Provincia

Baldi: "se aumenta il traffico le nostre strade sono a rischio"

Il presidente della provincia Gianfranco Baldi lancia un appello a Liguria e Piemonte: "in caso di chiusura dell'autostrada il traffico si riverserà sulle nostre provinciali. Non facciamoci cogliere impreparati". Stimato in 50 milioni di euro il fabbisogno per la manutenzione e il consolidamento delle infrastrutture. "Per lavori urgenti i fondi sono stanziati ma da Roma non sono ancora arrivati"

PROVINCIA – L' arrivo dell'inverno preoccupa il presidente della provincia di Alessandria Gianfranco Baldi, alle prese con una rete stradale da oltre 2 mila chilometri, poche risorse a disposizione e un probabile aumento del traffico a causa del crollo di ponte Morandi a Genova. "Non facciamoci cogliere impreparati"  dice Baldi, lanciando un appello alle regioni Liguria e Piemonte, affinchè non lascino sola Alessandria ad affrontare le emergenze.
Lo stato di "pre allerta" lanciato da palazzo Ghilini arriva soprattutto da una considerazione: "Alessandria è il retroporto naturale di Genova. Con il crollo del ponte Morandi è inevitabile che parte del traffico, soprattutto quello dei tir, si riversi sulla nostra rete viaria". 
Già oggi, chi deve passare dal levante al ponente genovese, è indirizzato verso Novi, dove si raccordano l'autostrada  A7 con la A 26. 
"Quando ci sarà ghiaccio o neve, oppure in casi di incidente, l'autostrada chiude, soprattutto la A 7, che ha un percorso tortuoso. Il traffico non potrà che essere dirottato verso le nostre strade. Per questo motivo ho intenzione di proporre un incontro tra Liguria e Piemonte per chiedere che non ci lascino soli". Baldi anticipa che la Provincia "farà la sua parte il meglio possibile, ma facciamo già fatica con le nostre risorse a garantire l'ordinario. In caso di eventi straordinari, non sparemo proprio come fare". Alessandria intende quindi “battere cassa” a Genova e Torino. "Occorre, ad esempio, intervenire anche su una nuova cartellonistica che indichi percorsi alternativi in caso di chiusura dell'autostrada. Serve coordinamento tra le regioni e province in questo senso". Le strade che rischiano di essere messe a dura prova sono la 35 bis, che attraversa Serravalle, Novi, Pozzolo, fino ad Alessandria; la ex statale 10 ad Alessandria e Tortona; la sp 30 della val Bormida.
"Occoreranno anche controlli più frequenti da parte delle forze dell'ordine – aggiunge il presidente – Mi auguro che Genova possa risolvere a breve tutte le criticità ma probabilmente questo non avverà prima di un anno. Non vorrei che ci si trovasse tutti impreparati".

Intanto, nei giorni scrorsi anche la Provincia ha trasmesso al Dipartimento delle Infrastrutture i dati sullo stato di salute di circa 300 infrastrutture, ponti, sottopassi, viadotti. A richiedere una sorta di censimento era stato il ministero, tramite i dipartimenti regionali. 
Fatti i conti, Baldi ha presentato una richiesta per circa cinquanta milioni di euro per gli interventi di manutenzione e consolidamento sulle infrastrutture della Provincia di Alessandria.
"Gli interventi più urgenti sulla rete viaria provinciale – precisa però il presidente della Provincia – erano già stati individuati, prima dell'iniziativa del ministero e sono già stati inseriti nell'ultimo bilancio, per sette milioni di euro, e sono finanziati con fondi regionali. Peccato però che i soldi nelle nostre casse non siano ancora arrivati, perchè manca ancora la firma del ministero".

3/09/2018







blog comments powered by Disqus


Reddito di cittadinanza, "si rischia il caos se non arrivano direttive operative"

Economia | Di reddito di cittadinanza si parla ormai da mesi. Il provvedimento che lo introduce è stato approvato ed è ormai legge ma mancano direttive operative. Gli addetti ai Caf, ai centri per l'impiego e alle poste brancolano ancora nel buio. “In tanti ci chiedono informazioni, ma al momento non abbiamo altre indicazioni oltre a quelle descritte nel sito del ministero”

I Provinciali, musica e parole "di frontiera" per uno spettacolo made in Arquata

Arquata Scrivia | Note e parole per raccontare sogni e vita in una città come tante, in una provincia come tante. Al Teatro della Juta di Arquata Scrivia va in scena fuori cartellone una delle nuove produzioni dell'associazione Commedia Community/Teatro della Juta, dal titolo "I Provinciali-ballate per inguaribili ottimisti"

HSL, ad Arquata ancora un pareggio

Promozione - girone D | Un gol annullato, un legno per parte e l'espulsione di Russo per doppia ammonizione movimentano lo 0-0 finale

Studenti fra colori e illustrazioni, Girolibrando arriva ad Arquata

Arquata Scrivia | Anche gli alunni che frequentano le scuole dell'istituto comprensivo di Arquata Scrivia verranno coinvolti nella rassegna "Girolibrando leggiamo viaggiando" attraverso incontri con autori e presentazioni di libri. L'aula magna delle scuole medie di Arquata ospiterà l'illustratore Fuad Aziz

"Quello buonanima", debutto novese per i Gobbi

Novi Ligure | Intrighi famigliari e divertenti equivoci saranno alla base del debutto dello spettacolo "Quello buonanima" che sarà messo in scena dalla compagnia teatrale I Gobbi di Arquata Scrivia a Novi Ligure, nel teatro della parrocchia Sant'Antonio