Novi Ligure

Andrea tradito dalla montagna che amava di più

E' morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure precipitato durante una scalata sul Monte Bianco. L'ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto cadere e finire in un crepaccio

COURMAYEUR – È morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure che nella notte tra giovedì 7 e venerdì 8 settembre è precipitato durante la salita della via Major al Monte Bianco, sul versante della Brenva. Era la montagna che amava di più, c'era già stato ad agosto per festeggiare lassù in solitaria il proprio 21esimo compleanno.

Andrea, 21 anni, era partito da solo verso l’una di notte, l’ora adeguata per affrontare una via impegnativa come la Major. Stando alla ricostruzione degli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Entrèves, operata sulla base delle foto scattate dall’alpinista stesso durante l’ascesa, l’incidente si è verificato dopo le tre del mattino, quando la salita era iniziata da poco più di due ore.

L’ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto precipitare per quasi trecento metri, finendo in un crepaccio terminale ai piedi della parete d’inizio via. Nel tardo pomeriggio di venerdì, quando Andrea non è ritornato a valle e il suo cellulare risultava muto, è scattato l’allarme: un elicottero si è alzato in volo è ha individuato il corpo ormai senza vita del ragazzo.

La salita al Monte Bianco per la via Major è uno degli itinerari più classici, ma in questo periodo le insidie sono tante: il lungo periodo di siccità e le alte temperature di questa estate hanno determinato condizioni non ottimali per l’alpinismo. Il crepaccio ha inghiottito il corpo di Andrea proprio a causa della scarsa copertura nevosa.

Il recupero del cadavere è stato complesso. Le condizioni meteo erano cattive e la zona è sotto la minaccia costante di seracchi: gli uomini del soccorso alpino si sono calati con un verricello mentre l’elicottero è rimasto in volo stazionario a quindici metri di altezza. L’operazione di recupero si è conclusa all’imbrunire. La salma è stata composta alla camera mortuaria di Courmayeur.

Andrea abitava in viale della Rimembranza a Novi Ligure con il padre Yonny e la madre Patrizia Marchesotti, molto nota per il suo impegno nel volontariato: è presidente dell’Aism, l’associazione per i malati di sclerosi multipla. Ancora da fissare la data delle esequie.
10/09/2017







blog comments powered by Disqus


Via Bissati da gioiello della città a simbolo di degrado

Alessandria | Da più di un anno i residenti sono tenuti in scacco da gruppi di ragazzini che reiterano atteggiamenti incivili, senza che nessuno prenda dei provvedimenti in grado di fermarli. Ecco cosa sono stati capaci di fare finora i ragazzi e l'appello di chi abita lì, ormai esasperato

Cannabis ad uso terapeutico: “Alessandria ancora in fase sperimentale”

Società | Dal 2013 la cannabis può essere prescritta gratuitamente come palliativo nella cura di sclerosi, distrofie, dolori cronici, anoressia, ecc In ambito medico, però, il dibattito resta aperto...

Con la Robur capolista serve un segnale: Grigi all'esame 'Franchi'

Serie C - girone A | Bellomo possibile titolare con il Siena, out Giosa per infortunio. Robur Siena prima in classifica insieme al Livorno, tra gli ex di giornata c'è anche Stellini: “Dopo il cazzotto dobbiamo reagire”. Calcio di inizio alle 16.30

Rifiuti: superata la fase critica, si torna alla normalità. Anche in Aral

Tortona | Si può dire quasi conclusa la fase di criticità della discarica del comune di Tortona, dopo che nei mesi estivi è stato comunicato lo stop al conferimento per il trattamento del rifiuto indifferenziato in Aral (coinvolta in una inchiesta giudiziaria). "Qualche settimana e l'impianto di Aral dovrebbe riprendere a funzionare, riportando tutto alla normalità"

Abilitando ritorna e raddoppia: ormai è una vera eccellenza nazionale

Alessandria | Convegni, tavole rotonde, spazi espositivi, spettacoli e molto altro in una due giorni, il 6 e 7 ottobre, nel complesso di Santa Croce a Bosco Marengo per "superare insieme gli ostacoli della diversità"