Scuola e Università

Dalla Regione 10 borse di studio per gli specializzandi in medicina

Saitta: “Abbiamo mantenuto l’impegno che avevamo preso nei mesi scorsi. Abbiamo cercato di concentrarci sulle situazioni che presentano le maggiori carenze, ma è evidente come il fabbisogno del Piemonte sia decisamente più elevato. Occorre che il Miur incrementi il proprio stanziamento”

SCUOLA E UNIVERSITA' - Dieci borse di studio supplementari per gli specializzandi in medicina delle università piemontesi. Lo prevede la delibera presentata dall’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta e approvata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale. In questo modo la Regione Piemonte mette a disposizione uno stanziamento di 1 milione e 254mila euro, che va a integrare le risorse del Ministero dell’Istruzione, per finanziare l’attivazione dei posti aggiuntivi e coprire integralmente i costi per tutta la durata del ciclo formativo.

“Abbiamo mantenuto l’impegno che avevamo preso nei mesi scorsi: per la prima volta la Regione stanzia risorse per finanziare borse di studio per gli specializzandi in medicina - sottolinea l’assessore Saitta –. Abbiamo cercato di concentrarci sulle situazioni che presentano le maggiori carenze, ma è evidente come il fabbisogno del Piemonte sia decisamente più elevato. Occorre che il Miur incrementi il proprio stanziamento”.

“Senza un adeguamento dell’offerta formativa ai reali bisogni – continua l’assessore Saitta – si rischia nei prossimi anni di creare un’emergenza all’interno del sistema sanitario. Alla nostra sanità servono più medici: per questo motivo, anche in qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, continuerò a sollevare il tema e a chiedere al Miur un aumento delle risorse impiegate”.

Le 10 borse di studio supplementari saranno così destinate alle scuole di specializzazione:
- Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva e del dolore – 1 posto aggiuntivo all’Università degli Studi di Torino;
- Malattie dell’Apparato digerente – 1 posto aggiuntivo all’Università degli Studi di Torino;
- Medicina d’emergenza-urgenza – 3 posti aggiuntivi, 2 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale;
- Medicina Interna – 2 posti aggiuntivi, 1 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale;
- Pediatria – 3 posti aggiuntivi, 2 all’Università degli Studi di Torino e 1 all’Università degli Studi del Piemonte Orientale.

 
31/12/2017







blog comments powered by Disqus


Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliari di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria

Asse Alessandria-Asti contro i tagli di Rfi

Provincia | Il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno per "il mantenimento dei servizi indispensabili per l'economia del territorio provinciale". Asti sarà alleata di Comune e Provincia per la battaglia per garantire i collegamenti del sud ovest della regione con le dorsali tirreniche e adriatiche

Il Pd alle primarie, domenica urne aperte il 19 centri

Politica | Domenica 16 dicembre il Partito Democratico chiama a raccolta i propri iscritti e simpatizzanti per l’elezione del segretario e dell’assemblea regionale, in vista del congresso per l'elezione del segretario nazionale. Urne aperte in 19 seggi dalle 8 alle 20

In attesa del Natale, fra musica, escursioni e dialetto

Life | Cruciverba in dialetto, cori in concerto, musiche natalizie, mostra di presepi ed escursioni in val Borbera. L'attesa del Natale si fa coinvolgente grazie alle iniziative organizzate nel terzo weekend di dicembre

Autovelox di nuova generazione sulle strade provinciali

Provincia | Stanno per essere installati ventidue nuovi autovelox sulle strade della provincia di Alessandria. Non si tratta di nuove postazioni, precisano dagli uffici di palazzo Ghilini, bensì della sostituzione di quelli già esistenti. Saranno più efficienti e tecnologicamente avanzati