Alessandria

Vendite eccezionali per i cappelli Borsalino: "L'attività prosegue". Il brand è ancora forte

A Pitti Uomo si temeva il fuggi fuggi dei buyers internazionali, causato dalle vicende giudiziarie. Invece sia le vendite natalizie sia la prima grande uscita del brand dopo il fattaccio sono stati un successo


ALESSANDRIA -  Alla prima uscita ufficiale dopo la doccia fredda di dicembre nessuno si poteva immaginare come avrebbe reagito il mercato, soprattutto estero, alla luce del recente “fallimento”. Borsalino si è presentata alla settimana del Pitti Uomo – il più importante evento di moda maschile dall'8 al 12 gennaio – sia per presentare la nuova collezione, sia per dimostrare che la produzione va avanti e che il brand di cappelli è più vivo che mai.

'Le vendite sotto Natale hanno avuto una impennata eccezionale' commentano dallo stand numero 7: i dati ufficiali non ci sono ancora ma l'operazione simpatia attorno al cappello più famoso al Mondo, il Comitato per salvare il salvabile hanno sicuramente attirato l'attenzione su un prodotto iconico, che tutti gli alessandrini hanno scoperto di avere nell'armadio, ma che solo da poche settimane hanno incominciato a calzarlo nuovamente con orgoglio. E che evidentemente è finito impacchettato sotto molti alberi.

Anche al Pitti l'accoglienza dei buyers è stata al di sopra delle aspettative: il timore era quello che passasse il messaggio di un'azienda in crisi, decotta e che non potesse sostenere gli ordini o continuare a sfornare oggetti di culto per le teste di tutto il Mondo.

I grandi compratori internazionali hanno capito che le disavventure giudiziarie non hanno intaccato qualità e produzione: “Una volta assodato che la storia del brand non si sarebbe interrotta al 160esimo anno”, dicono dallo staff al Pitti, “abbiamo parlato solo di moda, facendoci apprezzare per lo stile, come sempre”.

Il successo al di là di Tanaro e Bormida non era scontato: “Con tutte le notizie incomplete e fasulle che sono circolate...”. Tranquillizzati i clienti che contano, ora toccherà dimostrare che un Borsalino calza elegantemente anche su una testa femminile: a febbraio, a Milano c'è la settimana della moda. Non mancheranno i cappelli.
12/01/2018







blog comments powered by Disqus


Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

Sui social “non bisogna solo esserci, ma starci bene”

Alessandria | “Comunicazione e trasparenza per il cittadino: un nuovo modello di PA” è stato al centro del convegno promosso dall'Azienda Ospedaliera in occasione degli eventi per la settimana del Santo Patrono. Centini: “Noi viviamo di reputazione. Utilizzare i canali adeguati per dare informazioni e ricevere dalla cittadinanza feedback deve essere l'aspirazione superiore su cui puntare”. E la riorganizzazione per la comunicazione deve “partire dal front office”

Braccianti prima sfruttati poi accusati di diffamazione, presidio davanti al tribunale

Cronaca | Gli attivisti del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia hanno manifestato ieri davanti al tribunale di Alessandria mentre era in corso la prima udienza, sezione civile, a seguito della denuncia di due imprenditori che chiedono un risarcimento milionario per danni morali e materiali ai braccianti che scioperarono contro lo sfruttamento. Per lo sfruttamento gli imprenditori patteggiarono la pena ad un anno e 7 mesi

“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"