Economia

Coldiretti Alessandria: al via la petizione #Stopcibofalso

Oggi metà carrello della spesa resta anonimo. Una raccolta firme per chiedere all’Europa l’etichettatura obbligatoria d’origine per gli alimenti

ECONOMIA - Dai salumi alle marmellate, dai ragù ai sottoli, dal succo di frutta al pane fino al latte in polvere per bambini: a rischio “fake” nel carrello della spesa un prodotto alimentare su quattro che non riporta obbligatoriamente l’origine in etichetta. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti che ha smascherato la lista dei prodotti della spesa più a rischio in occasione dell’avvio della raccolta firme sulla petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola.

“Nonostante i passi in avanti che abbiamo fatto grazie alle battaglie organizzate dalla nostra Organizzazione, un ultimo esempio è l’entrata in vigore dell’etichettatura obbligatoria per il riso e la pasta, restano ancora ampi margini di miglioramento – afferma il presidente provinciale Roberto Paravidino -. Questa petizione vuole difendere le nostre produzioni ed il lavoro dei nostri imprenditori, bloccando le speculazioni che ostacolano l’economia del territorio. Basti pensare che, ad esempio, la frutta trasformata, come mele, kiwi e pesche resta anonima. Non è un caso che 9 italiani su 10 ritengano importante per la sicurezza alimentare conoscere la provenienza del cibo che consumano. Si tratta, quindi, di una battaglia di civiltà per garantire la salubrità di quanto viene consumato sulle nostre tavole. L’indicazione di origine permette di contrastare quelle imitazioni che ogni anno sottraggono 60 miliardi di euro all’economia dell’Italia e di rafforzare la lotta alle agromafie, oltre che prevenire le falsificazioni”.

È possibile firmare la petizione sul sito www.piemonte.coldiretti.it, in tutti i mercati di Campagna Amica che quotidianamente vengono allestiti sul territorio proviciale (per l’elenco consultare il sito www.campagnamica.it) e negli uffici Coldiretti presenti in modo capillare. 
20/02/2018







blog comments powered by Disqus


Distretto del novese, uno dei protagonisti del Salone del gusto

novi ligure | Anche il Distretto del Novese sarà uno dei protagonisti della kermesse torinese grazie alla collaborazione con Regione Piemonte. Infatti, nell'ambito dell’evento firmato Slow Food, sono state organizzate una serie di presentazioni di prodotti enogastronomici all'interno della sede regionale, nel cuore della città

Il teatro "gonfiabile" della Juta ad Ar.Qua.Tra.

Arquata Scrivia | Anche il Teatro della Juta sarà presente alla fiera dell'artigianato, delle qualità e della tradizione in programma ad Arquata Scrivia: il pubblico potrà assistere per l'intera giornata a numerose performance in una locatione interessante e suggestiva

Negozi chiusi la domenica, Cisl: “decidano i territori”

Economia | Nel dibattito politico sulle chiusure domenicali e festive dei negozi, si inserisce anche la voce di Cisl Alessandria-Asti. Per il segretario Marco Ciani “La strada migliore per noi è quella di riaffidare questa competenza alla contrattazione territoriale tra Comuni, aziende e sindacati”

L'Arquatese vince ma si complica il futuro

Promozione - girone D | Buon 2-1 al Santa Rita, ma l'infortunio a Pappadà e l'espulsione di Vera complicano le prossime giornate dei biancocelesti, salvati nel finale da Torre.

Arrivano nuovi infermieri, ma saranno a tempo determinato

Provincia |  Nove milioni di euro in meno dalla Regione Piemonte per le spese di personale dell'Asl Alessandria. La “stangata” arriva nonostante i sindacati denuncino da tempo una cronica carenza di personale. Entro l'anno c'è comunque l'impegno ad assumere, a tempo determinato, 50 infermieri e 30 operatori sanitari