Novi Ligure

Andrea tradito dalla montagna che amava di più

E' morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure precipitato durante una scalata sul Monte Bianco. L'ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto cadere e finire in un crepaccio

COURMAYEUR – È morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure che nella notte tra giovedì 7 e venerdì 8 settembre è precipitato durante la salita della via Major al Monte Bianco, sul versante della Brenva. Era la montagna che amava di più, c'era già stato ad agosto per festeggiare lassù in solitaria il proprio 21esimo compleanno.

Andrea, 21 anni, era partito da solo verso l’una di notte, l’ora adeguata per affrontare una via impegnativa come la Major. Stando alla ricostruzione degli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Entrèves, operata sulla base delle foto scattate dall’alpinista stesso durante l’ascesa, l’incidente si è verificato dopo le tre del mattino, quando la salita era iniziata da poco più di due ore.

L’ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto precipitare per quasi trecento metri, finendo in un crepaccio terminale ai piedi della parete d’inizio via. Nel tardo pomeriggio di venerdì, quando Andrea non è ritornato a valle e il suo cellulare risultava muto, è scattato l’allarme: un elicottero si è alzato in volo è ha individuato il corpo ormai senza vita del ragazzo.

La salita al Monte Bianco per la via Major è uno degli itinerari più classici, ma in questo periodo le insidie sono tante: il lungo periodo di siccità e le alte temperature di questa estate hanno determinato condizioni non ottimali per l’alpinismo. Il crepaccio ha inghiottito il corpo di Andrea proprio a causa della scarsa copertura nevosa.

Il recupero del cadavere è stato complesso. Le condizioni meteo erano cattive e la zona è sotto la minaccia costante di seracchi: gli uomini del soccorso alpino si sono calati con un verricello mentre l’elicottero è rimasto in volo stazionario a quindici metri di altezza. L’operazione di recupero si è conclusa all’imbrunire. La salma è stata composta alla camera mortuaria di Courmayeur.

Andrea abitava in viale della Rimembranza a Novi Ligure con il padre Yonny e la madre Patrizia Marchesotti, molto nota per il suo impegno nel volontariato: è presidente dell’Aism, l’associazione per i malati di sclerosi multipla. Ancora da fissare la data delle esequie.
10/09/2017







blog comments powered by Disqus


Ilva e Terzo Valico, per gli autotrasportatori lo spettro dei mancati pagamenti

Novi Ligure | L'Ilva continua a tenere con il fiato sospeso gli autotrasportatori novesi, che vantano fatture per 5 milioni di euro. E come se non bastasse ora ci si aggiunge anche il Terzo Valico. Trasportounito ha infatti denunciato "un insostenibile ritardo nel pagamento dei servizi di sgombero dei materiali di scavo"

Cantieri in città: "il laghetto di c.so 4 Novembre è solo l'inizio". Ecco l'elenco dei prossimi

Alessandria | L'intervento, in corso in questi giorni, serve per installare il sistema di ricircolo dell'acqua e sarà fondamentale per le tante tartarughe che vivono lì. A partire dalla primavera la città dovrebbe diventare teatro di una serie di interventi manutentivi su strade e marciapiedi. Ecco le zone interessate

Alessandria Film Festival: tre giorni di eventi dedicati al cinema

Alessandria | Dal 2 al 4 marzo lungometraggi e corti da tutto il mondo, il regista Giuseppe Piccioni, l'attrice alessandrina Marta Gastini, Michele Gammino e Francesco Pannofino, le “voci” italiane dei più grandi attori americani, laboratori e incontri sulla settima arte

"Buttafuori" in nero e agenzia senza permesso fermati dai Carabinieri

Cronaca | L'indagine partita dai Carabinieri di Capriata d'Orba ha coinvolto anche l'ispettorato del Lavoro: 23 "buttafuori" svolgevano servizi di sicurezza in locali notturni e alle sagre o manifestazioni della zona. Due denunciati

Telecamere: 47 da sostituire e nuova “controll room” che coinvolge le Forze dell'Ordine

Alessandria | Il progetto esecutivo si sta pianificando con Fastweb con affidamento da convenzione Consip. “Integrale sostituzione delle 47 telecamere, oggi nel funziona il 25%. Nuova controll room alla Polizia Municipale con altre due postazioni da Carabinieri e in Questura”. Il mutuo è stato accettato