Alessandria

Valeria Straneo, stoccata all'amministrazione sulla pista d'atletica ancora inagibile. Barosini: "ritardi, sarà presto pronta"

La campionessa alessandrina durante la conferenza di presentazione della 23esima edizione della StrAlessandria chiede conto al sindaco dei lavori al campo scuola, che sarebbero dovuti finire mesi fa. Non senza una certa stizza il Primo Cittadino replica, sottolineando che il maltempo ha costretto a una lunga proroga

ALESSANDRIA - A rubare in parte la scena per la presentazione della 23 edizione della StrAlessandria è stata la domanda che la grande campionessa di atletica Valeria Straneo ha posto, proprio durante la conferenza stampa, al sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, in merito alla tempistica che sarebbe ancora servita per la riapertura della pista di atletica, chiusa ormai per rinnovo da diversi mesi, costringendo appassioni, sportivi e ragazzi a soluzioni alternative per praticare la corsa, ripiegando forzatamente sugli argini o su altre soluzioni di fortuna. 

Il sindaco, che non ha preso benissimo la decisione dell'atleta di porre la domanda pubblicamente e proprio durante la conferenza stampa, ha prima mostrato un certo imbarazzo, poi ha chiamato l'assessore ai lavori pubblici Giovanni Barosini per poter fornire una spiegazione precisa e tempestiva: "i tempi si sono protratti così a lungo perché l'intervento di rifacimento previsto - quasi 400 mila euro di investimento - affidato a una ditta tedesca specializzata, ha incontrato in effetti diversi ritardi, imputabili al maltempo" e a un problema riscontrato con il precedente fondo, che ha complicato le fasi di posa.

I lavori erano già stato oggetti di richiesta di chiarimento alcuni mesi fa, ed era stato garantito che sarebbero ripartiti entro pochi giorni, ma così, evidentemente, non è stato. "Finiti questi giorni di pioggia - garantisce l'assessore Barosini - in 4 settimane gli interventi saranno ultimati, in caso contrario l'impresa sarà chiamata a pagare delle penali.  Siamo consapevoli dei disagi arrecati agli sportivi, ma speriamo di poter consegnare una pista notevolmente migliorata. Grazie al ribasso d'asta potremo comprare materiali ulteriori, come la strumentazione necessaria per i rilievi cronometrici". 

 
13/04/2018







blog comments powered by Disqus


Auto elettriche, nuova colonnina sul Lungo Tanaro

Alessandria | L'apparecchio installato al distributore del metano di Amag. Il presidente Paolo Arrobbio: “La mobilità elettrica è il futuro del trasporto su gomma, soprattutto a livello urbano, poiché consente di abbinare risparmio e rispetto dell’ambiente”

Città off limits per tre anni, ma lo hanno trovato davanti all'Ospedale

Alessandria | Fermato ed identificato da fuori l'Ospedale, si è visto che il 35enne non avrebbe dovuto trovarsi in quella via. E nemmeno in quella città. Se n'è tornato a casa con l'ennesima denuncia

Amag Ambiente guarda agli investimenti. "Tre proposte per la raccolta rifiuti"

Alessandria | Un'azienda “sana” che chiude il 2018 in utile. I problemi sono di liquidità, per i pagamenti sempre in ritardo. Ora si guarda agli investimenti, visto che i mezzi hanno in media 15 anni. Tre i progetti per la raccolta differenziata proposti alla giunta comunale, “tutti tra i 6 e i 7 milioni” come costi. Intanto si aggiungono due unità al lavoro di “ispettore ambientale”

Comune, una Consulta per le proposte degli under 35

Alessandria | I membri saranno 60: adesioni libere a partire da aprile. Un'iniziativa del consigliere comunale Lorenzo Iacovoni. La proposta è stata infatti approvata all'unanimità nel corso dell'ultimo Consiglio comunale

Deiezioni canine: prova del DNA "troppo costosa". Ma è importante "sanzionare"

Alessandria | La mozione del capogruppo di SiAmo Alessandria, Giuseppe Bianchini, sull'igiene delle aree verdi e delle strade, con l'aggiornamento dell'anagrafe canina e il progetto della banca dati del DNA obbligatoria come fatto in altri comuni "richiede risorse ingenti". Strada impraticabile per l'assessore Barosini. Ma dai 5 stelle così come da consiglieri della Lega arrivano proposte di strade alternative e più percorribili: "più controlli e sanzioni". E l'obbligo di acqua oltre che sacchetti per raccogliere gli escrementi