Provincia

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

LAVORO – Mancano circa 30 portalettere in provincia di Alessandria, ma l'azienda sembra non sia intenzionata a procedere con nuove assunzioni o a stabilizzare i precari. A dirlo sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil in una nota unitaria in cui chiedono a Poste Italiane come intenda “garantire il servizio, considerato essenziale, a tutta la popolazione”.
E' infatti da poco terminato l'introduzione del nuovo modello, che prevede il recapito della posta a giorni alterni. Ma il numero dei dipendenti è ancora sotto organico. “La copertura lorda si assesta intorno al 98% mentre il nuovo modello organizzativo stabilisce una percentuale lorda del 110%.(cioè il 10% di scorte). Ciononostante, unica provincia in tutto il Piemonte, malgrado l’accordo nazionale sulle Politiche Attive del Lavoro, non sono previste da parte aziendale né trasformazioni da part time a full time per il personale che ha questa tipologia di contratto, né stabilizzazioni a tempo indeterminato del personale assunto negli anni precedenti con contratti a termine”, dicono i sindacati.
In una audizione alla Camera, l'amministratore delegato Matteo Del Fante ha affermato che gli uffici nei piccoli comuni non chiuderanno, poiché si tratta di un servizio essenziale. Ma in molti paesi, agli sportelli è presente un solo addetto, il direttore, mentre manca quasi sempre lo sportellista. In quelli di poco più grandi (Cluster A2, si chiamano tecnicamente) oltre al direttore è presente un impiegato, anziché due. Negli uffici centrali, poi, “il servizio viene garantito solamente attraverso il ricorso allo straordinario, programmato strutturalmente di settimana in settimana. Il personale di sportelleria viene sistematicamente comandato in trasferta e distaccato in sedi di lavoro diverse da quelle di applicazione Ma anche in questo caso non è prevista in provincia alcuna immissione di personale”
In definitiva, i sindacati chiedono “a Poste Italiane quali provvedimenti organizzativi intende adottare e alle istituzioni locali quali iniziative intendano mettere in campo affinchè un servizio, che rimane comunque sociale, venga garantito in termini soddisfacenti da un punto di vista quali qualitativo a tutta la popolazione”.
25/09/2018







blog comments powered by Disqus


Terzo Valico, sciopero a oltranza nel cantiere Radimero

Arquata Scrivia | Sciopero a oltranza nel cantiere del Terzo Valico allestito in localitą Radimero, ad Arquata Scrivia. L'hanno proclamato i sindacati degli edili per protestare contro il mancato pagamento della retribuzione

HSL Derthona ed Arquatese passano il turno, Castellazzo k.o.

Coppa Italia Dilettanti - Coppa Promozione | Ancora una goleada fra tortonesi e termali: passano i padroni di casa. Il Canelli espugna il "Centogrigio" ed elimina i biancoverdi

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

"Quattro ore nelle tenebre": guerra, fughe e il coraggio di don Luigi Mazzarello

Arquata Scrivia | Introdotto da Silvana Montecucco, Paolo Mazzarello, docente di Storia della medicina all'universitą di Pavia, parlerą del suo libro "Quattro ore nelle tenebre", edito da Bompiani. L'incontro si terrą negli spazi della biblioteca civica Poggi di Arquata Scrivia

Donna scomparsa, proseguono le ricerche: appello a chi ha informazioni utili

Gavi | Proseguono le ricerche della donna di 47 anni allontanatasi volontariamente da casa, a Gavi. Le forze dell'ordine hanno diffuso le generalitą, la foto e la targa dell'auto per raccogliere eventuali segnalazioni