Intercultura

"Afs effect": quando un'esperienza all'estero ti cambia la vita

Scopriamo questo fenomeno comune fra chi ha avuto l'occasione di studiare per un periodo lontano dal proprio paese: un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro di persone e culture e le connette profondamente

ALESSANDRIA - Noi volontari lo chiamiamo "AFS effect", ovvero un processo di reazione a catena potenzialmente infinito che nasce dall'incontro  di persone e culture e le connette profondamente.

Fondamentalmente è l'evoluzione  del classico "peace and love", ma il concetto è quello: amore nelle sue varie accezioni. Quando Mariana è scesa dal pullman che arrivava da Roma per incontrare la sua famiglia ospitante, ho assistito a una scena inaspettata che ricorderò sempre: Mariana e la sua mamma ospitante, Michela, si sono abbracciate con le lacrime agli occhi e non si erano mai viste prima.

Mariana è una ragazza portoghese, di Lisbona, di cui sono stata assistente nell'anno 205-2016, durante il suo anno in Italia. Il ruolo di assistente non è semplice, se sorgono problemi in famiglia,  l'assistente è il primo a intervenire e mediare, ma anche se non vi sono problemi seri, vi è un filo sottile, facilmente oltrepassabile, tra l'essere volontario-assistente e l'essere amico. Essere assistente però non significa solo "abbaiare" in caso si debbano dire dei "no" o risolvere problemi, ma anche condividere momenti insieme, stringere un legame. Con Mariana é stato naturale come lo scorrere dell'acqua, anzi, più come uno tsunami: Mariana fin da subito si è rivelata una persona positiva, energica, solare e molto propositiva. Insomma, non era da spronare, ma a volte da frenare! Nell'arco di un anno, ha intrapreso un crescendo magnifico, in famiglia e nella comunità. E tra noi due ha iniziato a crearsi un bellissimo rapporto di amicizia che è sfociato nella mia visita a Lisbona questo febbraio. È stato un po' strano all'inizio, da un lato, ormai rivestivo solo i panni di amica, dall'altro la situazione si era capovolta: ora lei mi parlava del popolo portoghese, dei luoghi, del cibo, e mi introduceva nella sua vita, presentandomi gli amici e la famiglia di cui mi raccontava quando era in Italia.

In conclusione, sono stata molto fortunata ad essere sua assistente, ho avuto il privilegio di conoscere una piccola grande donna. Bello l'AFS effect, no?
2/04/2017
Valeria Pareto - Intercultura - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

“Natale è un po’ bambino”: da domenica 2 dicembre decine di eventi per bambini e famiglie

Alessandria | Presentato il programma per il mese di dicembre, con decine di laboratori per le fasce di età 0-4 anni, 5-7 anni e 8-11 anni, oltre a proposte dedicate a genitori e pubblico adulto in generale. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti e come parteciparvi

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce