Promozione - girone D

L'Arquatese vince ma si complica il futuro

Buon 2-1 al Santa Rita, ma l'infortunio a Pappadà e l'espulsione di Vera complicano le prossime giornate dei biancocelesti, salvati nel finale da Torre.

ARUQUATA SCRIVIA - L'Arquatese rimedia alla sconfitta dell'esordio con una grande prestazione ed un ritrovato protagonista: la partita contro il Santa Rita ha infatti mostrato una squadra assolutamente duttile, in grado sia di rimediare all’inferiorità numerica, sia di rendersi pericolosa con movimenti ormai ben orchestrati dalla linea dei centrocampisti, in particolare Valerio Motta che, con il passare delle domeniche, è sempre più decisivo per le sorti dei biancocelesti. Dai suoi piedi è partito il gol dell’1-0: punizione insidiosa respinta dal palo, con il portiere torinese lento a rialzarsi e battutto dall’incornata del giovane Fornasari. Simile il gol del 2-0, arrivato grazie ad una corta ribattuta del portiere ospite Bonifai sulla quale è intervenuto, di destro, Pappadà. Da quel momento in poi, l’Arquatese ha visto nero: prima l’infortunio dell’ex difensore del Calcio Derthona, la cui disponibilità è ancora incerta in vista di domenica, poi il rosso che l’arbitro ha estratto nei confronti di Junior Vera, reo di aver colpito a palla lontana un giocatore avversario, infine il gol di Matteucci su un calcio di rigore provocato da un intervento falloso piuttosto ingenuo. La rimonta del Santa Rita, però, si è fermata lì anche grazie ad un monumentale Torre che ha chiuso la serracinesca della propria porta nei concitati minuti finali dove è stato espulso anche l'allenatore Paveto. Una vittoria arrivata con una difesa in emergenza, con Firpo e Manzati infortunati e Bonanno squalificato, ma utile per il morale soprattutto in vista del prossimo impegno in trasferta sul campo della regina HSL Derthona reduce dal netto 7-1 al Rapid Torino.


ARQUATESE - SANTA RITA  2-1
Marcatori: pt 8’ Fornasari, 26’ Pappadà, 36’ Matteucci rig.

Arquatese: Torre Gab, Trapasso, Ricci, Petrosino, Pappadà (pt 42’ Daga), Tavella, Motta (st 44’ Fahmy), Maldonado, Mofena (st 20’ Torre Gia), Vera, Fornasari (st 27’ Spiga). A disp: Benedetti, Massa, Nesci, Minopoli. All. Paveto
Santa Rita: Bonifai, Gigliotti, Pautasso (st 37’ Talarico), Marra, Cerrato, Lupano (st 46’ Di Lucia L), D’Angelo, Rizzi (st 28’ Schepis), Di Lucia R (st 26’ Forlani), Matteucci (st 30’ Robucci), Caria. A disp: Ciucci, Angelelli, Greco, Valentino. All: Gialanella.

Arbitro: Carelli di Asti (Mariut e Bonomo di Asti)

Note: Espulsi Vera al pt 44’ per gioco violento e Talarico al st 47’ per gioco violento. Ammoniti Ricci, Tavella, Maldonado, Matteucci. Allontanato Paveto al st 42’ per proteste. Spettatori 60 circa.
17/09/2018
Enrico Varrecchione - sport@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


L'Acqui rimonta e batte una bella Arquatese

Promozione - girone D | Miracolo natalizio dei ragazzi di Merlo che, sotto 0-2 dopo 10', rimontano gli avversari ai quali viene annullato il 3-3 nel recupero

Extra Christmas Alessandria con Queenmania e Katia Ricciarelli al Palatenda

Alessandria | Queen Mania e Katia Ricciarelli saranno venerdì 21 dicembre all'Alegas Teatro Tenda

Da elettricista ad apicoltore

Parodi Ligure | La storia dei Mattia Giavotto che ha scelto l'amore per la natura e per le api come mestiere: "Il lavoro, nelle stagioni di punta, occupa tutta la giornata, sette giorni su sette ma mi piace molto e non mi pesa affatto. Più tempo passa e più apprezzo quello che faccio"

Previste nevicate, l'Arpa dirama l'allerta gialla

Novi Ligure | Per domani è stata diramata l'allerta meteo "gialla" su quasi tutto il territorio della provincia di Alessandria. L'Arpa prevede infatti nevicate diffuse

Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliari di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria