondo le stime dei sindacati, e non perchè manchino i laureati. Sono le risorse economiche a mancare e che impediscono di procedere con assunzioni a tempo indeterminato. Si "rimedia" con le supplenze. 

"Le nomine stanno creando qualche problema – ammette Carlo Cervi di Cisl scuola – una prima tornata di nomine per i supplenti sarà fatta solo venerdì. Una seconda, si spera, a fine mese".
E' il cosiddetto “organico di fatto” a non essere ancora definito. Le nomine saranno a termine, lasciate ai dirigenti scolastici dei diversi plessi.
"Avevamo chiesto al Ministero dell'istruzione di consentire nomine annuali, in modo da garantire la continuità educativa per gli alunni. - dice ancora Cervi - Invece sembra che sarà possibile nominare supplenti solo fino a maggio 2018. Questo significa che quasi in diritura d'arrivo, molte classi si vedranno cambiare il docente".
Eppure, secondo i sindacati, "non si tratta di sostituzioni di docenti in malattia o permesso, sono posti 'mancanti' in tutto e per tutto". 

Da punto di vista delle strutture, non si segnalano problemi particolari. La Provincia ha messo mano al bilancio per assicurare, nelle scuole medie superiori, investimenti di manutenzione per circa 500 mila euro. Pochi ma, pare, sufficienti almeno per le emergenze.
Preoccupa, in previsione, il calo della popolazione scolastica. A Novi, a causa del calo delle iscrizioni e dei costi di manutenzione, non riapre la scuola elementare Oneto, accorpata con le scuole Martiri. 
A breve, potrebbe non essere l'unico caso in provincia. 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Piazza Gobetti: al centro un percorso pedonale e parcheggi solo ai lati

Alessandria | Questo è il progetto di ristrutturazione di piazza Gobetti come reale collegamento tra il centro cittadino e la Cittadella inserito all'interno della strategia “Alessandria Torna al Centro”. Un intervento che non è oggetto di finanziamento Por-Fesr ma che da una nuova “visione” di quello spazio, arricchito da wifi, illuminazione e attraversamenti semaforici ad alta tecnologia

Chi paga per l'agibilità in Cittadella? Summit tecnico per nuove regole

Alessandria | A settembre due manifestazioni hanno chiesto le caserme nella fortezza. Il Comune ribadisce che le verifiche statiche (e la responsabilità legale) siano a spese degli organizzatori. Mercoledì 20 un tavolo tecnico potrebbe chiarire una volta per tutte

E' greco il primo acquisto dell'Alessandria: dal PAS Giannina ecco Zogkos

Serie C - girone A | Dal Pas Giannina, squadra del massimo campionato greco, è stato ingaggiato il difensore centrale classe '99 Vasileios Zogkos con la formula del prestito con opzione a favore della società di via Bellini

Se il carcere diventa una nave diretta in America...

Alessandria | Domenica si è tenuto presso la cappella-teatro della casa circondariale Catiello-Gaeta lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale "Arte espressione del Sé", organizzato dall'associazione "La Brezza Onlus" di Torino e ispirato al monologo "900" di Baricco: il risultato è stato un lavoro emozionante, ricco di buone storie da raccontare

Maturandi ai blocchi di partenza, mercoledì al via le prove per 2.622 studenti

Scuola | Sono 2.622 i maturandi che mercoledì affronteranno la prima delle tre prove scritte dell'esame di maturità. 964 sono gli studenti degli istituti tecnici, seguiti per numero dagli alunni dei licei scientifici