Novi Ligure

Andrea tradito dalla montagna che amava di più

E' morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure precipitato durante una scalata sul Monte Bianco. L'ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto cadere e finire in un crepaccio

COURMAYEUR – È morto per una tragica fatalità Andrea Chaves Lopez, lo studente di Novi Ligure che nella notte tra giovedì 7 e venerdì 8 settembre è precipitato durante la salita della via Major al Monte Bianco, sul versante della Brenva. Era la montagna che amava di più, c'era già stato ad agosto per festeggiare lassù in solitaria il proprio 21esimo compleanno.

Andrea, 21 anni, era partito da solo verso l’una di notte, l’ora adeguata per affrontare una via impegnativa come la Major. Stando alla ricostruzione degli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Entrèves, operata sulla base delle foto scattate dall’alpinista stesso durante l’ascesa, l’incidente si è verificato dopo le tre del mattino, quando la salita era iniziata da poco più di due ore.

L’ipotesi più probabile è che una scarica di sassi o uno scivolamento causato dal manto nevoso instabile lo abbia fatto precipitare per quasi trecento metri, finendo in un crepaccio terminale ai piedi della parete d’inizio via. Nel tardo pomeriggio di venerdì, quando Andrea non è ritornato a valle e il suo cellulare risultava muto, è scattato l’allarme: un elicottero si è alzato in volo è ha individuato il corpo ormai senza vita del ragazzo.

La salita al Monte Bianco per la via Major è uno degli itinerari più classici, ma in questo periodo le insidie sono tante: il lungo periodo di siccità e le alte temperature di questa estate hanno determinato condizioni non ottimali per l’alpinismo. Il crepaccio ha inghiottito il corpo di Andrea proprio a causa della scarsa copertura nevosa.

Il recupero del cadavere è stato complesso. Le condizioni meteo erano cattive e la zona è sotto la minaccia costante di seracchi: gli uomini del soccorso alpino si sono calati con un verricello mentre l’elicottero è rimasto in volo stazionario a quindici metri di altezza. L’operazione di recupero si è conclusa all’imbrunire. La salma è stata composta alla camera mortuaria di Courmayeur.

Andrea abitava in viale della Rimembranza a Novi Ligure con il padre Yonny e la madre Patrizia Marchesotti, molto nota per il suo impegno nel volontariato: è presidente dell’Aism, l’associazione per i malati di sclerosi multipla. Ancora da fissare la data delle esequie.
10/09/2017







blog comments powered by Disqus


Braccianti in nero reclutati ad Alessandria per lavorare nelle vigne dell'astigiano

Cronaca | Una cooperativa alessandrina impiegava manodopera irregolare in lavori nel settore agricolo. Una cinquantina di persone, di cui solo una decina regolarmente assunta, veniva accompagnata tutte le mattine nelle vigne tra Asti e Cuneo

Scippata in pieno giorno in viale Michel

Cronaca | Una donna all'ultimo mese di gravidanza è stata scippata in via Teresa Michel da un uomo in bicicletta. Portata in ospedale per accertamenti

Brumotti in città: visita a sorpresa presto l'Ospedale Infantile

Alessandria | Il viaggio per l’Italia di Brumotti ha fatto tappa anche all’Ospedale Infantile di Alessandria. Un po’ a sorpresa, il noto biker televisivo, che ha legato il suo progetto ad una iniziativa di raccolta fondi per l’Associazione Famiglie SMA, ha salutato operatori e i ricoverati del Cesare Arrigo

Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

Centro Giovani dei Giardini Pittaluga: dalle idee alle attività per riqualificare uno spazio del centro città

Alessandria | Martedì 26 giugno la premiazione dei vincitori a conclusione dei progetti IdeAliTu! e Re-generation. Nei locali rinnovati anche una mostra fotografica dedicato all'ex complesso di San Francesco e la presentazione delle idee progettuali che nasceranno nel campus residenziale