Provincia

Lo Stato chiede ai comuni la mappa delle infrastrutture a rischio

I comuni hanno tempo fino al 31 agosto per compilare un questionario inviato dalla Provincia, per conto del dipartimento del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, per segnalare lo stato di manutenzione di ponti e viadotti. I comuni: "impossibile in cosģ poco tempo"

PROVINCIA - Hanno tempo solo fino alla fine del mese, 31 agosto,  i comuni della provincia (e di tutta Italia) per rinviare al dipartimento regionale del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture la "mappa" di ponti e viadottia rischio.
La richiesta è stata inviata per tramite della Provincia a tutti i 188 comuni del territorio, che ora si stanno attivato per raccogliere i dati, non senza difficoltà.
Tanto che palazzo Ghilini, prima di procedere con l'invio delle lettere, ha chiesto all'Unione delle Province per capire come muoversi. I tempi sono stretti e i comuni, soprattutto quelli di piccole dimensioni, si trovano in seria difficoltà. 

L'ente Provincia, dopo la tragedia del crollo del ponte Morandi a Genova, aveva già provveduto, nei giorni immediatamente succissivi, a monitorare, secondo le modalità concordate con l'Upi, le circa 300 infrastrutture insistenti sul territorio provinciale (ponti, viadotti, cavalcavia, sottopassi, di estensione superiore ai 5 metri). E' stata poi stilata una classifica degli interventi da effettuare secondo le diverse priorità priorità che sarà esaminata giovedì in una riunione del dipartimento, a Torino.

I comuni, invece, arrancano per mancanza di tempo, di risorse economiche e di personale. "Si i tempi sono questi, mandino ingegneri e architetti competenti a fare i monitoraggi, visto che questi richiedono anche competenze specifiche", dice, ad esempio, il sindaco di Vignole Borbera Giuseppe Teti.  A Vignole la "sorpresa" l'avevano già avuto lo scorso anno, con la scuola. Il comune aveva fatto eseguire una perizia sulla scuola dall'università di Genova e la scuola era risultata inidonea. 

"Per quanto riguarda i monitoraggi – dice Silvio Barbieri, sindaco di Grondona e presidente dell'Unione dei comuni della Val Borbera e Spinti, che riunisce Vignole, Borghetto, Grondona, Stazzano - siamo a buon punto. Il problema sono piuttosto le progettazioni, che vanno pagate, e gli interventi stessi. Facciamo fatica a trovare le risorse per fare gli asfalti, non è pensabile finanziare, con le nostre risorse, progetti da 100 o 200 mila euro su ponti e viadotti".
Va bene il censimento, ma la vera partita sarà dunque quella dei fondi per le eventuali opere. Su 188 comuni è pensabile che interventi più o meno urgenti siano da mettere in conto un po' ovunque, soprattutto nei territori collinari e montani, soggetti anche agli eventi meteorologici degli ultimi anni. 
29/08/2018







blog comments powered by Disqus


Terzo Valico, sciopero a oltranza nel cantiere Radimero

Arquata Scrivia | Sciopero a oltranza nel cantiere del Terzo Valico allestito in localitą Radimero, ad Arquata Scrivia. L'hanno proclamato i sindacati degli edili per protestare contro il mancato pagamento della retribuzione

HSL Derthona ed Arquatese passano il turno, Castellazzo k.o.

Coppa Italia Dilettanti - Coppa Promozione | Ancora una goleada fra tortonesi e termali: passano i padroni di casa. Il Canelli espugna il "Centogrigio" ed elimina i biancoverdi

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

"Quattro ore nelle tenebre": guerra, fughe e il coraggio di don Luigi Mazzarello

Arquata Scrivia | Introdotto da Silvana Montecucco, Paolo Mazzarello, docente di Storia della medicina all'universitą di Pavia, parlerą del suo libro "Quattro ore nelle tenebre", edito da Bompiani. L'incontro si terrą negli spazi della biblioteca civica Poggi di Arquata Scrivia

Donna scomparsa, proseguono le ricerche: appello a chi ha informazioni utili

Gavi | Proseguono le ricerche della donna di 47 anni allontanatasi volontariamente da casa, a Gavi. Le forze dell'ordine hanno diffuso le generalitą, la foto e la targa dell'auto per raccogliere eventuali segnalazioni