Ovada

Treni: piano anti emergenza della Prefettura

A Genova incontro con RFI per mettere a punto una serie di azioni per scongiurare altre giornate come quello del 10 e 11 dicembre scorsi

 OVADA - Non dovranno più verificarsi i disservizi visti il 10 e 11 dicembre quando il gelo su binari e cavi per l’alimentazione dei treni ha messo in ginocchio la circolazione dei treni, in particolare le linee a metà tra Liguria, Piemonte e Lombardia. Ne è convinta la Prefettura di Genova che ha varato un piano dopo l’incontro con Rete Ferroviaria Italiana.  Quest’ultima dovrà avere un numero dedicato per i contatti con la Protezione civile per avere notizie sullo stato dei trasporti e sulle eventuali emergenze. Particolare attenzione Rfi dovrà rivolgere alla comunicazione verso gli utenti in caso di sospensione o interruzione del servizio. Rfi dovrà anche definire le procedure da attivare in caso di emergenza organizzando l’attivazione di mezzi di trasporto alternativi. 

“L’incontro in Prefettura a Genova – ha commentato FS in una nota ufficiale - è stato convocato per analizzare le criticità emerse nella gestione dell’emergenza gelicidio che ha interessato l’intera regione colpendo, per 48 ore, la rete stradale e 300 km di linee ferroviarie e per individuare eventuali ulteriori azioni operative. L’eccezionalità del fenomeno del gelicidio atmosferico ha certamente inciso sui tempi e modi di ristabilimento della piena funzionalità delle linee ferroviarie. Nel corso dell’incontro i rappresentanti del Gruppo Fs Italiane (Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia) hanno evidenziato le difficoltà incontrate negli spostamenti sulla rete stradale per le gelate in atto e la perturbazione del traffico stradale, con difficoltà anche per gli autobus sostitutivi immediatamente attivati da Trenitalia».

«I piani operativi per le emergenze – prosegue - anche per neve e gelo hanno procedure definite per l’intervento delle squadre tecniche di emergenza, azioni per l’informazione e l’assistenza ai clienti e per l’attivazione di servizi sostitutivi con autobus ogni anno sono aggiornati, trasmessi e presentati alla Protezione civile e a tutte le Prefetture italiane. I piani sono gestiti dal Centro operativo territoriale, quello di Genova è stato attivato domenica 10 dicembre. Il gruppo Fs ha confermato la piena disponibilità a partecipare a ulteriori incontri che la Prefettura di Genova vorrà convocare per accogliere i contributi operativi e organizzativi che saranno suggeriti dal prefetto, dall’assessore alle infrastrutture della Regione Liguria, dalla Protezione civile regionale, dalla polizia ferroviaria e dai vigili del fuoco”

 

23/12/2017







blog comments powered by Disqus


Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Violenza donne, parrucchieri ed estetisti saranno 'sentinelle' delle donne maltrattate

Torino | L'iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte, mira ad avviare una sperimentazione da estendere poi su tutto il territorio nazionale

Tutte le iniziative del Progetto Giovani di Arquata

Arquata Scrivia | "Dialoghi nel borgo", laboratorio esperienziale volto a valorizzare l'importanza delle relazioni nella comunità di un paese, è solo uno degli eventi che formano il Progetto Giovani di Arquata Scrivia

Maturandi ai blocchi di partenza, mercoledì al via le prove per 2.622 studenti

Scuola | Sono 2.622 i maturandi che mercoledì affronteranno la prima delle tre prove scritte dell'esame di maturità. 964 sono gli studenti degli istituti tecnici, seguiti per numero dagli alunni dei licei scientifici

"La natura è viva" nei dipinti di Vivian esposti in municipio

Arquata Scrivia | Verrà inaugurata nell'atrio del palazzo comunale di Arquata Scrivia la selezione di dipinti di Vivian Re Caretti. La mostra "La natura viva", che sarà visitabile fino al 29 giugno, è stata curata dal figlio, Peter Rosa, un medico specializzato in malattie infettive, spinto dal desiderio di ricordare la madre scomparsa nel 2015 e dare giusto risalto al suo estro artistico