Arquata Scrivia

Mai Morti, alla Juta il delirio nostalgico portato in scena da Bebo Storti

"Un monologo che cerca di rammentare, a chi se lo fosse dimenticato o non l'avesse mai appreso che la parola antifascismo ha ancora un fondamentale e profondo motivo di esistere". "Mai morti", lo spettacolo che l'attore Bebo Storti porterą in scena al teatro della Juta di Arquata Scrivia punta alla riflessione su temi delicati e importanti

ARQUATA SCRIVIA - "Un monologo che cerca di rammentare, a chi se lo fosse dimenticato o non l'avesse mai appreso che la parola antifascismo ha ancora un fondamentale e profondo motivo di esistere, e per riflettere su quanto, in Italia, il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia siano difficili da estirpare". “Mai morti”, lo spettacolo che l'attore Bebo Storti porterà in scena al teatro della Juta di Arquata, con il testo e per la regia di Renato Sarti, punta alla riflessione su temi delicati e importanti.

Venerdì 23 marzo, alle ore 21.00, l'attore milanese porterà in scena una “affabulazione nera” che fa arrabbiare, divide, emoziona e commuove. Mai Morti era il nome di uno dei più terribili battaglioni della Decima Mas. A questa formazione, che operò a fianco dei nazisti nella repressione antipartigiana, e al magma inquietante del pianeta fascista il personaggio interpretato da Bebo Storti guarda con delirante nostalgia. Durante una notte milanese dei nostri giorni, il protagonista si abbandona a ricordi sacri, lontani, cari. Evoca le “gloriose” azioni della Ettore Muti, come le torture praticate nelle stanze di quello che diventerà il Piccolo Teatro di Milano. Ricorda le stragi compiute dall'Esercito Italiano in Africa e l'uso indiscriminato e massiccio dei gas contro le popolazioni civili. Ad animare i suoi sogni a occhi aperti sono anche alcune vicende del passato più prossimo e del nostro presente: dalla strage di piazza Fontana nella Milano incandescente del 1969 fino al G8 di Genova.

Bebo Storti è attore di cinema, teatro, televisione. È conosciuto al grande pubblico grazie al programma televisivo Mai dire Gol, dove interpreta personaggi comici come il Conte Uguccione, Alfio Muschio, Thomas Prostata e Adelmo Stecchetti. Al cinema lavora per molti registi, tra cui Gabriele Salvatores, Francesca Comencini, Neri Parenti, Marco Risi, Paolo Virzì, Fausto Brizzi e Marco Tullio Giordana. Recita inoltre per molte fiction televisive, tra cui “Le mani dentro la città”, regia di Alessandro Angelini, “1992” e “Non uccidere”, regia di Giuseppe Gagliardi. Nel 2002 inizia al Teatro dell'Elfo la tournée del monologo drammatico "Mai Morti".

Posto unico 12 euro. Apertura biglietteria ore 20.00. Informazioni e prenotazioni: cell. 345 0604219.
21/03/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Trenitalia: sciopero del personale nel fine settimana

Ovada  | Weekend di disagi anche per i viaggiatori della linea ferroviaria Acqui Terme-Ovada-Genova, a fronte dello sciopero di ventiquattro ore proclamato dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

Teatro all'aperto, commedie in dialetto e concerti: suggerimenti per il weekend

Life | Il fine settimana si avvicina ed č tempo di scegliere come poter trascorrere queste serate estive: tra sagre, serate danzanti, concerti lirici e di musica folk e teatro, una guida alle iniziative del weekend

"In flora", in mostra gli scatti di Stefano Mandoletti

Novi Ligure | "In flora" č il titolo della mostra che raccoglie le fotografie di Stefano Mandoletti e che verrą inaugurata negli spazi della galleria Pagetto Arte di Novi Ligure. Mandoletti abita ad Arquata Scrivia ma č originario di Crocefieschi e nutre una grande passione per la fotografia e l'escursionismo

"Prendiamoci per mano sotto le stelle" per raccogliere fondi pro Anffas

Arquata Scrivia | Terza edizione ad Arquata Scrivia della serata benefica organizzata dall'amministrazione comunale per l'Anffas, l'associazione che si propone di assicurare il benessere e la tutela delle persone con disabilitą intellattiva e relazionale e delle loro famiglie, e che opera a Novi Ligure e Serravalle Scrivia

Alessandria, un territorio compatto sull'accoglienza migranti. Orgoglio riemerso

Provincia | Accoglienza diffusa, tavoli di confronto e la ricerca della coesione istituzionale e sociale: il Prefetto Romilda Tafuri, che a breve lascerą la Provincia, fa un bilancio dei sei anni di permanenza a palazzo Ghilini in questa intervista esclusiva